8
gennaio

SONO INNOCENTE: UNA ‘BATOSTA’ CORAGGIOSA ED EFFICACE. RAI3 ROMPE IL SILENZIO SULLA MALAGIUSTIZIA

Sono Innocente

Impossibile restare distaccati di fronte alle storie di Sono Innocente. Perché gli occhi di chi è finito in carcere per errore sono magnetici: raccontano un dramma kafkiano, incredibile a credersi. Ma consumatosi per davvero. Rai3 ha scelto di presentare le vicende di chi ha pagato per colpe mai commesse, proponendo un programma dal forte impatto contenutistico ed emotivo. Una ‘batosta’ necessaria e coraggiosa, rifilata dal conduttore Alberto Matano con toni rispettosi e privi di sensazionalismo.

Sono Innocente ripercorre le storie di persone accusate ingiustamente e sbattute, per errore, in carcere. La ricostruzione delle vicende avviene con degli stralci di docu fiction, alternati alle testimonianze dei protagonisti stessi. I loro volti, feriti dal tritacarne della malagiustizia, diventano un emblema, un simbolo che impone serie riflessioni. L’operazione è particolarmente potente: l’immedesimazione del telespettatore, del resto, è immediata e spontanea, dal momento che le inaudite sviste raccontate hanno colpito persone comuni.

In studio, Alberto Matano dialoga con i protagonisti ed i loro parenti più stretti e lo fa con una delicatezza apprezzabile, con uno stile asciutto che lascia trasparire le emozioni degli intervistati ma non indugia su dettagli sensazionalistici. Le storie sono così forti da non richiedere particolari artifici per la resa televisiva: Diego Olivieri, al centro della prima puntata, si è visto accusato da un giorno all’altro di traffico di droga e associazione mafiosa. Un’imputazione rivelatasi infondata, che lo ha portato a vivere per un anno nelle sezioni più dure delle carceri. Toccante la sua testimonianza, così come quella di Maria Andò, accusata per errore di rapina e tentato omicidio.

Due storie incredibili, eppure accadute davvero. Il racconto televisivo è agile, ma non superficiale: lo spettatore vive con un certo pathos le varie fasi della vicenda, quasi si commuove per la riaffermazione della verità in favore dei poveri malcapitati. Con Sono Innocente, a Rai3 va dato il merito di aver acceso i riflettori su una tematica – quella degli errori giudiziari – di cui in tv si parla poco e in modo spesso ideologico. In questo caso, invece, le vicende e i volti di chi ha pagato ingiustamente lasciano spazio alla riflessione del telespettatore e puntano l’attenzione su un aspetto cruciale: il dramma umano inflitto a persone innocenti. I giorni di libertà negata che nessuno potrà restituire.

Ambiziosa la scelta di proporre il programma nel prime time del sabato, anche se forse la seconda serata avrebbe conferito ulteriore efficacia all’affermazione del prodotto. A Sono Innocente manca forse l’afflato della speranza: di fronte agli errori giudiziari raccontati si rimane quasi inermi, spaventati dalla disinvoltura impunita con cui certe irregolarità vengono commesse. Chi risponderà per quei procurati drammi?

La risposta, va però precisato, non spetta ad una trasmissione televisiva, che oltre alla denuncia non può fare. Fornire soluzioni è compito della politica.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Sono Innocente
SONO INNOCENTE: ALBERTO MATANO RACCONTA SU RAI 3 STORIE VERE DI PERSONE DETENUTE PER ERRORE. E CI INVIA UN VIDEO…


proietti-gigi
LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (23-29/01/2017). PROMOSSI PROIETTI E IL COLLEGIO, BOCCIATI GLI INDIGNATI PER SANREMO


Alberto Matano e Luciana Littizzetto
TG1, VALZER DI CONDUTTORI. MATANO E D’ACQUINO PROMOSSI ALLE 20

1 Commento dei lettori »

1. Michele ha scritto:

8 gennaio 2017 alle 13:59

Concordo sulla collocazione non proprio felice.

Sarei stato curioso di capire anche come dall’altra parte siano giunti a commettere errori così grossolani, ma ovviamente non è questo lo scopo del programma.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.