19
dicembre

LA RAI DICE ADDIO ALLO STORICO SEGNALE ORARIO. ECCO PERCHE’

Segnale Orario Rai

La Rai mette in soffitta un altro pezzo della sua storia: dopo l’addio alle annunciatrici (“pensionate” ad aprile di quest’anno con l’ultimo annuncio di Claudia Andreatti), al termine di 37 anni di onorata carriera dal 31 dicembre non sarà più in onda lo storico segnale orario. Una decisione presa a causa del digitale terrestre, che a quanto pare non è in grado di garantire la precisione “svizzera” dell’ora esatta.

La scelta è della Rai stessa, che ha sospeso la collaborazione con l’Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica, che ha sede a Torino ed è responsabile dell’emissione del segnale. A causa dell’avvento del digitale sono infatti possibili dei ritardi, anche minimi, nella trasmissione dei dati; ritardi che, di fatto, rendono vana l’esistenza del servizio. Sebbene “l’ora esatta” sia attiva dal 1945, il segnale orario Rai Codificato è in onda soltanto dal 1979: dal 31 dicembre 2016, gli italiani dovranno però dire addio al famoso suono che serviva (forse allora più di oggi) a sincronizzare gli orologi di casa.

Patrizia Tavella, responsabile del Laboratorio Inrim, ha spiegato al quotidiano La Stampa: “Il noto trillo è in realtà un codice che, in corrispondenza del secondo 52, comunica ora, minuto, secondo, mese, giorno del mese, giorno della settimana ed anche se è in vigore l’ora solare o l’ora estiva”. Per chi proprio non ne potesse fare a meno, l’Inrim continuerà a fornire il servizio sincronizzazione con l’ora esatta italiana, che sarà però consultabile in altri modi: un esempio è il Network Time Protocol (Ntp), disponibile su Internet.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Mario Orfeo
Mario Orfeo in Vigilanza Rai: «Nel 2018 possibile perdita da 100 milioni. Giletti a La7? Scelta legittima. Costava più dei suoi ricavi»


Basket Serie A
Basket: la Serie A passa su Eurosport fino al 2020. Sulla Rai una partita della domenica


Lucia Goracci
Rai, nuovi corrispondenti esteri: Begamini a New York, Goracci a Istanbul, Sabbah a Parigi


Massimo Giletti - L'Arena
I programmi Rai non confermati e cancellati nei palinsesti 2017/2018

1 Commento dei lettori »

1. Michele87 ha scritto:

19 dicembre 2016 alle 15:26

Pensavo non ci fosse più già da tempo, comunque come per le annunciatrici è una scelta giusta: oramai era anacronistico



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.