18
dicembre

X FACTOR 10: PRIME RUGHE E CAPELLI BIANCHI PER UN PROGRAMMA CHE SFONDA I CONFINI DEL SATELLITE

X Factor 2016

La decima edizione di X factor ha chiuso i battenti. I Soul System hanno portato a casa la vittoria, ancora una volta durante una serata finale degna di un grande show internazionale (clicca qui per sapere cosa è successo minuto per minuto). Ma a giochi ormai conclusi, il pensiero corre a tutte le vicissitudini e gli intoppi che quest’anno il programma ha dovuto affrontare per arrivare alla fine.

Tutto iniziò con il caso di Danilo D’Ambrosio, il giovane che, pochi giorni dopo la messa in onda della sua audizione, pubblicò sui social un video nel quale denunciava un montaggio secondo lui fatto ad hoc per danneggiare la sua immagine (clicca qui per tutti i dettagli). X Factor rispose alla polemica dicendo di essere “un programma che fa della trasparenza e del rispetto del regolamento un principio fondante”, ma quell’episodio si sarebbe rivelato solo la punta di un iceberg. Da lì a pochi giorni infatti andarono in onda le home visit, ultima fase dei provini di X Factor, quella della scrematura che decide i concorrenti in gara. In quel momento i Jarvis, una band che avrebbe dovuto far parte della squadra di Alvaro Soler decise di rinunciare al programma. Il motivo? Clausole poco convincenti che il gruppo si rifiutava di accettare (clicca qui per approfondire). I Jarvis furono sostituiti con il primo gruppo dei tre eliminati. Ma a questo si arriverà tra poco.

Seguendo l’ordine cronologico, invece, le cose andarono ancora peggio: più o meno a metà percorso (era la quarta puntata) un’altra band e cioè i Daiana Lou, decise di ritirarsi dalla gara in diretta durante un ballottaggio (clicca qui). Anche in questo caso la motivazione lasciò sbigottiti: i due non condividevano le logiche del programma.

Quali arcani misteriosi si nasconderanno dietro alle quinte di X Factor? Per quale motivo addirittura tre concorrenti nel giro di poco più di un mese hanno deciso di “alzare la voce”? La baracca in ogni caso è stata portata avanti, noncurante degli accadimenti; il pubblico, dal suo canto, si è indignato nelle ore immediatamente successive agli imprevisti per poi dimenticarsene e tornare a seguire avidamente il programma.

Lo show, insomma, doveva continuare, ma lo schiaffo finale è arrivato proprio a giochi ormai conclusi: a vincere l’edizione sono stati i Soul System, il gruppo che nella fase dei provini era stato eliminato ed era poi rientrato in gioco grazie alla rinuncia dei Jarvis. L’indomani, poi, la ciliegina sulla torta: nella classifica iTunes dei singoli più scaricati, le canzoni dei vincitori e delle altre finaliste di X Factor sono state superate nelle vendite da quelle dei ragazzi di Amici. Al primo posto, ad esempio, c’era Riccardo Marcuzzo, seguito dai Soul System; al terzo posto Federica di Amici e al quarto Gaia, seconda classificata nel talent di Sky. Un dato emblematico, visto che normalmente i singoli di X Factor guidavano le classifiche almeno per qualche giorno in più e, a maggior ragione, se si considera che l’edizione di Amici in corso deve ancora entrare nel vivo e i concorrenti sono esposti mediaticamente soltanto da poche puntate. Come non citare poi la presenza di Shady nella classe di Maria De Filippi, una ragazza scartata dai bootcamp di X Factor 10 e che ora con il suo singolo insedia i finalisti del programma dal quale fu eliminata.

Sia chiaro, i disastri sono altri: X Factor si è confermato anche quest’anno un buon programma, a livello qualitativo è una delle eccellenze della tv italiana ed è pur vero che lo show è in onda ormai da dieci anni consecutivi, per di più nelle ultime sei edizioni sul satellite. Stanno però spuntando le prime rughe, stanno spuntando i primi capelli bianchi. Ma qualche ritocchino qua e là, se ben eseguito, potrebbe – vista l’ottima base – dare nuovo vigore e cancellare gli innegabili segni di cedimento. Forse è giunto il momento di qualche correzione. O forse è tutto la naturale conseguenza per un programma che è riuscito a sfondare i ‘confini satellitari’, dovendosi confrontare sempre più spesso con logiche mainstream.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Pick Up - Umberto Broccoli
Pick Up: le Storie a 45 Giri di Rai 1 riportano al passato con semplicità e modernità


Paolo Poggio e Benedetta Rinaldi
E la chiamano (La Vita in Diretta) Estate


Veronica Maya - Quelle Brave Ragazze
Quelle Brave Ragazze: brio e rischio confusione nel mattino di Rai 1


YO YO
YO YO: i due gemellini che spopolano su Rai YoYo

3 Commenti dei lettori »

1. Max_86 ha scritto:

18 dicembre 2016 alle 23:05

Logiche mainstream o meno quest’anno è stata l’edizione più seguita da quando sta sul satellite e questo,come metro di giudizio,spazza già via molte delle critiche scritte nell’articolo…i singoli di amici non li ho ascoltati ma quelli di X factor quest’anno spaccano davvero e non solo in inglese…è stato un successo,se n’è parlato parecchio su giornali e social grazie soprattutto ad una giuria eterogenea e che ha fatto molto discutere…le scelte dei cantanti di abbandonare prima o durante il programma credo non siano prevedibili e non vanno comunque ad intaccare,questo si,una trasmissione eccellente come X factor!



2. FedEx ha scritto:

19 dicembre 2016 alle 13:51

Concordo pienamente con tutto l’articolo, quest’anno un po’ troppe ombre su X Factor.
Anche dietro l’apparentemente inconcepibile eliminazione di Silvia Fortes pare ci sia un contratto o giù di lì.
Davvero incredibile poi come poco son durati i singoli in classifica: ricordo Fragola che rimase in vetta per settimane. Evidentemente non sono piaciuti al grande pubblico



3. alessandro ha scritto:

20 dicembre 2016 alle 19:58

Ascolti altissimi e la decima edizione diventa la più seguita di sempre.
L’unica pecca che si può dare al programma è non aver scovato nessun grande talento nelle ultime edizioni (esclusione fatta per Lorenzo Fragola). Anche gli inediti sono molto meno forti rispetto alle prime edizioni sul satellite.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.