18
dicembre

LA PICCOLA IMPRESA POMERIDIANA DI TAGADÀ SU LA7

Tagadà - La7

Tagadà - La7

Il pomeriggio che non c’era”. All’inizio era solo uno slogan, oggi si potrebbe quasi pensare che si trattasse di una premonizione per Tagadà, il programma quotidiano condotto da Tiziana Panella su La7. Oltre due ore di diretta, a partire dalle 14.20, dedicate a politica, cronaca, economia e spettacolo, insieme ai tanti ospiti, invitati ad intervenire nel dibattito sull’attualità.

Fin da principio, lo show si è dato una mission chiara e agevolmente perseguibile: fare informazione, sfruttando le già tante competenze presenti sul campo e nel “dietro le quinte” del terzo polo tv, e, forte di una buona redazione, canalizzarsi in una precisa linea editoriale votata all’approfondimento politico e sociale. Non un copia-incolla, quindi, ispirato ad altri formati esistenti ma solo e semplicemente quello che già si faceva all’interno della normale programmazione della rete. Si rimane nel “filone dell’homemade”, senza rincorrere i casi più suggestivi e di insistente richiamo mediatico, confermando un taglio principalmente politico che però abbandona volentieri i palazzi e si ferma a raccogliere le storie raccontate “dalla pancia del Paese”. Attenzione però: qui non si viene catapultati tra gli avventori di qualche locale o in mezzo a simil-comizi improvvisati, ma la lenta fidelizzazione del pubblico passa attraverso servizi ed inchieste che si distinguono perché usano un altro linguaggio, sincero e consapevole, intercettando argomenti di normale discussione (sia quella tratta dalle prime pagine sia quelle delle “pagine deboli o dimenticate”) ma togliendo quella patina di fastidiose ovvietà, per poi imbastire le relative riflessioni in studio.

Altra carta vincente di Tagadà è l’ottima presentatrice e la sua capacità di tenere saldamente in mano le redini della trasmissione, evitando – quasi del tutto – gli inutili momenti di caciara che oggi, oltre a non pagare più come un tempo in termini di ascolti, risulterebbero immotivati e fuori contesto. Inoltre, quanto più il contenitore ha saputo seguire l’onda degli avvenimenti e dei temi “freschi di giornata” tanto più è riuscito a conquistare qualche spettatore in più: si è passati dall’1/2% della prima stagione ad oltre il 3% di share.

In onda da fine ottobre 2015, la trasmissione è partita in punta di piedi ma con un obiettivo preciso: coprire una fascia oraria completamente deserta su La7, il “buco nero” del palinsesto del canale diretto da Urbano Cairo. I tentativi più recenti rispondono al nome di Cristina Parodi (quattro mesi a fine 2012 e poi la sospensione del suo “Cristina Parodi Live”) e quello più chiacchierato di Rita Dalla Chiesa quando, nell’estate 2013, le fu proposto di abbandonare “Forum” per un talk di attualità costruito “su misura” per lei. Si sarebbe intitolato “La Settima Onda” ma non se ne fece niente e l’ex moglie di Fabrizio Frizzi rinunciò a qualsiasi nuovo progetto, rimettendosi sul mercato.

Al termine di queste sfortunate vicende, si è fatto un bel respiro (che è durato più di un anno) e si è infine deciso di riaprire il sospirato cassetto, in cerca dell’idea giusta. E come spesso accade, le cose migliori sono uscite esattamente da “sotto al naso”. Rispettando la vocazione di rete, onorando l’ossessionante contenimento dei costi e abbandonando l’idea di una conduzione con “volti famigliari”, si è scelto di prolungare la serie dei rotocalchi del mattino, ospitando vecchi e nuovi parlamentari, affiancati da alcuni giornalisti e commentatori politici. Il “sogno pomeridiano” è così affidato ad una brava moderatrice, la Panella appunto, già testata nei quattro anni precedenti con il fortunato “Coffee Break”, dai modi schietti ma garbati, che appollaiata in cima al classico sgabello, sa interagire con gli ospiti e dirige sensatamente il traffico tra collegamenti, filmati e interviste dal divano.

Le buone maniere pagano a volte più delle buone idee.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


La7, blackout problema tecnico
Tagadà, da Tiziana Panella si parla di malocchio e venerdì 13: un blackout spegne la diretta


Myrta Merlino
La7 riaccende il daytime. Unica novità Skroll, Myrta Merlino torna a L’Aria che Tira per «odiare l’odio»


Miss Italia Chef - Simone Rugiati
Miss Italia Chef: La7 manda le reginette di bellezza in cucina e la kermesse invade il palinsesto


Eccezionale Veramente
ECCEZIONALE VERAMENTE, MA SOLO NEL TITOLO

2 Commenti dei lettori »

1. ciak ha scritto:

19 dicembre 2016 alle 13:23

UNA PIACEVOLE TRASMISSIONE CONDOTTA DA UNA BRAVISSIMA E GARBATA GIORNALISTA



2. Luca ha scritto:

20 dicembre 2016 alle 17:51

Sono realmente tutti garbati ,iniziando da una grande professionista come Mirta Merlino
Però La7 trasmette troppi talk politici
E’ vero che hanno costi quasi nulli a parte gli stipendi dei giornalisti ,e il rapporto costi benefici è certamente favorevole ,però sono esagerati
Dal mattino fino a notte è un continuo talk politico intramezzato da fiction di discutibile qualità
Dal 2017 non oso immaginare cosa metteranno al posto di Crozza e ,basarsi solo sul talent comico di Abatantuono prossimo a partire mi pare un po’ pochino



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.