1
dicembre

PIPPO BAUDO A PROCESSO: HA DATO DEL MIGNOTTONE ALLA “DAMA BIANCA”

Pippo Baudo

Ma come, non ha sempre una rosa rossa per tutte le donne? Forse solo per quelle che passano da “Domenica In“…perché un paio d’anni fa non riservò le stesse attenzioni ad una celebre accompagnatrice dell’ex Cavaliere. Pippo Baudo, il conduttore del pomeriggio festivo di Rai1, ottant’anni lo scorso giugno, è stato rinviato a giudizio per diffamazione nei confronti di Federica Gagliardi, l’ex modella reinventatasi corriere della droga. La notizia risale a più di due anni fa, nel marzo 2014, quando la donna fu arrestata per aver trasportato 24 kg di cocaina da Caracas a Fiumicino. In quell’occasione, il popolare presentatore la definì una “mignottona e delinquente” ribadendo più volte il concetto in diverse sedi radiotelevisive. La “dama bianca”, così chiamata per quella discesa in “total white” da un aereo di Stato (dopo il G8 in Canada nel 2010), al seguito dell’allora premier Silvio Berlusconi, aveva querelato Baudo e il pm ha ritenuto fondate le motivazioni della Gagliardi, reputando le parole del presentatore offensive e lesive per la propria reputazione.

L’autore di “Donna Rosa”, nel corso di ben tre trasmissioni, su Rai Uno, La 7 e Radio 24, si espresse senza mezzi termini nei confronti della donna, che nel frattempo fu condannata in primo grado a 3 anni e quattro mesi dai giudici. Pippo, nel corso della “La vita in diretta“, affermò:

Signore, mamme, papà i nostri figli minorenni si drogano, perdono la testa, si drogano, si iniettano l’eroina, la fumano l’eroina…delle cose tremende, personaggi squallidi. Avete letto recentemente sui giornali una ragazza soprannominata la dama bianca, una ragazza che seguiva politici all’estero, era impegnata addirittura alla Regione a Roma, ebbene l’hanno beccata a Fiumicino con 25 chilogrammi di cocaina…” e concluse l’intervento con il “noto epiteto”, paragonandola ad una prostituta.

L’uomo che detiene il record di presenze al Festival di Sanremo tornò a parlare di questa vicenda in altre due occasioni. Nel corso di una intervista radiofonica a “La zanzara” :

Insomma è un termine un po’ forte però rendeva l’idea, ma d’altra parte quello che ha fatto è ignobile…insomma per me è un moto di stizza…non vogliamo sapere questa qui questa carriera come l’ha fatta?“.

Stessa scena alcuni giorni dopo al cospetto di Daria Bignardi, nel corso delle sue “Invasioni barbariche” (video sotto, ne parla dal minuto 13.30):

Ho detto una cosa un po’ forte ma nella sostanza il significato era giusto. Cioè questa ragazza così candida, così pura, così bianca…  che ha accompagnato il presidente del consiglio, tre lingue, faceva l’interprete, ha fatto avanti e indietro, in Italia e all’estero eccetera (…) questa dama bianca, come la vuoi chiamare? (…) Delinquente (come aveva suggerito la Bignardi, ndDM) e mignottone!”.

Pippo Baudo, un pezzo di storia della televisione italiana, dovrà così affrontare un processo davanti al giudice del Tribunale di Roma per diffamazione. Lo ha deciso il gip Costantino De Robbio che ha fissato il processo al 21 febbraio del 2018.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Pippo Baudo
PIPPO BAUDO NON SARA’ A SANREMO PER DOMENICA IN. BRONCHITE PER IL CONDUTTORE, SI ALLUNGA L’ARENA DI GILETTI


Lorella Cuccarini - Domenica In - Natale 2016
DOMENICA IN, LORELLA CUCCARINI FA GLI AUGURI A HEATHER PARISI: [LE AUGURO] “DI FAR PACE CON SE STESSA. E’ MOLTO FRAGILE, VA TRATTATA CON CURA”


Ornella Vanoni - Domenica In
DOMENICA IN, ORNELLA VANONI NON RIESCE A CANTARE: “SENTITE, SE VI LEVATE DA LÌ MI FATE UN PIACERE”


Fatti Vostri - Pippo Baudo
I FATTI VOSTRI: PIPPO BAUDO RACCONTA LA STORIA DELLA TV TRA SCANDALI E RIMPIANTI

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.