22
novembre

LA MAFIA UCCIDE SOLO D’ESTATE: LA SERIE CHE STRAVOLGE LA DICOTOMIA COMMEDIA/DRAMMA, SORRIDENDO DI UN MONDO DI LACRIME

La Mafia Uccide Solo d'Estate

La fiction italiana ormai da anni si divide grossomodo in due filoni: da una parte la commedia, romantica o familiare non importa ma comunque tutta gag e lieti fini, dall’altra il dramma di mafia, tutto pistolettate e questioni d’onore. La Mafia Uccide Solo d’Estate per la prima volta stravolge questa dicotomia ormai consolidata e anche prevedibile, coniugando i due generi e risultando dunque fresca, originale e all’avanguardia nonostante gli ingredienti e i temi affrontati siano più che noti al pubblico del piccolo schermo.

La Mafia Uccide Solo d’Estate: un racconto serio che fa sorridere

L’intuizione vincente è di Pif, che nel suo film d’esordio decise di raccontare il dramma della mafia senza troppe lacrime e troppa paura, facendolo scivolare tra le righe di un racconto leggero, nel quale la malavita è un elemento tristemente naturale che accompagna la quotidianità buffa ed ingarbugliata delle persone comuni. Ma trasportare questo meccanismo in tv, adattandolo al genere seriale, è stata un’idea ottima, oltretutto confezionata a dovere.

La Mafia Uccide Solo d’Estate ripropone temi che il telespettatore di Rai 1 conosce bene, ultimo ma non ultimo la figura di Boris Giuliano, protagonista di una miniserie andata in onda solo pochi mesi fa. Ma questi temi sono presentati in maniera diversa: sembra quasi di vedere un nuovo capitolo dell’ottima Raccontami, dove la politica assume un ruolo principale ma c’è la medesima attenzione per la ricostruzione storica, con abiti e scenografia che teletrasportano nell’Italia che fu.

La Mafia Uccide Solo d’Estate: attori noti in ruoli insoliti

Bravi anche gli attori, che si sono calati in ruoli molto diversi da quelli ai quali sono abituati, riuscendo a risultare ugualmente credibili: Gioè nelle vesti del padre di famiglia timoroso, la Foglietta in quelle della donna siciliana, Dario Aita stile hippie e Nino Frassica nel saio di uno che non lotta per far trionfare la giustizia, né divina né umana. Personaggi perfettamente riusciti ed originali, ma mai quanto i cattivi, presentati quasi come fumetti.

Nel complesso un quadro dal sapore dolceamaro, del quale la famiglia ed i suoi piccoli drammi sono protagonisti e in cui lo spettatore moderno si può ritrovare facilmente, perchè i problemi di ieri sono in parte quelli di oggi. Nell’ottica perfetta dei corsi e ricorsi storici che insegnano senza pretenderlo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Ieri e Oggi
Ieri e Oggi: un bell’appuntamento amarcord, ma con un Carlo Conti «superfluo»


La Linea Verticale
La Linea Verticale: i reparti ospedalieri raccontati su Rai 3 con un iperrealismo amaro ma graffiante


Kronos, Annalisa Bruchi
Kronos, «il tempo della scelta»: cambiare o non cambiare canale?


Costantino Della Gherardesca ed Elisabetta Canalis
Ma c’era bisogno de Le Spose di Costantino?

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.