19
novembre

PRODIGI: ECCO CHI SONO I GIOVANISSIMI PROTAGONISTI

Prodigi

E’ tempo di conoscere i dodici giovanissimi cantanti, musicisti e ballerini, talenti nelle loro discipline, che si esibiranno stasera nel corso di Prodigi, in onda in prima serata su Rai1.

BALLERINI

ANTONIO LEONE, 13 anni, di Salerno
Nonostante i timori iniziali, perché si vedeva circondato solo da bambine, la passione di Antonio per la danza ha avuto la meglio. Oggi, Antonio dice di sentirsi in armonia con se stesso ogni volta che sale su un palco e aggiunge: “solo con la danza sono felice”.

EMMA MARDEGAN, 15 anni, di Mestre
Ha iniziato lo studio della danza da piccolina, a soli 5 anni. Oggi frequenta il liceo linguistico a Castelfranco Veneto, dove, nel pomeriggio, prende anche lezioni di danza. Abitando a Mestre, per raggiungere Castelfranco si sposta ogni giorno in treno e bicicletta. Le ballerine a cui si ispira sono Polina Semionova, Marianela Nuñez e Iana Salenko e il suo sogno è quello di diventare una prima ballerina.

FRANCESCO MAZZA, 16 anni, di Ercolano (Napoli)
Balla da quando aveva 4 anni, senza mai perdere le energie e senza mai scoraggiarsi davanti ai sacrifici. Dedica alla danza molte ore ogni pomeriggio e ama l’arte in tutte le sue sfaccettature. Adora Roberto Bolle e sogna di diventare Etoile dell’American Ballet.

MARTINA VALENTINI, 14 anni, di Roma
Martina balla da sempre: a 3 anni ha fatto la sua prima lezione ed “è stato subito amore folle”. A 10 anni entra al Balletto di Roma, dove studia ogni giorno, mentre la mattina frequenta il liceo linguistico. Le piace ballare perché si sente “leggera ed elegante” e ballando riesce a vincere la sua timidezza. Il suo idolo è Svetlana Zakharova e il suo più grande desiderio è quello di poter ballare tutta la vita davanti ad un pubblico.

CANTANTI

CATERINA MARIA SALA, 16 anni, di Como
Per Caterina, nata in una famiglia di musicisti, a partire da mamma pianista e da papà tenore, cantare è una cosa “normalissima”. Anche i suoi fratelli sono tutti studenti di canto lirico e musicisti e, dal 2006, la “Famiglia Sala”, il gruppo vocale che hanno creato, si esibisce in diverse occasioni con repertorio medievale, celtico o rinascimentale.

CIRO MARRA, 11 anni, di Volla (Napoli)
La passione di Ciro per il canto nasce durante i pomeriggi trascorsi con la nonna: lei canticchiava le canzoni della tradizione napoletana e così le ha imparate anche lui. Quando si sono accorti della potenza della sua voce, i genitori hanno deciso di iscriverlo in un’Accademia Musicale. “Cantare mi emoziona, mi fa felice, mi fa sentire bene”, dice Ciro, e il suo idolo è Massimo Ranieri.

GIUSEPPE COLLA, 15 anni, di Marsala (Trapani)
Scopre la passione per il canto lirico da piccolino, a 6 anni. La musica per Giuseppe è “al centro di tutto. Nessuno in famiglia canta, è una passione solo mia”. Prende lezioni di canto e i suoi miti sono Luciano Pavarotti e José Carreras.

ZAIRA DI GRAZIA, 13 anni, di Misterbianco (Catania)
Zaira eredita la passione per il canto dal nonno. Inizia a cantare a 4 anni e oggi frequenta una scuola a indirizzo musicale. Quando canta si sente libera e felice. Vorrebbe diventare sempre più brava e, magari, vivere di musica e diventare una cantante famosa. Il suo idolo è Mina.

MUSICISTI

ELIA CECINO, 15 anni, di Casale sul Sile (Treviso)
Indirizzato dalla madre sulla strada della musica, Elia sceglie il pianoforte e inizia a prendere lezioni a 9 anni. Si appassiona ben presto alle armonie dei brani di Sergej Rachmaninov che è il suo musicista di riferimento. Quando suona il pianoforte, Elia prova sensazione di totale armonia con lo strumento, come se lui e il pianoforte fossero una cosa sola.

GIUSEPPE GIBBONI, 15 anni, di Campagna (Salerno)
Giuseppe nasce in una famiglia di musicisti: la mamma suona il pianoforte e il papà il violino, così come le sue due sorelle più grandi. Sin da piccolo, quindi, è stato circondato da strumenti musicali. Il primo violino l’ha ricevuto a 3 anni e da allora non l’ha più lasciato. Per Giuseppe la musica è vita e il suo sogno è quello di diventare un violinista. Il suo modello è suo padre, e il suo mito Nicolò Paganini che definisce: “il vero principe del violino, ha rivoluzionato l’utilizzo di questo strumento”.

MANUEL E GIANNI BURRIESCI, 8 e 7 anni, di Paceco (Trapani)
Due fratelli con la passione per la musica, che hanno imparato ad amare grazie al loro papà adottivo, insegnante di musica e violino. Abbandonati da piccoli, la musicoterapia ha aiutato Manuel a superare lo shock dell’abbandono e Gianni, quando ha visto il fratello muovere le dita sul violino, ha voluto seguirlo, imparando a solfeggiare ancor prima di imparare a leggere e scrivere. Oggi i due fratellini studiano con il papà ed entrambi sognano di diventare grandi musicisti.

MARTINA TRANZILLO, 14 anni, di Fisciano (Salerno)
Martina si avvicina alla musica grazie alle sue sorelle maggiori, entrambe violiniste. Lei, invece, ha scelto il violoncello – guardando in tv il concerto di un’orchestra – e ha iniziato a studiarlo a 8 anni. Mentre suona dice di esprimere “tutti i miei stati d’animo, la tristezza, la felicità, tutto quello che provo”. Il suo sogno più grande sarebbe diventare una violoncellista professionista, girare il mondo e fare concerti. Il suo violoncellista preferito è Mstislav Rostropovič.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes



Articoli che potrebbero interessarti


Flavio Insinna
Flavio Insinna, non ci siamo proprio. L’attore ci ricasca e sbotta contro il giornalista: «Pesa quello che scrivi, ho gli avvocati pronti»


Flavio Insinna
Flavio Insinna ‘redento’ torna nel sabato sera di Rai1. Condurrà Prodigi con Anna Valle


Vanessa Incontrada e i 12 talenti - Prodigi
TU SI QUE VALES RIPARTE CON SIMONA VENTURA, RAI 1 PUNTA SU(I) PRODIGI DI VANESSA INCONTRADA


Prodigi - La Musica è Vita
PRODIGI – LA MUSICA E’ VITA: TUTTO SUL RITORNO DEL BABY TALENT NEL SABATO SERA DI RAI 1. CONDUCE VANESSA INCONTRADA

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.