20
novembre

IL POSTO GIUSTO: RAI3 TORNA A PARLARE DI OCCUPAZIONE CON IL NUOVO CONDUTTORE FEDERICO RUFFO

Federico Ruffo

Rai 3 torna a parlare di occupazione e lo fa con Il Posto Giusto. Programma di approfondimento giunto alla sua terza edizione, al via oggi, alle ore 13,00. Realizzato in collaborazione con il Ministero del Lavoro, il programma intende sviscerare la tematica occupazionale dalle più diverse angolature: prendendo in considerazione sia chi, professionalmente parlando, è riuscito a crearsi una posizione stabile; sia quanti, al contrario, sono alla ricerca di una loro dimensione.

Al timone del nuovo ciclo, costituito da venti puntate (di 50 minuti ciascuna), il giornalista d’inchiesta Federico Ruffo, che prende il posto di Rebecca Vespa Berglund (a capo delle due edizioni precedenti). Insieme ad un gruppo di film-maker, il conduttore racconterà le nostre eccellenze: dall’artigianato e dai distretti industriali, fino alle start-up, passando anche attraverso le scuole di formazione, nelle quali lo studente ha la possibilità di imparare un mestiere.

Ogni settimana imprenditori, artigiani ed esperti del mondo del lavoro saranno ospitati in uno studio dal sapore post-industriale, costruito nel centro di produzione di Torino. Un coach, invece, seguirà in tempo reale un gruppo di persone in cerca di occupazione, fornendo loro consigli sul giusto modo di comportarsi: si parlerà della stesura del curriculum, dello spirito giusto per affrontare il tanto temuto colloquio, ma anche della giusta maniera per relazionarsi con il proprio capo.

Ciascun appuntamento darà inoltre risalto alla creatività e all’innovazione, con le storie di start-up sostenute da incentivi e strumenti pubblici o realizzate da incubatori di imprese. Non mancheranno neppure riferimenti al Made in Italy, con le sue competenze specifiche e i suoi molteplici distretti. Un’indagine, dunque, quella compiuta da Il Posto Giusto che intende fornire uno spaccato quanto più aderente e veritiero di un’Italia che, pur nelle molteplici difficoltà, non sa stare con le mani in mano: un’Italia che lavora o che vorrebbe farlo.

Ideato da Mario Audino, Lamberto Ciabatti, Romano Benini e Maurizio Sorcioni, per la regia di Piergiorgio Camilli, il progetto fa parte del più ampio accordo di collaborazione tra la Rai e il Ministero del Lavoro, che è stato suggellato con la firma di un protocollo di Intesa triennale.

Chi è Federico Ruffo

Classe ‘79, nato e cresciuto ad Ostia, nella periferia romana, negli ultimi 5 anni è stato tra le firme di punta dei reportage di Presa Diretta. Dopo una prima gavetta nel circuito delle tv romane e lunghe collaborazioni con le principali testate nazionali (Il Tempo, Il Messaggero, Corriere della Sera, ANSA, Metro) approda in Rai nel 2002 ad appena 22 anni, dove entra quasi subito nella squadra degli inviati dei programmi d’informazione di prima serata.

Oltre che per Presa Diretta ha lavorato per Report, Le Iene, REC, Agorà, Mi Manda RaiTre, il TG5, ha condotto programmi per La7 e per Sky. Vincitore del Premio Ilaria Alpi nel 2013 con “Ladri di Calcio”, del Premio Sodalitas 2012 con “La Cura – una settimana da cavia umana”, del Barbiellini Amidei nel 2010 con “Sopravvivere al mestiere”.

Nel 2013 ha pubblicato con Chiarelettere “utilizzatori Finali”, libro inchiesta sul turismo sessuale; nel 2014 ha scritto per Rizzoli “Gli Orologi del Diavolo”, romanzo verità sul programma di protezione testimoni, attualmente lavora alla sceneggiatura del suo ormai prossimo adattamento cinematografico. È considerato uno dei migliori reporter investigativi della sua generazione. Sportivo per sua natura (ma con scarsi risultati agonistici), surfista dalle alterne fortune, divide l’esistenza con Snoopy, beagle gigante e famelico, con il quale conta di entrare nel guinness dei primati per numero di scarpe divorate in 10 anni di convivenza. (Biografia dal sito Rai)

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Il posto Giusto, Federico Ruffo
Il posto giusto, la collocazione sbagliata: Rai3 racconta il lavoro con contenuti inediti

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.