14
novembre

GREY’S ANATOMY 13: RITORNO FRENETICO PER IL MEDICAL DRAMA

Giacomo Gianniotti

Sono passati ormai undici anni da quando Grey’s Anatomy faceva capolino sui nostri teleschermi, aprendo la via alla serie di mondi narrativi complessi e imprevedibili nata dalla mente di Shonda Rhimes. Oggi lo show più longevo e amato tra le produzioni di ShondaLand ha fatto tredici e si prepara a tornare con una nuova stagione. I 24 episodi inediti, negli Stati Uniti già in onda da fine settembre, sono pronti a calamitare a sé tutta l’attenzione degli spettatori italiani. L’appuntamento è per stasera alle 21.00, quando su FoxLife esordirà la prima puntata, riprendendo esattamente da dove il ciclo precedente aveva lasciato il suo pubblico.

Il finale della dodicesima stagione si era infatti sviluppato nella cornice del matrimonio tra Amelia (Caterina Scorsone) e Owen (Kevin McKidd), con il trasferimento di Callie (Sara Ramírez) a New York, la travagliata nascita della figlia di April (Sarah Drew) e Jackson (Jesse Williams), e il rifiuto di Jo (Camilla Luddington) alla proposta nuziale di Alex (Justin Chambers).

Da qui riparte il tredicesimo capitolo, immergendosi sin da subito in un frenetico susseguirsi di eventi. Dopo essere stato aggredito da Alex, geloso per averlo trovato in compagnia di Jo, DeLuca (Giacomo Gianniotti) viene portato al Grey Sloan Memorial Hospital in gravi condizioni. Spetta perciò a Bailey (Chandra Wilson) intervenire e cercare di capire cosa sia realmente accaduto. Di conseguenza, mentre Jo è preoccupata che DeLuca possa rivelare a qualcuno quel che gli ha confidato ubriaca circa il suo passato, Alex è tormentato dalle possibili ripercussioni del proprio moto d’ira. Meredith (Ellen Pompeo) si troverà così a dover gestire le fila di un doppio intreccio, tra il tentativo di coprire l’ammissione di colpevolezza di Alex e la difficoltà di allontanare Riggs (Martin Henderson), evitando dunque di ferire i sentimenti che la sorellastra Maggie (Kelly McCreary) le ha confessato di provare per lui. Nel frattempo, Jackson e April cercano di affrontare le intrusioni di nonna Catherine (Debbie Allen) nella vita della nipotina.

Dalle premesse, Grey’s Anatomy sembra pertanto voler confermare lo standard di racconto frenetico e intricato, che ha costituito la base del suo successo e del suo corso duraturo. Una tipologia di narrazione che, pur costituendo un marchio di fabbrica di Shonda Rhimes, avrebbe tuttavia iniziato, secondo non pochi fan, a proiettarsi già da tempo verso un’esasperazione sempre più eccessiva degli eventi, a discapito dell’originaria freschezza. Il debutto della tredicesima stagione sarà quindi anche una valida occasione per capire fin dove le numerose linee narrative della serie intendano spingersi, sebbene fino ad ora la creatività della produttrice e sceneggiatrice statunitense non abbia mai esitato a osare.

Per chi volesse intanto riconnettersi con le intense emozioni vissute dai protagonisti nel lungo susseguirsi degli episodi precedenti, FoxLife ha di recente pubblicato un video in cui i momenti più memorabili delle sue principali serie tv scorrono accompagnati dalle note di Sono sempre i sogni a dare forma al mondo, cantata da Luciano Ligabue. A prevalere sono, come prevedibile, proprio le immagini di Grey’s Anatomy, che sin dalla sua prima messa in onda ha giocato un ruolo di spicco nel rappresentare la linea editoriale del canale.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


NCIS
NCIS: LA TREDICESIMA STAGIONE AL VIA SU RAI2. GIBBS E’ VIVO O MORTO?


Taboo
Taboo: la serie che fa un tuffo nelle Indie Orientali con un affascinante ereditiero redivivo (foto)


Tutto può Succedere 2
Tutto può Succedere 2: i Ferraro tornano su Rai 1 tra problemi, rimpianti, nuovi arrivi… e Samuele Bersani


Di Padre in Figlia - Alessio Boni
Di Padre in Figlia: Rai1 racconta il conflitto generazionale tra un padre padrone e una figlia intraprendente

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.