28
ottobre

THE LAST KINGDOM: IL DRAMA STORICO DI BBC APPRODA SU PREMIUM ACTION

The Last Kingdom

Uno show di gesta eroiche e battaglie epiche, ma con una profondità tematica che include politica, religione, guerra, coraggio, amore, lealtà”. No, non si tratta dell’ennesimo commento su Il Trono di Spade, ma della breve descrizione con cui BBC America ha deciso di racchiudere l’intera essenza di The Last Kingdom.

Coprodotta con BBC Two e in onda in USA e Regno Unito ormai un anno fa, questa serie tv colloca il proprio racconto alle origini della storia inglese, basandosi sulla collana di romanzi best seller scritta da Bernard Cornwell, Le storie dei Re Sassoni.

Nello scenario del IX secolo d.C., a far da sfondo alle vicende narrate è un’Inghilterra frammentata in regni indipendenti, molti dei quali già piegatisi all’invasione vichinga. Soltanto il Regno del Wessex continua infatti a resistere all’avanzata nemica, sotto la guida lungimirante di re Alfredo il Grande (David Dowson). In questo contesto di inquietudine vive Uhtred di Bebbanburg (Alexander Dreymon), figlio di un nobile sassone, rimasto orfano in seguito alle razzie dei vichinghi e rapito dagli stessi assassini del padre, i quali vedono in lui le potenzialità di un grande guerriero e lo crescono come uno di loro. Ormai adulto, Uthred si ritrova a dover affrontare le sue doppie origini, in una scelta, tra la terra nativa e il popolo adottivo, che mette di continuo alla prova la sua lealtà. Il contrasto che lo affligge raggiunge tuttavia la sua massima complessità proprio quando dovrà tornare tra la sua vecchia gente e stabilire nuovi contatti con essa. In questo intricato e pericoloso percorso, il giovane può però contare sull’aiuto dell’amica e amante Brida (Emily Cox).

Dall’intreccio è già possibile comprendere come The Last Kingdom sia un drama storico che tesse una rete fatta di personaggi ed eventi tanto realmente esistiti quanto fittizi. La vicenda di uno dei regni più iconici del passato inglese viene tuttavia presentata da BBC come un racconto al contempo attuale. Oltre agli elementi di redenzione e vedetta, è infatti presente un continuo processo di ricerca della propria identità, in grado di accomunare ogni spettatore.

La serie, prodotta da Carnival Films (stessa casa di Downton Abbey) e riadattata da Stephen Butchard, sarà trasmessa questa sera alle 21.15 da Premium Action, in prima tv assoluta. Negli 8 episodi che ne compongono la prima stagione, un cast costituito da nomi di undici nazionalità diverse. Tra i volti, l’attore di origine tedesca Alexander Dreymon (American Horror Story), l’austriaca Emily Cox (The Silent Mountain), gli inglesi Matthew Macfadyen (nel 2005 Mr Darcy in Orgoglio e Pregiudizio) e Ian Hart (Boardwalk Empire), l’olandese Rutger Hauer (Blade Runner) e il danese Peter Gantzler (Italiano per Principianti, Il grande capo).

Vista la buona accoglienza, The Last Kingdom è già stata intanto rinnovata per una seconda stagione, prevista per il 2017. Dato, però, il ritiro di BBC America dalla prosecuzione del progetto, Netflix è subentrata nella coproduzione, affiancando così BBC Two nella creazione del nuovo ciclo di episodi.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Keshia Knight Pulliam (Rudy Robinson) oggi
Come sono diventati i bambini delle serie TV – Foto


The Inhumans
Serie Tv: le news dal Comic-Con 2017


Professione Vacanze
10 Serie d’Estate mai dimenticate


Colpevoli
Colpevoli: una nuova serie tedesca debutta nella seconda serata di Rai2

1 Commento dei lettori »

1. Fra X ha scritto:

28 ottobre 2016 alle 19:00

Mi piacciono le storie medioevali! ^^ Peccato non poterla vedere. -.-



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.