24
ottobre

AGCOM: LIMITARE LA PRESENZA DEL PREMIER IN TV. NEI TG PREVALE IL SÌ ALLA RIFORMA

Matteo Renzi

L’Agcom ha inoltrato un nuovo richiamo a Rai, Mediaset, Sky e La7. In piena par condicio, l’Autorità per le Comunicazioni ha pubblicato i dati di monitoraggio della campagna referendaria nelle prime tre settimane dall’indizione dei comizi (28 settembre-16 ottobre). E il risultato è che, sui temi del referendum, si ravvisa “un comportamento sostanzialmente equilibrato” da parte di tutte le emittenti, sebbene Matteo Renzi (che è pur sempre l’alfiere del Sì) dilaghi quando non si parla direttamente della consultazione costituzionale.

Scorrendo le rilevazioni dell’Agcom (qui i dati completi) si nota comunque come, in merito al referendum, le posizioni del Sì abbiano prevalso sulle emittenti prese in esame, ad eccezione di La7.

I dati relativi al tempo di antenna (cioè di notizia + parola) dimostrano quanto segue: il Tg3 ha assegnato il 48,1% del tempo al Sì, mentre il No ha ottenuto il 43,1%. Al Tg2 i favorevoli alla riforma hanno avuto uno spazio pari al 50,2% oltre sei punti in più rispetto ai contrari (43,6%). Più equilibrato il Tg1 (45,4% -44,7%), mentre RaiNews è risultata sbilanciata a favore della riforma: 48,3 il Sì, 43% il No.

Sul fronte Mediaset, il notiziario che ha dato più spazio ai favorevoli alla riforma è stato il Tg4 (65% Sì contro 31,3% No): per questo, la testata è stata richiamata dall’Agcom. Studio Aperto ha assegnato il 50,4% al Sì, 41,7% al No. Al Tg5 42,8% Sì contro il 48,7% No. In controtendenza La7, dove la prevalenza dei contrari (49,6%) è più marcata rispetto a quella del Sì (41%).

Sul totale dei canali rilevati (Tv8, Cielo, SkyTg24), Sky ha riservato il 43,9% al Sì e il 42,5% al No.

In merito alla parità di trattamento informativo su argomenti diversi dal referendum, l’Agcom ha rilevato una sovraesposizione del premier e dell’esecutivo.

L’Autorità ha ravvisato da una parte l’esigenza di limitare la presenza dei rappresentanti del Governo e del Presidente del Consiglio alla necessità di assicurare la completezza e l’imparzialità dell’informazione (ex legge 515/93) – fatta salva l’attualità della cronaca e dell’agenda politica – dall’altra, quella di garantire un adeguato contraddittorio tra le diverse forze politiche. Conseguentemente, l’Autorità ha adottato dei provvedimenti di richiamo nei confronti di Rai, Mediaset, Sky e La7“.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Ascolti Tv stagione 2011:12
ASCOLTI STAGIONE 2011/12: LA RAI E’ LEADER MA IN CALO. RAI3 TERZA RETE, CRESCONO LA7 E SKY. RAI4 E PREMIUM CALCIO AL TOP DELLE DIGITALI


Cosa succede alla televisione italiana?
COSA STA SUCCEDENDO ALLA TELEVISIONE ITALIANA? IL MERCATO DELLA LIBERTA’


AGCOM: LIMITARE LA PRESENZA DEL PREMIER IN TV. NEI TG PREVALE IL SÌ ALLA RIFORMA
IL TAR DEL LAZIO BOCCIA LO STOP DEI TALK SHOW POLITICI PER LE TV PRIVATE. IL CDA RAI CONVOCATO D’URGENZA


Pallone da calcio
RIPARTE IL CAMPIONATO DI CALCIO: TORNANO TUTTI I PROGRAMMI CULT, ANCHE “IL PROCESSO” DI BISCARDI

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.