3
ottobre

FUOCOAMMARE: SU RAI3 L’ACCLAMATO FILM DOCUMENTARIO SUI MIGRANTI DI GIANFRANCO ROSI

Fuocoammare

Orso d’oro al Festival di Berlino, quattro candidature ai David di Donatello e l’arduo compito di rappresentare l’Italia nella corsa per il miglior film straniero agli Oscar 2017. Nel mezzo, oltre 40 Festival internazionali e l’acquisto da parte di 50 paesi. Questi i risultati straordinari ottenuti in meno di un anno per Fuocoammare, il film documentario di Gianfranco Rosi che tratta il delicato argomento degli sbarchi di migranti sull’Isola di Lampedusa, staserà trasmesso in prima visione da Rai3 alle 21.35.

La data non è casuale: il 3 ottobre infatti ricorre la Giornata nazionale delle vittime dell’immigrazione. La pellicola racconta, infatti, proprio la storia di Piero Bartòlo, il medico che dirige il poliambulatorio di Lampedusa e che da anni compie la prima visita ad ogni migrante che sbarca nell’isola. Entusiasmo da parte del Presidente e del Direttore Generale della Rai che hanno definito il documentario ‘un’opera che si sposa perfettamente con la nostra missione di Servizio pubblico universale’.

Il 24 gennaio del prossimo anno sapremo se Fuocoammare concorrerà per l’ambita statuetta. L’appuntamento, intanto, è per stasera alle 21.35 su Rai3. A seguire, alle 23.05, Lontano dagli occhi di Domenico Iannacone, un viaggio intimo nell’odissea dei migranti nel canale di Sicilia.



Articoli che potrebbero interessarti


Fuocoammare
RAI 3 CELEBRA LA GIORNATA NAZIONALE DELLE VITTIME DELL’IMMIGRAZIONE CON FUOCOAMMARE E UNA PROGRAMMAZIONE DEDICATA


Stefano Coletta con Federica Sciarelli
Stefano Coletta nuovo direttore di Rai 3


Daria Bignardi rai3
Daria Bignardi, addio a Rai3: cosa ricorderemo della sua direzione


Stefano Coletta
Stefano Coletta verso la direzione di Rai3 al posto di Daria Bignardi

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.