16
settembre

GENERATION GAP: UN CONFRONTO LEGGERO E PIACEVOLE SULLA NUOVA RAI4 (CHE NON LO PROMUOVE PER NIENTE)

Generation Gap

Nel nuovo palinsesto di Rai4 c’è un programmino alquanto gradevole. Si tratta di Generation gap, un esperimento sociale che mette a confronto vecchie e nuove generazioni, attraverso l’utilizzo di oggetti cult che hanno caratterizzato le diverse epoche. Ci sono il nonno alle prese con lo smartphone e il nativo digitale che scopre la macchina da scrivere, oppure l’over 60 impegnato a capire cosa siano i selfie. La produzione (low cost) targata Toro Media è ben confezionata ed ha uno stile leggero, che gioca sulle differenze anagrafiche ma non scivola sullo scontro generazionale.

In epoca di rottamazione (non solo politica, s’intende), il racconto di Generation gap non pecca di giovanilismo (rischio sempre presente per una rete che intende catturare il pubblico giovane) ma nemmeno celebra con nostalgia i tempi e le abitudini che furono. La particolarità del confronto, piuttosto, è data dalle differenti e spesso buffe reazioni che i protagonisti hanno di fronte ad oggetti di cui ignorano le funzionalità.

Lo stupore del settantenne che indossa gli auricolari di un mp3 è speculare a quello del ragazzino che scopre il sapore della mela cotta, pietanza ormai sparita dalle tavole (o quasi). Divertimento e imbarazzo per giovani e anziani alle prese coi sex toys. Certo, alcuni esperimenti sono meno coinvolgenti di altri ma la curiosità viene mantenuta grazie alla riconoscibilità dei protagonisti, alcuni dei quali sono vere e proprie sagome. Come l’arzillo 83enne Mario, la coetanea Rosina a colloquio con l’assistente vocale Siri (“mi dia un ristorante dove si mangi la capra alla cacciatora“!) o la graziosa Giada, ventenne.

Interessante la scelta di intervallare le varie clip con delle schede ‘didascaliche’ che contengono curiosità o notizie sugli oggetti cult selezionati. Quello che invece ha danneggiato il programma, oltre al fatto di ritrovarsi nel mezzo della rivoluzione di Rai4, è una promozione sottotono, motivo per cui anche sui social non ritroviamo particolari reazioni alla messa in onda.

Inoltre, su RaiPlay le puntate integrali iniziano ad essere caricate solo ora, quindi con un certo ritardo rispetto alla messa in onda. Più che un generation gap, un digital gap.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Generation Gap
RAI 4 CAMBIA VOLTO: ECCO TUTTE LE NOVITA’ A PARTIRE DA OGGI


Hugo Cabret
Rai4: la maratona de «I Magnifici 9» per festeggiare i nove anni della rete


Logo_Rai_4
Palinsesti Rai 4, autunno 2017


bangkok addicted
Bangkok Addicted: floppano su Rai4 Costantino della Gherardesca e gli «Antipodi»

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.