1
agosto

GIORGIO MASTROTA: “RENZI SI RIVOLGE ALLA TELECAMERA CON L’ATTEGGIAMENTO DI CHI DICE..VENGHINO, SIGNORI VENGHINO”

Giorgio Mastrota

Si parla spesso di personaggi miracolati e sopravvalutati che occupano spazi in tv senza particolari meriti, molto meno di quei personaggi che al contrario, pur avendo capacità, tempi televisivi e buona dialettica, da anni sono costretti a stare nelle retrovie televisive. Tra questi figura Giorgio Mastrota che, archiviata l’esperienza di conduttore dei primi anni ’90 di programmi come Il Nuovo gioco delle coppie e Bellezze al Bagno, porta avanti un’ormai ultraventennale carriera da tele-imbonitore. Tra una televendita di materassi con imbottitura in lana merinos e una di pentole in acciaio inox, passando per i nuovi box doccia ideali per le persone anziane, l’erede di Guido Angeli è stato raggiunto da Il Giornale, per un’intervista a tutto tondo sulla sua carriera televisiva. Una carriera nata con la vittoria del titolo di “Più bello d’Italia” nel 1988, e poi proseguita con Gianfranco Funari nel programma Improvvisando.

“È vero. Ho esordito nel 1991 a fianco di Gianfranco Funari…(un) animale televisivo… Sembrava nato per stare davanti alla telecamera. La padroneggiava come ho visto fare a poche persone. Mi ha insegnato tantissimo. Il suo atteggiamento da teleimbonitore, si è rivelato utile in quello che è diventato il mio vero mestiere”.

Mastrota, che si definisce un televenditore, dichiara di non aver nostalgia degli anni passati in tv da conduttore.

“Nessun rimpianto. Da conduttore mi sono tolto tante belle soddisfazioni. Poi è arrivato un momento di crisi. Le televendite erano un buon ripiego che mi consentivano di rimanere nell’ambiente televisivo anche se non da protagonista di prima grandezza… Nel nostro ambiente le occasioni migliori non sempre arrivano. Ne ho visti tanti di colleghi decidere di fermarsi ai box. Per poi non ripartire più….Non ho rimpianti. Questo lavoro mi consente di avere le mani libere e di fare scelte in tutta libertà e autonomia. Partecipo spesso come ospite in varie trasmissioni, ma vado solo dove mi trovo a mio agio e so di divertirmi. Nel mio ambiente ce n’è tanta di gente che si atteggia a star. A me piace invece il contatto con la gente. Frequento i mercati. Dagli ambulanti cerco spunti per le mie tecniche di vendita. A volte vorrei dilungarmi sulle caratteristiche dei prodotti che presento, ma i tempi televisivi sono serratissimi”.

Nel mondo dello spettacolo può però contare su alcuni amici, come Gerry Scotti, Antonella Clerici e la compagnia di telepromozioni Patrizia Rossetti.

“Gerry Scotti. Anche se… un po’ ce l’ho con lui. I suoi programmi sono proprio il genere televisivo che con cui mi sarebbe piaciuto continuare a cimentarmi. Ma lui ha occupato tutti gli spazi… con Patrizia Rossetti abbiamo entrambi un pubblico di persone avanti con gli anni. È un target tradizionalista che ci vede come persone di famiglia. Entrare nelle loro case e sentire il loro affetto è molto gratificante. Antonella Clerici…nelle sue trasmissioni vado sempre con piacere. Mi faccio grandi risate. Oltre a grandi mangiate”.

Mastrota smentisce inoltre di guadagnare 850.00 euro l’anno, come scritto da Dagospia, e dichiara di non aver mai sofferto della “sindrome del bollito”.

“Con tutte le pentole che ho venduto, il rischio di sentirsi bollito è reale. Ma, scherzi a parte, amo la mia attività professionale e oggi, mi ritengo appagato. (850.000 euro all’anno) è una cifra irreale. Ma comunque guadagno molto bene”.

Al teleimbonitore non interessano particolarmente i dati Auditel, ma guarda con attenzione i dati delle vendite dei prodotti che reclamizza.

“Anche noi abbiamo il nostro borsino. Una sorta di fixing che risente anche di quanto accade nel mondo. Quando nel Paese si crea un clima di allarme, le vendite calano”.

Infine, un commento sul Premier Matteo Renzi, da alcuni paragonato a un televenditore:

“Renzi a volte si rivolge alla telecamera con l’atteggiamento di chi dice venghino signori, venghino… Ma tra me e lui c’è una profonda differenza. Io posso vendere i miei articoli aggiungendo la postilla soddisfatti o rimborsati. Lui no… anche perché la specialità della politica non è vendere cose reali e concrete, ma solo tanto fumo, inteso ovviamente come promesse non mantenute”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Renzi vs De Bortoli
Renzi attacca De Bortoli: «Dà a me la colpa per non essere entrato nel CdA Rai». Il giornalista replica


Ferruccio De Bortoli, Otto e Mezzo
Otto e mezzo, De Bortoli stronca Renzi: «L’ho definito un maleducato di talento, ora ho dubbi sul talento»


Confronto tv Primarie Pd
Primarie Pd, confronto tra i candidati in diretta su SkyTg24 e Tv8. Il conduttore Vitale: «Semprini? Io avrò un altro stile»


renzi in mezz'ora
In Mezz’ora – Renzi dà di nuovo forfait e la Annunziata non ci sta: «Nessuna spiegazione»

1 Commento dei lettori »

1. Giuseppe ha scritto:

1 agosto 2016 alle 14:29

Sante parole su Renzi. Peccato sia relegato alle televendite



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.