13
giugno

NEMICO PUBBLICO: STAND UP COMEDY ANNACQUATA, MONTANINI RINUNCIA A GRAFFIARE DAVVERO

Nemico Pubblico

Eravamo pronti a tutto. Prima di sintonizzarci sulla terza edizione di Nemico Pubblico avevamo persino indossato ginocchiere e parastinchi: da un programma di satira che si preannunciava politicamente scorretto ci saremmo infatti aspettati qualche graffio sferzante o un colpo basso in grado di stenderti dalle risate. Invece niente. Il ritorno in tv del programma di Giorgio Montanini non ha riservato particolari guizzi, al di là di qualche battuta azzeccata (ma non certo trasgressiva) pronunciata dallo stand up comedian marchigiano.

I monologhi del comico rimangono la parte più pregiata dello show. Montanini sa intrattenere il suo pubblico, ma sembra rinunciare a battute davvero urticanti e indicibili, come invece vorrebbe la tradizione della stand up comedy. I temi affrontati nella prima puntata riguardano la droga, la religione e in parte il sess0, ma anche in questo caso la satira non è mai spietata, anche perché colpisce in una sola direzione: quella culturalmente opposta ai telespettatori più progressisti.

In una candid camera del programma, ad esempio, alcuni passanti vengono invitati a sottoscrivere una proposta sulla liberalizzazione delle armi per farsi giustizia da soli. L’effetto è chiaramente grottesco, ma l’esperimento sociale non riesce: al banchetto della finta petizione, infatti, si accosta solo qualche anziano confuso e sono le provocazioni degli attori stessi a far concludere lo sketch in caciara. A metà della trasmissione appare anche Pupo, di cui viene mostrato l’ultimo disco: il cantante se la ride divertito.

Tra le novità introdotte a Nemico Pubblico c’è Reparto Paternità, una sketch comedy che dissacra la figura paterna evidenziando gli aspetti contraddittori dei genitori e della famiglia tradizionale italiana. Caspita, che irriverenza. E poi c’è Il Musical, una scenetta cantata che prende di mira alcuni aspetti della contemporaneità. Nella prima puntata, gli attori hanno intonato “più cresci e più diventi di destra“, ironizzando sul passaggio dal sano idealismo giovanile ad una senilità fatta di atteggiamenti intolleranti, razzisti, omofobi. “Vivrai di cinismo e di qualunquismo” cantano gli artisti, declamando una serie di cliché.

Fatta eccezione per qualche freddura irritante (e quindi ben riuscita), Nemico Pubblico delude le aspettative perché annacqua il vero spirito della stand up comedy: non si più essere politicamente scorretti e politicamente orientati allo stesso tempo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Nemico Pubblico
NEMICO PUBBLICO: LA SATIRA SOCIALE DI GIORGIO MONTANINI TORNA SU RAI3


Meglio tardi che mai
Meglio tardi che mai. O forse era meglio mai e basta


L'Onore e il rispetto 5 - Finale
L’Onore e il Rispetto 5: com’è finita la storia di Tonio Fortebracci – Foto e Video


Facciamo che io ero - Virginia Raffaele
Facciamo che io ero… una delusione?!

3 Commenti dei lettori »

1. Andrea ha scritto:

13 giugno 2016 alle 11:29

Ma questo è il ragazzo permaloso? Avete già ricevuto un pacco bomba in redazione per quest’articolo?



2. Michele ha scritto:

13 giugno 2016 alle 17:11

Concordo con alcune critiche, ma con la frase finale hai svelato il vero motivo per cui non ti piace. Ha un orientamento politico diverso dal tuo.
Lo sketch musical era onestamente imbarazzante, ma dietro nasconde qualcosa di vero e che possiamo constatare tutti.
Comunque, ricorda che è sempre un programma televisivo, su Rai 3. Come ha fatto giustamente notare a Pupo, si può dire tutto, ma non proprio tutto.



3. Sergio ha scritto:

16 giugno 2016 alle 16:36

Mi è piaciuto moltissimo! Ogni anno ci propone qualcosa di nuovo oltre ai monologhi e ci fa molto pensare oltre che sorridere… E’ l’unico programma di Satira di qualità della Tv generalista RAI e ce lo teniamo stretto, anche se lo mandano in onda in terza serata!
Meglio di quei programmi scemi (Zelig, colorado e made in sud) che ci impongono da anni ed anni in tv in prima serata.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.