21
maggio

IRIS: EMMA BONINO INTRODUCE I FILM ‘LA BICICLETTA VERDE’ E ‘LA SPOSA TURCA’

Emma Bonino, Iris

Iris prosegue il suo viaggio cinematografico tra le culture ed i conflitti che accendono le aree più calde del Pianeta. Nell’ambito della rassegna Cieli mediorientali, stavolta il canale Mediaset dedicato ai cinefili porterà i telespettatori in Arabia Saudita, ad Amburgo ed Istanbul, con due film in onda lunedì 23 maggio in prima e seconda serata: La bicicletta verde e La sposa turca. Ad introdurne la visione sarà Emma Bonino, conoscitrice dell’area mediorientale in cui le due pellicole sono ambientate.

Aprirà la serata La bicicletta verde, primo film realizzato sotto la bandiera dell’Arabia Saudita e diretto da una donna, Haifaa Al-Mansour. La pellicola narra la storia di Wadjda (Waad Mohammed), una bambina di 10 anni che vive alla periferia di Riyadh. Dopo una lite con l’amico Abdullah,  un ragazzino del quartiere con cui non avrebbe il permesso di giocare, Wadjda mette gli occhi su una bellissima bicicletta verde, in vendita nel negozio vicino casa. Sua mamma, però, per paura delle possibili ripercussioni da parte di una società che considera le biciclette un pericolo per la virtù delle ragazzine, non permette che la figlia abbia una simile diavoleria.

A seguire, in seconda serata, il film Orso d’Oro a Berlino nel 2004, La sposa turca, di Fatih Akın con Sibel Kekilli. Tratta dall’omonimo libro di Nojoud Ali e Delphine Minoui ed ispirato alla vera storia della regista, l’opera racconta una vicenda di bambine in cerca di giustizia ambientata ad Amburgo. La protagonista, Sibel, ma troppo la vita per essere una brava ragazza musulmana: per sfuggire alla prigionia impostale dalla sua famiglia, chiede di sposarla a Cahit, un immigrato turco di prima generazione trasandato ed alcolista.

Ad introdurre la serata sarà Emma Bonino, ex Ministro degli Esteri e conoscitrice dell’area mediorientale. “Il ruolo delle donne in Tunisia non ha nulla a che fare con quello nell’Arabia Saudita” spiegherà l’esponente radicale su Iris, parlando di “vitalità femminile molto spinta” nel mondo arabo e musulmano. Nel corso della rassegna Cieli Meridionali, altre figure – come Toni Capuozzo e Pietrangelo Buttafuoco – hanno offerto il loro contributo.

La rassegna proseguirà nelle prossime settimane con tre prime tv. Ecco il calendario:

30 maggio: “Oltre le regole – The Messenger”, 2009, di Oren Moverman, con Woody Harrelson; “O’ Jerusalem”, 2006, di Elie Chouraqui, con Yan Holm, Patrick Bruel

06 giugno: 1° tv “Inch’Allah”, 2013, di Anaïs Barbeau-Lavalette, con Sabrina Ouazani; 1° tv “Il tempo che ci rimane”, 2009, di Elia Suleiman

13 giugno: 1° tv “Eden”, 2001, di Amos Gitaï, con Samantha Morton, Danny Huston, Arthur Miller; “Kippur”, 2000, di Amos Gitaï

20 giugno: “Donne senza uomini”, 2009, di Shirin Neshat; “Il sapore della ciliegia”, 1997, di Abbas Kiarostami

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Paolo Liguori.
Black Out su Iris, Paolo Liguori a DM: “La rottura del ‘77 non si è più risanata. Io, militare in una Bologna sotto assedio (Video)”


Marco Costa, direttore di Iris
Black Out: su Iris cinque serate dedicate agli Anni Settanta. Marco Costa a DM: “Usciamo dalla logica degli ascolti”


Lino Banfi, Enrico Tamburini
C’era una volta in Puglia: su Iris le più celebri pellicole di Lino Banfi introdotte e commentate dall’attore pugliese


Alfred Hitchcock
BRIVIDI E MAGIA NEL NATALE DI IRIS, LA5 E MEDIASET EXTRA

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.