27
marzo

Cucine da Incubo 4: Cannavacciuolo si sposta sul Nove e riparte dal «Totem» per finire «Dalla Padella alla Brace»

Antonino Cannavacciuolo

L’impronta che Antonino Cannavacciuolo ha lasciato sulla versione italiana di Cucine da Incubo è stata unica fin da subito, e ha dato vita ad uno show genuino ed accattivante che al pubblico è piaciuto. Ma con la quarta stagione, in partenza stasera alle 21:15, l’affare si fa ancora più interessante: sia per una questione di cambio rete, sia per la popolarità raddoppiata del protagonista. 

Cucine da Incubo 4 al via sul Nove

Da quest’anno, infatti, il programma – prodotto da Endemol Italia per Discovery Italia – lascia la pay tv per “trasferirsi” sulla tv free: in passato le gesta di Antonino Cannavacciuolo erano state offerte anche al pubblico di Cielo, ma sempre dopo la messa in onda su Fox Life, mentre ora i nuovi dieci episodi andranno in onda in prima tv assoluta sul Nove, ex Deejay Tv (per la prima puntata simulcast su Real Time e DMAX).

Soprattutto, però, questa quarta stagione arriva subito dopo il successo della quinta edizione di MasterChef, nella quale Cannavacciuolo ha fatto il suo ingresso come quarto giudice, rivelandosi una presenza importantissima ed ormai preponderante negli equilibri del cooking show più famoso.

Il programma rimane lo stesso e riproporrà lo schema di sempre: dei ristoratori in difficoltà – in forze a Fiesole (Firenze), Carignano (Torino), Milano, Albese con Cassano (Como), Marano Marchesato (Cosenza), San Benedetto del Tronto, Taranto, Triuggio (MB) e Roma – si rivolgeranno ad Antonino per salvare la loro impresa e lui, dopo aver fatto i conti con sporcizia, disorganizzazione e menù improponibili, farà il suo piccolo miracolo. Una squadra di operai rimetterà a nuovo i locali disgraziati, ma saranno soprattutto i consigli dello chef a salvare i ristoranti dal fallimento, insieme alle ricette che condividerà con il nuovo team e alle pacche sulle spalle che gli serviranno per “scuotere” ancora una volta animi e coscienze culinarie.

Cucine da Incubo 4: il ristorante “Totem” di Carignano

Il primo ristorante (un pub, in realtà) sarà il Totem di Carignano (Torino) e, a distanza di alcune settimane dalla ristrutturazione, ha ricevuto recensioni tendenzialmente positive sul portale Trip Advisor. Sulla pagina Facebook, tuttavia, si nota una vena polemica da parte dei gestori. Questo l’ultimo messaggio postato:

“Solo dopo aver cominciato a girare ci siam accorti di quanto il programma
Sia improntato a “insultare “al contrario
Di alcuni programmi esteri che invece
Esaltano i punti di forza di un locale…
…si impara solo vivendo”

E in un commento:

“Sì il.27 si vedrà come in poche ore…dal momento che per due giorni non potevamo assoluta entrare nel nostro locale.ci “hanno insegnato il mestiere”

Cucine da Incubo 4: il ristorante “Dalla Padella alla Brace” di San Benedetto del Tronto

Nella seconda puntata conosceremo il Ristorante Dalla Padella alla Brace di San Benedetto del Tronto. In questo caso nessuna polemica da parte dei gestori della pagina Facebook:

“Solo adesso torno su FB! E’ stata una settimana esaltante, ma molto impegnativa e difficile, siamo tutti distrutti, ma felici! Per ora non possiamo pubblicare nulla, fino alla trasmissione ( inizio aprile ) la nuova location la potete vedere solo venendoci a trovare. Il grande chef è una persona eccezionale!!!!!”

Le recensioni sono tendenzialmente positive anche se c’è un utente che pensa che i consigli di Cannavacciuolo siano rimasti inascoltati!



Articoli che potrebbero interessarti


Antonino Cannavacciuolo a Che Fuori Tempo che Fa
Antonino Cannavacciuolo ospite di Fazio mentre sul Nove salva Cucine da Incubo


Antonino Cannavacciuolo
E’ abbuffata di Cannavacciuolo tra Sky Uno, Tv8, Nove, Fox Life e Real Time


O' Mare Mio
O’ MARE MIO: LA NUOVA AVVENTURA DI ANTONINO CANNAVACCIUOLO SUL NOVE TRA PESCATORI E WWF


Cucine da incubo 4 - Trattoria Davis
Cucine da Incubo 4: Cannavacciuolo alla Trattoria Davis di Milano. Ecco com’è oggi

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.