11
marzo

RAY DONOVAN: SU RAI4 LA SERIE “TESTOSTERONICA”

Ray Donovan

Testosteronica, ruvida e intelligente, con una trama ricca di intrecci che potrebbe richiedere agli spettatori la necessità di una maggiore concentrazione, queste le caratteristiche di Ray Donovan, il nuovo serial americano in onda da questa sera in prima visione alle 22,45 su Rai4 (in replica il sabato alle 23,45).

La serie vede come protagonista Liev Schreiber nei panni di Ray Donovan, uno scanzonato faccendiere pronto a risolvere i problemi più inconfessabili di facoltosi clienti e celebrità di Los Angeles. Allo stesso tempo però Donovan non riesce a gestire la sua complicata vita familiare, soffocata da un padre ingombrante, interpretato da Jon Voight, appena uscito di prigione. Nel cast anche Eddie Marsan ed Elliot Gould.

Ideata da Ann Biderman, già creatrice della serie sul Los Angeles Police Department Southland, Ray Donovan è prodotta da Allen Coulter, regista di molte serie HBO. La Coulter firma anche la regia dei primi due episodi, cedendo poi il posto dietro la macchina da presa a John Dahl e Michael Apted.

Negli Usa la serie ha fatto discutere per alcuni temi trattati come il lato oscuro della musica rap e i preti pedofili, ha avuto un buon riscontro di pubblico ed è stata rinnovata a stretto giro per una seconda stagione nel 2014, e una terza nel 2015. Attualmente la rete Showtime si sta lavorando alla realizzazione di un quarto capitolo. Ray Donovan è disponibile anche su Netflix in Italia.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Atlantis 8
ATLANTIS: DA STASERA LA SECONDA STAGIONE IN PRIMA TV SU RAI4


ray-donovan-RAI4
RAI4: LA NUOVA STAGIONE CON PENNY DREADFUL, RAY DONOVAN E GLI EMMY


Dominion
DOMINION: SU RAI4 IN PRIMA TV IL FANTASY POST APOCALITTICO CON GLI ANGELI IN GUERRA


Vickings 8
VIKINGS E MISFITS: AL VIA DUE PRIME TV NEL MERCOLEDI SERA DI RAI4

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.