17
febbraio

FERMI TUTTI! PORTA A PORTA, SPECIALE 20 ANNI: BRUNO VESPA FESTEGGIA IN PRIME TIME CON RENZI E BERLUSCONI?

Porta a Porta speciale 20 anni

Il più longevo talk show del servizio pubblico festeggia vent’anni. Porta a Porta spegne le candeline e si fa pure la festa: per l’occasione, questa sera – mercoledì 17 febbraio – il programma di Rai1 condotto da Bruno Vespa sarà in onda con uno speciale di prima serata. Alla puntata celebrativa parteciperanno leader politici (occhio al colpaccio), personaggi dello spettacolo, della cultura e della musica. E ci saranno solo i più rappresentativi: impossibile, infatti, radunare tutti gli ospiti che in queste due decadi sono passati per ‘la terza Camera’ presieduta dal dottor Vespa.

Quella in onda oggi sarà una serata di intrattenimento e in studio ci sarà anche un’orchestra dal vivo diretta dal maestro Leonardo De Amicis. Ma non solo. Per il ventennale del suo programma, infatti, ci risulta che Bruno Vespa avrebbe in serbo un colpaccio: si sta infatti trattando fino all’ultimo per avere Matteo Renzi e Silvio Berlusconi ospiti. Inutile dire che il conduttore è già pronto ad accoglierli.

Tra gli ospiti che si susseguiranno nel corso della puntata ci saranno Milly Carlucci, Carlo Conti, reduce dal successo del Festival di Sanremo, Fabrizio Frizzi, Antonella Clerici, Nino Frassica. Ma anche cantanti popolari come Al Bano, Peppino di Capri, Francesca Michielin, seconda a Sanremo, i ragazzi de Il Volo – grande scoperta tenuta a battesimo proprio da Bruno Vespa – e il maestro Giovanni Allevi.

Era il 22 gennaio del 1996 quando Porta a Porta si affacciò per la prima volta nelle case degli italiani, con un debutto in seconda serata sulla rete ammiraglia Rai. Ad inaugurare il talk show fu Romano Prodi, allora candidato alla Presidenza del Consiglio nelle elezioni politiche che lo avrebbero visto vincitore. Il giorno successivo, Bruno Vespa ospitò Massimo D’Alema e Gianfranco Fini. Si apriva così una lunga rassegna di puntate che avrebbero reso il salotto di Rai1 un riferimento per il dibattito politico in Italia.

Tanti gli episodi che costellano la lunga storia del programma. Tra tutti, il più significativo – e più volte ricordato dallo stesso Vespa – ci sembra la telefonata che Papa Giovanni Paolo II fece in diretta durante uno speciale dedicato al ventesimo anno del suo pontificato. A Porta a Porta sono passati Presidenti del Consiglio (da Andreotti a Renzi), ma anche icone dello spettacolo e del costume. E, di recente, la trasmissione ha introdotto una formula che condensa più argomenti nella stessa puntata: si comincia a parlare di diete e si finisce con la riforma del Senato, ad esempio.

Porta a Porta, a modo suo, si è adattata alle nuove necessità televisive senza però cambiare il proprio stile. Se il programma è in onda da vent’anni, un segreto ci sarà.



Articoli che potrebbero interessarti


Speciale Porta a Porta, Renzi
SPECIALE PORTA A PORTA: MATTEO RENZI INAUGURA IL SEMESTRE EUROPEO STASERA DA BRUNO VESPA


Enrico Mentana, ascolti elezioni
AMMINISTRATIVE 2011 IN TV: GRANDI ASCOLTI PER LA7 E RAI NEWS CHE FANNO CROLLARE GIORGINO E VESPA SU RAI 1.


Al Bano
Al Bano annuncia il ritiro dalle scene il 31 dicembre 2018 – Video


Bruno Vespa, Porta a Porta
Roberto Fico vs Bruno Vespa: «Ha un contratto da artista, Porta a Porta va esclusa da campagna elettorale»

3 Commenti dei lettori »

1. aleimpe ha scritto:

17 febbraio 2016 alle 19:15

Marco Leardi,

Prima che nascesse “Porta a Porta”, il talk-show su Rai 1 dal 1980 (quando Maurizio Costanzo lasciò la Rai) al 1994 era di competenza esclusiva del Tg1 ?



2. Giacomo ha scritto:

17 febbraio 2016 alle 19:57

Ma Renzi non si trova in Brasile in questo momento? L’aereo che lo stava riportando in Italia dall’argentina è stato ci stretto ad un atterraggio di emergenza.



3. Giacomo ha scritto:

17 febbraio 2016 alle 19:57

Ma Renzi non si trova in Brasile in questo momento? L’aereo che lo stava riportando in Italia dall’argentina è stato costretto ad un atterraggio di emergenza.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.