14
febbraio

TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANTICIPAZIONI DECIMA PUNTATA DI DOMENICA 21 FEBBRAIO 2016

Tutto può succedere

Senza Il Segreto le cose potevano cambiare per Tutto può succedere, la fiction di Rai 1 giunta questa sera alla nona puntata che, fin dall’inizio, ha fatto registrare ascolti tiepidi. O forse addirittura freddi per una fiction corale dell’azienda pubblica con protagonista una tipica (ma allo stesso tempo atipica) famiglia italiana.

Tutto può succedere: lo share cresce senza la concorrenza de Il Segreto

Se, infatti, finora la serie che racconta le vicende dei Ferraro non era riuscita ad imporsi, la scorsa settimana il risultato è stato diverso: Tutto può succedere, contro cui Canale 5 ha schierato la fiction con Giorgio Panariello Tutti insieme all’improvviso, è cresciuta fino al 16.25%. Nulla di straordinario, ma il risultato è stato sufficiente per doppiare la concorrenza e soprattutto sfiorare i quattro milioni di telespettatori.

Purtroppo, però, Tutto può succedere – che consta in tutto di tredici puntate – non potrà approfittare troppo della debolezza della serie sulla clinica veterinaria, visto che la prossima domenica la serie di Rai 1 si ritroverà contro un nuovo “sfidante”, ovvero il seguito della serie tv La Bibbia, che lo scorso anno ottenne ottimi risultati su Rete 4 e che sarà invece promossa su Canale 5, pronta a crearle nuovi grattacapi auditel.

A seguire le anticipazioni della decima puntata, in onda domenica prossima, 21 febbraio 2016.

Tutto può succedere: anticipazioni decima puntata di domenica 21 febbraio 2016

Sara comunica alla madre di Giada quanto accaduto in spiaggia. La donna però crede che sia Ambra ad avere una cattiva influenza su Giada. Giada, che era già arrabbiata con Ambra, va su tutte le furie, mentre Sara deve affrontare la rabbia di Ambra ed esce con Giorgio per un vero primo appuntamento. Carlo e Feven annunciano a Robel che si sposeranno, ma il bambino non è entusiasta come si aspettavano. Successivamente annunciano il proprio matrimonio a tutta la famiglia. La Whalesport intanto è in cattive acque e Giorgio chiede ad Alessandro di licenziare sette persone. Denis soffre nello scoprire che Elisa ha un ragazzo, ma lei gli chiede di rimanere amici. Già stressato per la storia dei licenziamenti, Alessandro dà un pugno a un tizio che dà del ritardato a Max.

TUTTO PUO’ SUCCEDERE: I PERSONAGGI

TUTTO PUO’ SUCCEDERE: LA RECENSIONE

TUTTO PUO’ SUCCEDERE: LA SINDROME DI ASPERGER



Articoli che potrebbero interessarti


VELVET 3 ANTICIPAZIONI
VELVET 3: ANTICIPAZIONI ULTIMA PUNTATA DI MERCOLEDI 11 MAGGIO 2016


Tutto può succedere - Robel
TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANTICIPAZIONI TREDICESIMA ED ULTIMA PUNTATA DI DOMENICA 13 MARZO 2016


Tutto può succedere - Pietro Sermonti
TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANTICIPAZIONI DODICESIMA PUNTATA DEL 6 MARZO 2016


Tutto può succedere
TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANTICIPAZIONI UNDICESIMA PUNTATA DI DOMENICA 28 FEBBRAIO 2016

6 Commenti dei lettori »

1. grilloparlante ha scritto:

15 febbraio 2016 alle 08:53

Il problema è che la famiglia non è tipica affatto, per noi italiani. In realtà sembra di vedere una tipica famiglia americana così come la dipingono le fiction tipo Brothers and Sisters, calata sul litorale romano. L’effetto è strano, e la storia non prende, non appassiona.



2. Giusi ha scritto:

15 febbraio 2016 alle 11:05

a me invece piace molto, mi appassionano le loro storie, e non credo sia così lontano dalle nostre famiglie. In fondo succedono molte cose, a volte anche grottesche, ma è proprio per evidenziare l’attualità che in questa fiction succedono. In fondo chi non ha o non ha vuto momenti come quelli di Emma ed Ettore, che non ha o non ha avuto problemi con figli adolescenti, chi non ha avuto o non ha il problema di dove lasciare bambini piccoli quando i genitori sono al lavoro, chi non ha avuto o non ha un marito/moglie disoccupato e renventarsi un lavoro, a me sembra invece che la fiction tocca moltissime corde della nostra quotidianità…….



3. Billy B ha scritto:

15 febbraio 2016 alle 11:10

La serie non è poi tanto male e permette al telespettatore di evadere, ed è meno strampalata di un’altra fiction della rete che avevo seguito qualche mese fa, ovvero ‘E’ arrivata la felicità. Il fatto che ‘Tutto può Succedere’ sia basata su una fiction americana (‘Parenthood’) le da un non so che di esotico, piacevole e diverso da come sono solitamente le fiction italiane. Misteri dell’Auditel se non ha ascolti altissimi.



4. Giusi ha scritto:

15 febbraio 2016 alle 11:27

Hai ragione Billy B, infatti non so perchè non ha un ascolto così alto. A dire il vero a me era piaciuta anche “E’ arrivata la felicità”, un pò sullo stile di “tutti pazzi per amore”. Ma in italia siamo talemente abituati ai grandi polpettoni che non riusciamo ad apprezzare qualcosa di un pò diverso. Questa fiction mi piace molto e continuerò a seguirla fino all’ultima puntata.



5. Billy B ha scritto:

16 febbraio 2016 alle 10:53

Si Giusi, in fondo neanche ‘E arrivata la felicità’ era poi così male… infatti l’avevo seguita… Ma non so se nella realtà succede sempre così…
‘Tutto può Succedere’ meritava di più… Forse è stata la collocazione… o il periodo in cui è andata in onda…



6. Billy B ha scritto:

16 febbraio 2016 alle 10:54

Si Giusi, in fondo neanche ‘E arrivata la felicità’ non era poi così male… infatti l’avevo seguita… Ma non so se nella realtà succede sempre così…
‘Tutto può Succedere’ meritava di più… Forse è stata la collocazione… o il periodo in cui è andata in onda…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.