18
gennaio

DAL DOPOFESTIVAL 2015 A COLIANDRO: GIANCARLO MAGALLI SI “METTE A NUDO” IN TV

Giancarlo Magalli - L'Ispettore Coliandro

Nel commentare la tv capita spesso di porre l’accento sull’inadeguatezza di alcuni personaggi, in alcune occasioni sopravvalutati, in altre addirittura “miracolati”. E’ invece meno frequente porre l’attenzione su quei personaggi che, al contrario, pur avendo meriti e capacità, sono sottovalutati. A questo secondo gruppo appartiene certamente Giancarlo Magalli, volto storico della tv, che, nonostante la lunga carriera di autore e conduttore, è da anni confinato nel ruolo di bravo padrone di casa de I Fatti Vostri. Ironico, sagace e dalla battuta sempre pronta, con ottima padronanza dei tempi televisivi, il buon Magalli meriterebbe una considerazione maggiore.

Osannato dal popolo del web che, nel gennaio del 2015, arrivò addirittura a candidarlo come Presidente della Repubblica, il conduttore romano negli ultimi tempi ha deciso di “mettersi a nudo”. Tutto è iniziato lo scorso febbraio, quando, durante il Dopofestival ‘in onda’ sul web, Magalli in collegamento con la trasmissione in videoconferenza, in risposta all’ironia del conduttore Saverio Raimondo sulla postura adottata, che lo faceva apparire come stravaccato sul divano di casa, ha impugnato la webcam che lo stava riprendendo ed ha svelato al pubblico il fatto di essere in mutande. Lo scorso autunno, invece, ha preso parte ad una tappa del reality-show Pechino Express, dove non ha avuto alcuna remora a mostrarsi in una vasca da bagno.

Venerdì sera, invece, Magalli è comparso nel primo episodio della serie L’Ispettore Coliandro – Il Ritorno, recitando la parte di un Commendatore. Nella fiction il conduttore si è mostrato un’altra volta nudo, opportunamente schermato dal vetro appannato, mentre si faceva una doccia e cantava a squarciagola la canzone Kobra di Donatella Rettore, per poi morire subito dopo, a causa di una violenta caduta nel bagno.

Mutande, bagni e docce, per una visione decisamente insolita di Giancarlo Magalli, sempre più deciso a mettersi in gioco, come accaduto nel 2014 quando insieme ai The Pills recitò addirittura la parte di un hipster, conquistando per la prima volta il web. Mai prendersi troppo sul serio dunque, ma sino ad un certo punto. Quando la trasmissione Tale e Quale Show lo ha contattato per affiancare Gabriele Cirilli nella “mission impossible” di vestire i panni delle cantanti Paola e Chiara ha, infatti, prontamente declinato l’invito.

Proprio a Tale e Quale Show la presenza di un personaggio sarcastico e a tratti cinico, sarebbe stata perfetta per dare brio ad una giuria sin troppo buonista. Ruolo che in realtà venne proprio proposto a Magalli nella prima edizione dello show condotto da Carlo Conti. All’epoca però il conduttore, ad un posto in giuria, preferì quello di conduttore nello sfortunato game Mi Gioco la Nonna. Chissà se un ruolo in giuria nel varietà più seguito degli ultimi anni, avrebbe potuto contribuire ad un ritorno in pianta stabile su Rai1, rete nella quale Magalli ha in passato preso parte a programmi di successo come I Cervelloni, Luna Park, Papaveri e Papere, Mille lire al mese, e Domenica In.



Articoli che potrebbero interessarti


L'Ispettore Coliandro 7
L’ISPETTORE COLIANDRO: DOPO 5 ANNI DI ATTESA TORNA LA FICTION CON GIAMPAOLO MORELLI. NELLA PRIMA PUNTATA MAGALLI SOTTO LA DOCCIA


Adriana Volpe
Adriana Volpe a DM: «Sollevata per non dover condividere più il video con Magalli. Ossini bravo, giovane e bello»


perego-parliamone sabato
La stagione degli «scandali»


Adriana Volpe e Giancarlo Magalli, fatti vostri
I Fatti Vostri, Adriana Volpe: «Mi sono sentita verbalmente violentata». Ma Magalli incalza

1 Commento dei lettori »

1. Beppe ha scritto:

18 gennaio 2016 alle 14:23

Ricordo ancora la sua battuta al festival in pieno periodo “mani pulite”, quando disse che ormai i garofani erano rimasti solo a San Remo. E’ sempre stato un grande.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.