21
dicembre

FANTAGHIRO’: SU MEDIASET EXTRA RITORNA LA FICTION CULT ANNI 90

fantaghirò

Alessandra Martines

Chi di voi sente la nostalgia del caschetto di Alessandra Martines? Delle maniche a palloncino della strega bianca, di Tarabas, o di Romualdo trasformato in statua di pietra? Se non siete cresciuti negli anni ’90, probabilmente tutto questo vi suonerà strano; se, invece, avete già pensato a “Fantaghirò”, preparatevi a fare un tuffo nel passato. Partirà oggi su Mediaset Extra una vera e propria maratona dedicata alla saga che ebbe per protagonisti Alessandra Martines, Kim Rossi Stuart e Brigitte Nielsen.

Tutti i cinque capitoli di Fantaghirò, film per la tv trasmessi dal 1991 al 1996, prodotti da ReteItalia con la regia di Lamberto Bava e con le colonne sonore di Amedeo Minghi, saranno di nuovo visibili dal 21 al 25 dicembre, tutti i giorni alle 16.15. Si parte con il primo Fantaghirò, a seguire il 22 dicembre sempre alla stessa ora verrà trasmesso Fantaghirò 2, il 23 dicembre Fantaghirò 3, alla vigilia Fantaghirò 4 e per concludere, il giorno di Natale, Fantaghirò 5. Un ritorno in realtà non propriamente tale, visto che la saga è stata più volte trasmessa negli ultimi vent’anni soprattutto durante il periodo natalizio. Gli appassionati però lamentavano una messa in onda troppo limitante: l’anno scorso, solo per fare un esempio, i film erano stati programmati alle 6 del mattino. Quest’anno invece ci sarà la possibilità di rivivere in daytime una serie che al tempo ebbe un successo enorme: fu esportata in 48 paesi e doppiata in tedesco, inglese e francese. La sua prima messa in onda, il 22 dicembre 1991, ottenne in Italia un ascolto di oltre 6 milioni di telespettatori con uno share del 27,5%.

Attenzione però! Al termine della maratona, quindi dal 26 dicembre sempre su Mediaset Extra alle 16.30, verranno trasmesse altre miniserie fantasy degli anni ’90 tutte dirette da Lamberto Bava e nate sull’onda del successo della saga di Fantaghirò: Desideria e l’anello del drago (per intenderci quella in cui Anna Falchi ha per nemica la sorella Selvaggia, che si trasforma in lupo), Sorellina e il principe del sogno (con una giovanissima Nicole Grimaudo reduce da Non è la Rai, e l’intramontabile Spirito della Fonte interpretato da Valeria Marini) e La principessa e il povero (con Lorenzo Crespi e di nuovo Anna Falchi).

Fantaghirò: trama

Di seguito la trama del primo capitolo di Fantaghirò:

Fantaghirò (Alessandra Martines), figlia di un Re (Mario Adorf) in attesa da anni di un erede maschio a cui affidare l’onore e le sorti del suo popolo, nasce durante una interminabile guerra. La sua nascita indesiderata e la morte della Regina (Katerina Frybova) la segnano per sempre agli occhi del Re, pronto a sacrificarla se una Strega (Angela Molina), cosciente del futuro prodigioso della neonata, non la salvasse. Il luogo prescelto per il sacrificio e’ una grotta dove da secoli e’ rintanato un mostro che terrorizza la gente uccidendo gli uomini e mangiando le donne.

Passano gli anni e Fantaghirò diventa una giovane donna bella e insofferente al ruolo che le è stato riservato. Il padre nel frattempo invecchia e comincia a dubitare delle sue forze; la guerra invece continua e a capo del nemico c’e’ ora il giovane Re Romualdo (Kim Rossi Stuart). Romualdo, cosciente dell’inutilità di quella interminabile guerra e vedendo la gente affamata e disperata da anni di privazioni, progetta di sfidare il Re nemico in un duello che decretera’ il vincitore.

Fantaghirò, negli anni della sua crescita, è stata protetta e consigliata dalla stessa Strega Bianca che la salvò dall’ira del padre e che, nel corso della storia, si trasforma, secondo le occasioni, in un topolino bianco, in un’oca o in altri animali. Da lei, la giovane ha imparato a credere sempre in se stessa, nonostante l’incomprensione generale.

Fantaghirò apprende con disgusto del matrimonio al quale il padre la vuole destinare e, dopo aver rifiutato di sposare lo sconosciuto pretendente, fugge dal castello. Nella foresta incantata incontra il Cavaliere Bianco (Angela Molina) che la inizia all’arte del combattimento e la convince a rientrare al castello e affrontare la propria sorte. Il Cavaliere non è altri che la Strega Bianca.

Durante un esercizio con l’arco, una freccia lanciata da Fantaghirò sfiora Romualdo che sta passando nella prateria. La Strega è costretta, per celare l’identita’ di Fantaghirò al giovane nemico, a farla nascondere tra i fitti rami della foresta ma il Re, che si era lanciato all’inseguimento dell’attentatore, ruba un suo sguardo e, come per incantesimo, si innamora perdutamente di lei. Fantaghiro’ si propone come sfidante e supera la comprensibile incertezza del padre: partira’ con le due sorelle alla volta del regno nemico sotto le mentite spoglie di cavalieri venuti da molto lontano per duellare al posto del Re.

Re Romualdo e’ sempre piu’ sconvolto dall’amore incomprensibile che prova per un essere umano che si dichiara un uomo. Dovra’ sfidare il cavaliere e ucciderlo? E se fosse una donna come potrebbe perdonarsi di aver tolto la vita proprio al suo grande amore? Fantaghiro’ nel frattempo comincia a guardare con altri occhi il suo rivale ma cerca di reprimere i suoi sentimenti e attende il momento del duello. Re Romualdo, maliziosamente, decide di sfidare l’avversario in una gara di nuoto: in questo modo il cavaliere sara’ costretto a spogliarsi e quindi a mostrare la sua vera identita’. Punzecchiando astutamente l’orgoglio di Romualdo, Fantaghiro’ propone invece di lasciare l’ultima parola alle spade.

Romualdo si presenta al castello del Re per concedere il suo regno, essendo stato sconfitto; qui vede finalmente Fantaghiro’ donna e in lei ritrova il volto che lo aveva ammaliato nella foresta. Il Re concede al giovane sovrano la mano di Fantaghiro’ e, sotto lo sguardo soddisfatto della Strega Bianca, comincia per i due giovani una nuova vita nella pace ritrovata.

[Giovanni Rossi]

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes



Articoli che potrebbero interessarti

Non ci sono articoli correlati


ASCOLTI TV DI MERCOLEDI 23 MARZO 2011: CENTOCINQUANTA CROLLA AL 14%. NON SMETTERE DI SOGNARE RECUPERA UN PUNTO E VINCE (17.6%). BOOM DI RETE4 CON GRAN TORINO (11.8%).

PRIME TIME - Dopo il buon esordio di sette giorni fa, crolla il programma Centocinquanta condotto da Pippo Baudo e Bruno Vespa: ieri sera su...


IL GIOVANE MONTALBANO, DAL 23 FEBBRAIO SU RAI1

Debutterà giovedì 23 febbraio in prima serata su Rai1 Il Giovane Montalbano, il tanto atteso prequel de Il Commissario Montalbano. Per sei...


DM LIVE24: 2 SETTEMBRE 2012. MISS ITALIA PARTE ALLE 20.35, MATTINO CINQUE PASSA ALLO STUDIO 10?, MY LIFE SALUTA RETE4

>>> Dal Diario di ieri... Miss Italia 2012 in onda dalle 20.35 Il concorso di bellezza che decreterà la regina della bellezza italiana...


FERMI TUTTI! GRANDE FRATELLO 12 IN ONDA GIOVEDI 23 FEBBRAIO. E POI?

Ritorno al passato per Grande Fratello 12. Non parliamo di un ingresso di ex inquilini nè tanto meno di Mrs Bignardi o della comare D'Urso...

3 Commenti dei lettori »

1. Peppa ha scritto:

21 dicembre 2015 alle 17:08

Grande Fantaghirò, però alle 4 non posso vederla uffaaa :(
A me piaceva anche la fiction con Anna Falchi e Lorenzo Crespi, sempre dello stesso genere, si chiamava forse La principessa e il povero, regia di Lamberto Bava :D W gli anni 90



2. Franco2 ha scritto:

21 dicembre 2015 alle 17:37

Mitica Fantaghirò! Ce le ho tutte, ma la rivedo sempre volentieri sotto Natale.
Io spero che facciano presto il seguito, sempre con Alessandra Martines nel ruolo di Fantaghirò, e con Gemma Arterton, che le somiglia molto, nel ruolo di sua figlia.



3. dumurin ha scritto:

21 dicembre 2015 alle 19:45

Bellissima la saga di Fantaghirò e anche tutte le altre fiabe di Canale 5 degli anni ‘90.
Che belle che erano!
Mediaset dovrebbe riprendere il filone fiabesco, le faceva benissimo.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.