17
dicembre

ALESSANDRO BARICCO – MITI ED EROI: COSI RAI5 MESCOLA LO SCRITTORE E IL TEATRO

Alessandro Baricco

Alessandro Baricco torna in Rai, a Rai Cultura per l’esattezza. Lo scrittore torinese sarà impegnato per cinque appuntamenti dal titolo “Alessandro Baricco. Miti ed eroi” che vogliono portare il teatro in tv.

Alessandro Baricco. Miti ed eroi: Rai 5 e lo show del sabato sera

Il programma, in partenza il 19 dicembre, occuperà il sabato sera di Rai5 portando in scena in ogni puntata una diversa rappresentazione teatrale. Si tratterà di un vero e proprio viaggio tra i più celebri personaggi che popolano i romanzi dello scrittore, i quali saranno raccontati attraverso un incrocio di linguaggi.  L’occasione è certamente ghiotta per Rai5, la rete “colta” che nonostante una forte targettizzazione di pubblico fatica a ottenere ascolti soddisfacenti.

Protagonista del primo appuntamento previsto sarà “Palamede, l’eroe cancellato”, il nemico giurato di Ulisse non riportato da Omero e giunto a noi solo grazie alle opere di Gorgia, Apollodoro e Filostato. A recitarne l’arringa sarà Valeria Solarino. La scelta della Solarino, reduce da Una grande famiglia, è così giustificata da Baricco:

“La luce di questi personaggi era talmente grande che nessun attore maschile può reggere quella parte. La Solarino è una bellezza particolare, giusta per questo ruolo”.

Sebbene gli ultimi tentativi di portare il teatro in tv non siano stati particolarmente riusciti (vedi il disastro auditel di Callas), Rai 5 potrebbe essere il luogo giusto in cui sperimentare nuove forme di legame fra il linguaggio televisivo e quello teatrale. Lo spettacolo allestito da Baricco appare infatti frutto di una sperimentazione studiata ad arte:

“Invece di fare le riprese dirette dello spettacolo, ho girato come se fosse un film. I tempi e il linguaggio sono teatrali ma il montaggio, le riprese campo/contro campo e la musica inserita dopo, sono del cinema. E’ inutile inseguire l’irripetibilità del teatro, si perde quell’aura ma si conquista altro. Ho sperimentato e capito che con un po’ di soldi si può fare”.

Basterà tutto ciò a soddisfare gli esigenti gusti del (nano) pubblico di Rai 5?

La direttrice di Rai Cultura Silvia Calandrelli si esprime con queste parole a proposito del rapporto che lega la Rai allo scrittore:

“Bentornato Baricco. Con l’operazione che ha voluto fare per Rai Cultura abbiamo trovato una strada tra tv, teatro e letteratura. E’ l’inizio di una collaborazione con Baricco, di un rapporto che intendiamo portare avanti anche con la Scuola Holden”.

D’altro canto anche la risposta di Baricco è sulla medesima lunghezza d’onda:

“Fare le cose per la Rai ha sempre una componente in più perchè c’e’ un progetto educativo del Paese“.

Il rapporto fra la Rai ed il direttore della Scuola Holden sembra nel pieno della sua fioritura, oltre al progetto in partenza sabato, ce ne sarebbe un altro già in cantiere. Baricco vorrebbe, infatti, replicare la stessa formula d’incontro tra teatro e tv per portare sul piccolo schermo la storia del suo ultimo romanzo ‘Smith&Wesson’, lo scrittore desidererebbe anche vedere Nanni Moretti nei panni di Wesson e Antonio Albanese in quelli di Smith.

“Penso che lo faremo sicuramente, spero con la Rai.” dice Baricco.

“Sicuramente si farà con Rai Cultura. I soldi si trovano per fare le cose belle. Bisogna trovare risorse per fare progetti strategici per il servizio pubblico.” ha aggiunto poi la Calandrelli.



Articoli che potrebbero interessarti


Alessandro Baricco
Steinbeck, Furore: Baricco legge (gratis) lo scrittore statunitense in prima serata su Rai3. «Ma su Rai5 sto meglio»


Wild Italy
Wild Italy: su Rai5 una riserva naturale che svela le meraviglie della Penisola


Logo_Rai_Sport
Rai: nuovi loghi e animazione per i canali tematici (foto)


Elio opera
Elio narra L’Opera Italiana su Rai5

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.