4
dicembre

I MISTERI DI LAURA FINISCONO QUI

I Misteri di Laura

Un vero mistero, è proprio il caso di dirlo, quello dell fiction di Canale 5 con protagonista Carlotta Natoli di cui Canale 5 trasmetterà lunedì prossimo l’ultima puntata: il pubblico dell’ammiraglia Mediaset non ha infatti granché apprezzato il prodotto, concedendogli una media di circa il 10% di share che ha avuto il sapore del flop.

I Misteri di Laura: l’insuccesso della fiction esclude una seconda stagione

I Misteri di Laura sono stati spostati più volte in palinsesto ed era stata paventata anche una migrazione su Rete 4, risoltasi poi in un nulla di fatto, per cercare di cambiarne l’infausto destino. Ma così non è stato. E dunque coloro che si erano appassionati alle buffe vicende di Laura, della sua famiglia scombinata, dei suoi amori e delle sue indagini vecchio stile, le diranno addio tra sei giorni, dal momento che la messa in produzione di un secondo capitolo è da escludere.

Un mistero perchè il prodotto era invece da apprezzare, visto il tono leggero e le storie ben costruite, nonché l’ottimo cast di protagonisti e comprimari che lo impreziosiva. Probabilmente se la fiction fosse andata in onda su Rai 1 avrebbe avuto un riscontro molto diverso, visto che la commedia mixata al giallo è un must dell’azienda pubblica, come dimostrano i vari Don Matteo e Che Dio ci aiuti. Ma invece è andata in onda su Canale 5 e il pubblico del Biscione, abituato alle dure pistolettate e alle storie di sangue e vendetta che hanno per interpreti un certo giro di attori, non gli ha dato un’opportunità.

I Misteri di Laura: flop immeritato per Carlotta Natoli e Daniele Pecci

Un grande peccato soprattutto per i due interpreti principali, Carlotta Natoli e Daniele Pecci, che hanno dato una buona prova delle loro qualità attoriali. Lei era al suo primo ruolo da protagonista assoluta e si è confermata intensa e poliedrica come i telespettatori l’avevano già scoperta in passato tra Distretto di Polizia e Tutti pazzi per amore; lui, invece, ha giocato ancora una volta con i toni ironici e buffi già mostrati in Sposami, risultando quasi un altro rispetto a colui che diede vita al buon Pietro Pironi di Orgoglio.

E’ la seconda volta che un buon lavoro con Daniele Pecci nel cast non viene compreso dal pubblico di Canale 5, il primo fu Crimini Bianchi che andò in onda nel 2008 per poi essere prematuramente sospeso. Peccato, di nuovo.



Articoli che potrebbero interessarti


I Misteri di Laura - Carlotta Natoli
I MISTERI DI LAURA: LA FICTION DI CANALE 5 SI ALLEGGERISCE E FA SORRIDERE, TRA CLICHE’ NARRATIVI E BRAVI ATTORI


I misteri di Laura - Omero
I MISTERI DI LAURA: TUTTI I PERSONAGGI


Una Vita
Una Vita: Cayetana pensa al suicidio – Anticipazioni


Ridiculousness Italia 2017
Ridiculousness Italia: Il Pagante inaugura la seconda stagione

11 Commenti dei lettori »

1. pier ha scritto:

4 dicembre 2015 alle 17:51

Se la fiction fosse andata su Rai uno sarebbe stata un successo! Carlotta Natoli e’ già stata interprete principale nella fiction la vera madre di Vittorio sindoni andata in onda cn successo diversi anni fa su Raiuno!



2. nicola83 ha scritto:

4 dicembre 2015 alle 19:53

In realtà il pubblico ha dato una possibilità a questa fiction, giacché il primo episodio è andato molto bene. Evidentemente non è proprio piaciuta, perché poi è calata molto.



3. Nannatari ha scritto:

5 dicembre 2015 alle 00:22

Fiction deliziosa. É la programmazione che ha sbagliato. Mandarla in onda in concomitanza di fiction su altri canali già avviate è un flop pianificato. Io infatti le ho viste sul web



4. gianna ha scritto:

5 dicembre 2015 alle 12:36

a me è piaciuta moltissimo e l’ho seguita sempre, molto più carina della fiction della pivetti, i protagonisti bravissimi, carlotta deliziosa, daniele splendido



5. Elena ha scritto:

5 dicembre 2015 alle 13:36

Anche io le ho viste poi su internet perché non ho potuto seguire la programmazione in tv… peccato mi ero appassionata molto…



6. Marco ha scritto:

5 dicembre 2015 alle 16:29

Magari metterli di domenica avrebbe reso di più! Ma invece no! Dobbiamo vederci IL SEGRETO 20000 volte a settimana! Canale5 ha bisogno di un cambio radicale!



7. Paoliddu ha scritto:

5 dicembre 2015 alle 22:46

Forse il prodotto riveduto e corretto sarebbe andato meglio, Canale 5 è da un paio d’anni di una sciatteria come idee e personaggi. Di Italia uno, l’unico prodotto che si salva sono le iene. Rete 4 l’unica cosa intelligente che ha fatto è stato rifare il Costanzo show.



8. mery ha scritto:

7 dicembre 2015 alle 11:40

Peccato che non si faccia più una seconda stagione, la visione dei misteri di laura riusciva a distrarmi in quanto la storia era divertente, carina e ben costruita. Evidentemente ormai la gente è assuefatta sempre alle solite cose, la ventata di leggerezza e freschezza non le comprende più nessuno.



9. lorena ha scritto:

7 dicembre 2015 alle 12:00

A me è piaciuta!Al contrario il cambiare ogni tre x due giorno non ha di certo aiutato anzi….. inoltre non hanno tenuto conto dell’ingrato confronto con l’edizione americana con una fantastica Debra Massing era solo questione di lasciare capire le differenze ed apprezzarle. Mi piacerebbe vedere una seconda serie Carlotta Natoli è veramente una brava attrice



10. io88 ha scritto:

7 dicembre 2015 alle 15:19

fiction ben fatta e diversa dal solito… non sono d accordo sul fatto che andava messa su rai 1…o meglio su rai 1 avrebbe fatto più ascolti ma e giusto che anche mediaset sperimenti cose diverse e che il pubblico la finisca di lamentarsi di vedere sempre le stesse cose se ogni volta o quasi si fa qualcosa di diverso si arriva al flop..
Attori bravissimi e fiction leggera e per la famiglia..davvero un gran peccato!



11. Angela ha scritto:

7 dicembre 2015 alle 23:50

Peccato mi piaceva tanto.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.