26
ottobre

TAGADA’: LA ‘GIOSTRA’ DI TIZIANA PANELLA GIRA, MA NON SORPRENDE. LA POLITICA INVADE ANCHE IL POMERIGGIO DI LA7

Tiziana Panella, Tagadà

Il Tagadà gira per due ore. Ma sempre su se stesso. Il nuovo programma di La7, al via oggi sotto la conduzione della valente Tiziana Panella, doveva portare sugli schermi “il pomeriggio che non c’era“, ma in realtà si è limitato a proporre uno schema ormai noto al pubblico della rete terzopolista: quello del dibattito d’attualità a vocazione politica. Un lavoro ben fatto, garbato nei toni e anche gradevole da seguire, ma non proprio sorprendente.

Tagadà: “il pomeriggio che c’era al mattino”

Nella sua prima puntata, la trasmissione è iniziata con un dibattito sull’uso delle armi come legittima difesa. Poi spazio ad un’intervista al Ministro Lorenzin (un bel colpo, niente da dire): la conversazione si è svolta su un divano, forse nel tentativo di rendere più colloquiale il confronto. Si è parlato poi della città di Roma, di pensioni e di Legge di Stabilità. Tutti argomenti interessanti, ma che avremmo potuto trovare anche nei programmi mattutini (o serali) di La7.

E allora dove sta il divertimento di salire su questo Tagadà? Il programma può vantare una conduttrice capace ed avvenente, che sa tenere le redini del dibattito e riesce anche a sdrammatizzare la seriosità di certi argomenti: abilità, queste, che andrebbero meglio sfruttate con una scaletta più agile e magari anche più pop, visto l’orario di messa in onda. Al contrario, per ora la trasmissione ha costretto la giornalista ad una sorta di remake del suo Coffee Break, con tanto di cifre e analisi economiche.

A nostro avviso Tagadà potrebbe funzionare, ma serve più coraggio. Infatti, se da una parte è vero che La7 non può rinunciare al proprio ‘core business’ – ossia il talk show politico – dall’altra è altrettanto vero che il pubblico pomeridiano ha esigenze diverse da quello mattutino o del prime time. Senza contare che si rischia di usurare temi e tematiche in un periodo, peraltro, in cui i divoratori di tribune politiche mostrano una minore propensione a maratone catodiche.

Dunque poteva essere auspicabile non limitarsi soltanto a numeri e leggi, alternando magari tematiche ‘alte’ e ‘meno alte’, con l’ausilio di un parterre che – a differenza di quanto accade in altre trasmissioni pomeridiane – non sia composto dai soliti tuttologi da salotto, che il particolare pubblico de La7 potrebbe non gradire. Il Tagadà può e deve girare più forte.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


La7, blackout problema tecnico
Tagadà, da Tiziana Panella si parla di malocchio e venerdì 13: un blackout spegne la diretta


Tagadà - La7
LA PICCOLA IMPRESA POMERIDIANA DI TAGADÀ SU LA7


Tiziana Panella, La7
TAGADA’: TIZIANA PANELLA ACCENDE IL NUOVO POMERIGGIO DI LA7


Myrta Merlino
La7 riaccende il daytime. Unica novità Skroll, Myrta Merlino torna a L’Aria che Tira per «odiare l’odio»

5 Commenti dei lettori »

1. Porciatti Pier Vittorio ha scritto:

27 ottobre 2015 alle 10:41

La Tiziana Pannella, si deve ricordare è una giornalista quando dirige una trasmissione, non può essere di parte, non deve usare le domande o le risposte in modo “sublimale” … Pier



2. grilloparlante ha scritto:

27 ottobre 2015 alle 15:54

La Panella è tutto tranne che “non di parte”. Ed è un vero peccato perchè se riuscisse ad essere imparziale, o almeno un pò meno parziale, sarebbe la migliore.



3. Gianni ha scritto:

28 ottobre 2015 alle 18:02

Se ne sentiva la mancanza di un nuovo talk politico!
Più che altro delle gambe della Panella!



4. Giorgio Crovi ha scritto:

29 ottobre 2015 alle 13:24

Due cose –
In Italia si continua a rubare. TOGLIETE LA PENSIONE AI CONDANNATI PER REATI ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, PER CHI RUBA E PRENDE MAZZETTE. INSOMMA PER TUTTI GLI AMMINISTRATORI INFEDELI E LORO ” SUDDITI” . SONO CERTO CHE CI PENSERANNO DUE VOLTE PRIMA DI CORROMPERE E/O FARSI CORROMPERE. IL M5S STA VIVENDO DI RENDITA SOLO SU LE RUBERIE E GLI ERRORI NOSTRI, PERCHE’ NON SA FARE ALTRO CHE ASPETTARE CHE CE LI TAGLIAMO DA SOLI.
Seconda cosa
Ma mi dite come mai il proliferare di queste onlus che dapprima chiedevano 1 euro, poi 2, poi 3, poi 9 ma ora addirittura 15 al mese. Ma chi li controlla? Dove vanno a finire i nostri soldi?
Grazie per l’attenzione, bravissima, dolcissima e…….BELLISSIMA Tiziana.



5. franco ha scritto:

18 febbraio 2016 alle 15:12

In TV. vediamo sempre i soliti. Esposito è una grossa volpe sparata. E’ spocchioso e si espone come se fosse il custode della verità. Fateci caso, tutti gli altri sono seduti compostamente, lui ha ol classico atteggiamento di superiorità.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.