23
ottobre

PICCOLE DONNE LOS ANGELES: QUANDO IL NANISMO DIVENTA KITSCH

Piccole Donne Los Angeles

Ricordate Meg, Amy, Jo e Beth March? Ecco, dimenticatele. Perchè in tv sono sbarcate delle Little Women che con l’eleganza e la classe dei personaggi presenti nei libri scritti da Louisa May Alcott non hanno nulla a che vedere: sono le protagoniste di Piccole Donne Los Angeles, un docureality in onda dal lunedì al venerdì su Lei Tv alle 14:15 (e su MTV8 la domenica in seconda serata).

Piccole Donne Los Angeles: protagoniste urlanti e senza spessore

Terra, Tonya, Elena, Christy, Briana e Traci sono delle amiche/nemiche che vivono a Los Angeles a stretto contatto con il mondo dello spettacolo, al quale alcune di loro ambiscono con forza e determinazione. Sono prive di qualunque lealtà, sia verso se stesse che verso le altre, vivono di eccessi di stile o caratteriali che le rendono antipatiche a pelle; mancano del tutto di equilibrio, avendo o troppa considerazione di se stesse o troppo poca.

Cos’hanno dunque di interessante queste donne, tanto da farle protagoniste di uno show televisivo? L’altezza, o meglio la scarsa altezza: sono tutte affette da nanismo ed è una condizione che hanno imparato a gestire fin troppo bene, tanto da farne un vanto e non viverla mai come un handicap (almeno a parole).

Piccole Donne Los Angeles: il nanismo sacrificato sull’altare del cattivo gusto

E se il programma aveva come scopo ultimo quello di abbattere lo spettro delle differenze e raccontare il nanismo con normalità, ha centrato in pieno l’obiettivo: perchè, in quel marasma di urla, imprecazioni e scenate di cattivo gusto, che le protagoniste siano alte poco più di un metro lo spettatore finisce col dimenticarselo.

A differenza degli altri programmi nei quali i nani raccontano la loro quotidianità – uno su tutti Il Nostro piccolo grande amore – qui non c’è realtà, non c’è empatia ma solo un racconto sul pessimo gusto nel quale le protagoniste fanno davvero una brutta figura, rendendosi a più riprese ridicole con le loro reciproche gelosie e rivalità. E lo stesso sarebbe se avessero una statura normale, ma dal momento che non la hanno il loro comportamento finisce solo per rendere il nanismo una “macchietta”.

Un programma evitabile al 100%. E neanche se arrivasse la magica e simpatica nanetta Josephine, Ange Gardien da La7 potrebbe fare niente per risollevarlo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Meglio tardi che mai
Meglio tardi che mai. O forse era meglio mai e basta


L'Onore e il rispetto 5 - Finale
L’Onore e il Rispetto 5: com’è finita la storia di Tonio Fortebracci – Foto e Video


Facciamo che io ero - Virginia Raffaele
Facciamo che io ero… una delusione?!


Solo per Amore 2
Solo per Amore 2: un piccolo romanzo televisivo

1 Commento dei lettori »

1. Anthony ha scritto:

26 ottobre 2015 alle 21:55

Le adoro mi piacciono una cifra….le guardò sempre



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.