16
settembre

DIMARTEDI: FLORIS METTE MANO AL FORMAT. MENO DIBATTITO, SPAZIO ALLE INTERVISTE MORDI E FUGGI

Giovanni Floris, diMartedì

La campanella d’inizio anno è suonata. E l’alunno Giovanni Floris ha preso posto tra i banchi del palinsesto desideroso di affermarsi come il primo della classe. Tornando su La7 con diMartedì, l’occhialuto conduttore non si è limitato ad eseguire il compitino assegnatogli dal preside Urbano Cairo (già svolto egregiamente nella passata stagione) ma si è spinto oltre, mettendo mano al format. Nel suo programma, infatti, la componente del dibattito è stata ridotta all’osso per lasciare posto ad interviste singole. Lo studente si è applicato: vediamo ora come giudicarlo.

Al netto della prima puntata, la scelta di cadenzare la serata con una serie di faccia a faccia (tutti con ospiti di rilievo) ci è parsa astuta. Ma anche rischiosa. Infatti, se da una parte le interviste garantiscono un confronto pacato e più proficuo dei chiassosi dibattiti, dall’altra esse sottraggono spazio al plurale confronto delle idee. La riuscita delle conversazioni vis-à-vis, inoltre, è tutta affidata alla sensibilità del conduttore, il quale sceglie il tenore delle domande. Ieri, ad esempio, Floris è parso incalzante con il sindaco Marino e meno con la Presidente Boldrini (sebbene gli spunti non mancassero affatto).

Va comunque precisato che a diMartedì il talk non è del tutto sparito. Semmai è stato destrutturato e frammentato: i momenti di confronto prevedono ora la partecipazione di pochi interlocutori. E questo ci piace. Per dibattere sull’attualità, infatti, non servono ampi consessi ma ospiti mirati e adatti all’argomento. I cambiamenti operati quest’anno a diMartedì (tra cui annoveriamo anche un efficace riassetto dello studio e un nuovo regista) sembrano andare verso un’unica direzione: quella di attribuire un profilo alto al programma. Valuteremo più avanti i risultati.

Non possiamo che leggere in tale ottica anche la scelta di concludere la puntata di ieri con pregevole servizio sui giardini del Quirinale condotto dallo stesso Floris.

Per le prossime puntate auspichiamo un perfezionamento alla scaletta: vanno bene l’agilità e il ritmo, ma l’effetto mordi e fuggi (ravvisato soprattutto nelle interviste) nuoce all’approfondimento.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Giovanni Floris
Giovanni Floris: «Farei un appello per avere la Gabanelli a La7». Torna diMartedì con la copertina di Gene Gnocchi


Bianca Berlinguer, Cartabianca
Cartabianca: Berlinguer non decolla e insegue Floris. Rai3 e l’azzardo del martedì


diMartedì, applausi
DIMARTEDÌ, TROPPI APPLAUSI: ORA IL VIZIETTO È FASTIDIOSO


Giovanni Floris, Salini, Ghigliani
DIMARTEDÌ: FLORIS TORNA CON MASSIMO GIANNINI OSPITE FISSO. “È STATO CORAGGIOSO A BALLARÒ”

2 Commenti dei lettori »

1. johnny ha scritto:

16 settembre 2015 alle 15:22

E anche quest’anno possiamo godere nel vedere Flopporis collezionare figuracce.

Ballarò era un format di successo, certo nel tempo sbiadito grazie ad autori e conduttore che si crogiolavano sugli allori passati scadendo anche nel poco professionale, ma funzionava ancora. Adesso un non giornalista televisivo (essere bravo a scrivere su un giornale non ti rende adatto a condurre in tv) e Flopporis puntano sulle interviste 1 on 1. Scadenti, banali, con risposte trite e ritrite. Ma almeno trovassero gente nuova da intervistare. No, Bersani, Camusso e altri che ormai a La7 hanno la poltroncina con il loro nome inciso sopra.

Ringrazino l’Auditel che gli stima un ottimistico 5%, ridistribuissero i meter a famiglie diverse da quelle in voga trent’anni fa se lo sognerebbero. E Flopporis deve fare una statua a Crozza che senza lui non arriverebbe all’1%.



2. Giuseppe ha scritto:

16 settembre 2015 alle 15:28

Palloso come la scorsa stagione.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.