1
settembre

TV SULL’ORLO DI UNA CRISI DI NERVI: IL TG1 DALL’ANALISTA!

TG1 - TV sull'Orlo di una Crisi di Nervi

TG1 - TV sull'Orlo di una Crisi di Nervi

- Terapeuta: Buongiorno, benvenuto.
- Paziente: Buongiorno a lei Dottoressa.

- T: Lei è?
- P:Sono il Tg1.

- T: Ahh, non l’avevo riconosciuta. Bene, mi dica, perché è qui?
- P: Ecco, l’ha detto lei! Sono qui perché mi sono perso, ho come l’impressione di essere invisibile.

- T: Cosa intende con “invisibile”?
- P: Vede, un tempo io ero il TgUno ed avevo una redazione di grandi giornalisti. Un tempo io ero il telegiornale più credibile del Paese, si può dire che io fossi IL TG, il signor telegiornale!

- T: Ed ora non si sente più così?
- P: No, ora noi tg siamo tutti uguali!

- T: Tutti?
- P: Sì! Televisivamente parlando intendo. Ovviamente ogni tg ha un suo taglio editoriale ed un suo colore nelle grafiche e nella scenografia, ma siamo tutti troppo simili. Il ritmo è il medesimo: conduttore in studio -servizio – conduttore in studio – servizio… I nostri servizi hanno tutti la stessa forma, sono montati in studio con immagini realizzate da cameramen professionisti in esterna, hanno una voce narrante fuori campo pulita ed impostata e non durano che qualche manciata di secondi. Ora non sono che un tg nel mare magnum dei tg. Uno qualunque, uno con giornalisti che mi conducono nel medesimo modo in cui altri giornalisti conducono altri tg: seduti, eleganti e freddi.

- T: Crede che il problema siano i suoi conduttori?
- P: Non direttamente. Loro sono ottimi giornalisti, ma sono formali e glaciali, con lo sguardo sempre accigliato e i sorrisi di cortesia. Non c’è umanità nel loro modo di dare le notizie, sono prigionieri di un giornalismo che eguaglia la freddezza alla professionalità, il distacco al rigore e l’eleganza alla cortesia. Appaiono tutti uguali, nessuno lascia trasparire la propria personalità, anche solo per qualche attimo fugace.

- T: Quindi crede che il problema siano i conduttori?
- P: No, non solo perlomeno. La parte tecnica non è certo migliore! Intendo dire che anche la regia, la fotografia e la grafica sono ferme; ferme ad una creatività standard: è un ossimoro, lo so, se è standard non può essere creatività. C’è un grande lavoro in regia, c’è professionalità ma nulla di più, non un guizzo di innovazione, non proposte di rinnovamento, non tentativi di cambiamento.

- T: La sua insoddisfazione mi pare dilagante, come crede che sia stato possibile arrivare a questo punto?
- P: Non so che dire, non me lo so spiegare.
- T: Tiziano Ferro?
- P: Come?
- T: Ha detto “non me lo so spiegare”, è il titolo di una canzone di Tiziano Ferro. Le chiedevo se fosse una citazione?
- P: No, per carità, io non ascolto quel genere di musica.
- T: Che genere?
- P: Quel genere. Quello lì. So chi è solo perché Mollica, il mio giornalista di spettacolo, qualche volta ne ha parlato bene, anche se poi Mollica parla bene un po’ di tutti, quindi non gli credo più molto.
- T: Mmm, non sa descrivere il genere, lo definisce quello lì ma dice che non le piace.
- P: Sì, perdoni la franchezza, ma i miei gusti musicali non sono attinenti con l’argomento della seduta. Siamo qui per parlare della perdita della mia unicità.

- T: Lei mi ha parlato del suo staff e di quanto sia poco originale.
- P: Sì, vero.
- T: Ma chi ha creato il suo staff?
- P: Io, l’ho creato io.

- T: Vede Tg 1, lei ha scelto e formato personale all’altezza dei suoi standard. Certe volte accade, però, che gli standard alla lunga diventino gabbie. Quelle che sembravano regole per mantenere elevata la qualità, se non rinnovate costantemente, diventano le ragioni che spiegano il nostro invecchiare e ci mantengono lontane dal mondo vero che continuamente evolve.
- P: Quindi, mi sta dicendo che io sarei invecchiato.
- T: Le sto dicendo che quando si smette di rinnovarsi si invecchia. Lei ha smesso di rinnovarsi?
- P: Io? Beh, pensandoci bene, non lo so, non saprei. Forse sì. (breve silenzio) Effettivamente le inquadrature sono inalterate da anni e le camere sono sempre nella medesima posizione, non c’è movimento, il telespettatore assiste a sequenze d’immagini piatte. I servizi sono borghesi, realizzati con telecamere dall’ottica perfetta ma come si può filmare un delitto fornendo immagini di alta qualità? La verità è opaca, il mondo è colmo di luci ed ombre ed io con quelle telecamere dall’ottica perfetta le appiano tutte, ma non è un bene, anzi! La scenografia asettica non mostra la realtà di una redazione, viva e movimentata, i giornalisti stanno dentro la notizia ma nei telegiornali sono così distaccati che è molto difficile crederlo. Televisivamente ci siamo banalizzati.
- T: Lei ha solo usufruito del meglio che le è stato messo a disposizione in termini di mezzi e tecnologie, ha ambito al raggiungimento della massima qualità possibile.
- P: Sì ma il massimo resta massimo solo per un po’, poi diventa abitudine.
- T: Lo sta riconoscendo, è un buon passo. La diagnosi è chiara: smarrimento delle specifiche identitarie da reiterazione di condotte transitorie.

- P: Dottoressa, dobbiamo rivederci, dobbiamo approfondire.
- T: Certamente, lo faremo nella prossima seduta.
- P: Perfetto. Grazie. Arrivederla.
- T: A presto.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


M5S vs Mario Orfeo
M5S vs Mario Orfeo, il direttore ‘inseguito’ dai grillini (video). La Rai lo difende: “Rappresenta il pluralismo, massima stima”


Virginia Raggi
Tg1, Beppe Grillo accusa: Virginia Raggi è stata censurata. Fico (Vigilanza Rai): dimissioni subito!


Papa Francesco, Virginia Raggi
RAI: VIRGINIA RAGGI ‘SPARISCE’ DALLE INQUADRATURE DEL TG1 NELLA DIRETTA DELL’IMMACOLATA


Cavallo Saxa Rubra
RAI, SI PROGETTA UNA RIVOLUZIONE EDITORIALE: NEWSROOM, ACCORPAMENTI E NUOVE TESTATE. ECCO I DETTAGLI

5 Commenti dei lettori »

1. emilioz ha scritto:

1 settembre 2015 alle 11:45

Ha sbagliato analista. Mi Creda. Ma nel paziente non riconosco nemmeno il tg1.



2. Peppa ha scritto:

1 settembre 2015 alle 13:51

L’unico tg che veramente si distingue é il tg la7, la conduzione di Mentana é unica nel suo genere ed evita proprio la spersonalizzazione di cui si parla nell’articolo. Per il resto é verissimo che i tg ormai sono tutti molto politically correct e guai a dire mezza parola in più o ad accennare un’espressione diversa dalla solita vitrea a cui i telegiornalisti ci hanno ormai abituati.
A livello di regia comunque c’é da dire che il tg3 ha ultimamente tentato di differenziarsi introducendo una telecamera su binario che si muove per lo studio prima di fermarsi sul primo piano del conduttore, piccola innovazione che se non altro dimostra buona volontà.



3. Gianni ha scritto:

1 settembre 2015 alle 17:29

E’ un tg in linea coi suoi telespettatori. Vecchio.

Per il resto è inutile avere un tg per ogni canale se poi sono identici!
La Rai è lottizzata e l’unico motivo per avere tre tg era che così la parte “politica” dell’informazione può essere maneggiata a favore partito di riferimento. Ma il resto del tg è identico…stessi servizi, stesso commento, stessa scelta delle informazioni da dare.



4. R101 ha scritto:

1 settembre 2015 alle 21:03

Dissento completamente dall’analisi fatta.
Il Tg1 è un ottimo prodotto.
Perfettibile come ogni cosa.
Concordo solo sulla necessità di inquadrature più mobili.
Per il resto, introdurrei di nuovo molti ospiti intervistati direttamente dal conduttore, sia in studio che in collegamento.
Già qualche anno fa fu sperimentato con successo da un direttore, ma purtroppo non ne ricordo il nome.



5. Maximo ha scritto:

2 settembre 2015 alle 12:34

Eccellente disamina. Complimenti.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.