12
maggio

QUARTO GRADO MAGAZINE: IL PROGRAMMA DI RETE 4 SBARCA IN EDICOLA

Quarto Grado Magazine

Dalla tv alla carta stampata. Quarto Grado, il programma di Retequattro, dopo quella dell’Auditel, si appresta ad affrontare una nuova sfida: l’edicola. Il programma, dunque, segue la scia de Il Segreto e Mistero, trasmissioni Mediaset con uno “spin off cartaceo”, andando a porsi come diretto concorrente del settimanale Giallo, edito da Cairo editore.

A dare vita a «Quarto Grado Magazine» sarà la medesima e collaudata squadra giornalistica della trasmissione televisiva: da Gianluigi Nuzzi ad Alessandra Viero, dal team di inviati ai tanti che lavorano dietro le quinte del programma. Diretto da Siria Magri, «Quarto Grado Magazine» sarà in edicola da, domani 13 maggio, al prezzo di lancio di 1 Euro.

Nel primo numero, l’intervista esclusiva a Carlo Castagna che ha perso moglie, figlia e il nipote Youssef nella strage di Erba. A nove anni dal massacro, Castagna dice a «Quarto Grado Magazine» di voler incontrare gli assassini dei suoi cari: «Ho scelto la via del perdono: so per certo che non l’hanno accolta, ma vorrei mi fosse concessa la possibilità d’incontrarli. Non per ricordare quella sera, ma per vivere con loro un momento di fraternità. Di pietas».

In vendita ogni mercoledì, edito da Rti-Fivestore, il settimanale propone in oltre 80 pagine inchieste, approfondimenti, rubriche, dossier, testimonianze, documenti inediti. E tutti gli ultimi sviluppi dei fatti di cronaca affrontati in tv.



Articoli che potrebbero interessarti


Gianluigi Nuzzi
Gianluigi Nuzzi ha il Covid: «La vita continua. Sarò a Quarto Grado in collegamento»


Barbara Palombelli, Stasera Italia
Femminicidi, Barbara Palombelli si scusa: «Nulla giustifica la violenza. Questa polemica tradisce la mia storia» – Video


nuzzi viero
Quarto Grado riparte da Denise Pipitone e dall’omicidio della vigilessa


palinsesti rete 4
Rete 4, palinsesti autunno 2021. Tutto confermato

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.