4
maggio

CADUTA LIBERA: GERRY SCOTTI AL DEBUTTO CON CONCORRENTI VIP

Caduta Libera

Caduta Libera

Dopo il flop alla conduzione di Avanti un altro, per cui si è scomodato nelle ultime settimane pure Paolo Bonolis cimentandosi in un’inedita e curiosa conduzione maschile doppia, per Gerry Scotti è tempo di tornare alle origini con un game show maggiormente strutturato, che non richiede particolari doti di improvvisazione: Caduta libera. Una scelta necessaria per Scotti, ma anche per il Biscione nella speranza di slegarsi dal minimondo di Bonolis con una alternativa che possa altrettanto funzionare negli ascolti. Per il momento si andrà avanti fino a fine giugno.

Caduta libera – Meccanismo

Basato sul formato Still Standing, già andato in onda in 12 paesi nel mondo, il gioco alla base di Caduta libera è a dire il vero piuttosto semplice; ciò che sostanzialmente fa la differenza è la presenza di una botola sotto i piedi degli undici concorrenti: il primo che sbaglia cade nel vuoto e viene definitivamente eliminato.

Il meccanismo non è, come accennato, nulla di sorprendente. Dieci concorrenti – posizionati a cerchio – giocano come sfidanti, mentre un altro concorrente inizia la sfida al centro dello studio. Tutti i concorrenti sono posti su una pedana, poiché chi sbaglia verrà fisicamente eliminato. Il concorrente al centro sceglie di volta in volta chi vuole sfidare e, a turni alterni, entrambi devono rispondere alle domande poste da Gerry Scotti completando una o più parole di cui vengono mostrate poche lettere, a mo’ di cruciverba. Di sfida in sfida, se il concorrente riesce ad eliminare i suoi sfidanti potrà arrivare ad un montepremi finale in denaro.

Caduta libera – Concorrenti vip alla prima puntata


Nella prima puntata in onda a partire da oggi 4 maggio 2015 alle 18.50 su Canale5, ci saranno undici concorrenti d’eccezione: Gerry Scotti aprirà infatti le danze con Alex Belli, Carmen Russo, Pierluigi Diaco, Andrea Pucci, Alessandro Cecchi Paone (sarà il primo concorrente a centro pedana), Michela Coppa, Roberta Giarrusso, Andrea Montovoli, Vladimir Luxuria, Giulia Provvedi e Silvia Provvedi (le Donatella, che giocheranno separate).

Caduta Libera si registra a Barcellona negli studi della versione spagnola Ahora Caigo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


attento che cadi studio
CADUTA LIBERA E’ IL NUOVO PRESERALE DI GERRY SCOTTI. DA MAGGIO SU CANALE 5


Gerry Scotti
Ri-Caduta Libera e i leggeri cambiamenti che non stravolgono il gioco


Gerry Scotti
Caduta Libera: il ritorno di Gerry Scotti nel preserale di Canale 5 con tre nuovi giochi


gerry scotti caduta libera
Caduta Libera: Gerry Scotti torna in prime time con i «campionissimi». Ospiti Ale e Franz, Gabbani e Arisa

13 Commenti dei lettori »

1. federiko24 ha scritto:

4 maggio 2015 alle 14:50

Un bel popurrì di ex-VIP.



2. kalinda ha scritto:

4 maggio 2015 alle 15:22

Flop in vista.



3. MirkoC ha scritto:

4 maggio 2015 alle 15:36

Io ho visto il programma in spagna e non è male, credo possa essere sulle corde di Scotti assolutamente inadatto alla conduzione di Avanti un altro che tra l’altro deve riposare qualche mese perché a lungo andare risulta ripetitivo e noioso!



4. ellen ha scritto:

4 maggio 2015 alle 15:42

Ascolti in “caduta libera”!



5. Stefano ha scritto:

4 maggio 2015 alle 15:56

Basti che vada sopra i 2 milioni e 100



6. tinina ha scritto:

4 maggio 2015 alle 15:58

Il meccanismo ricorda un programma di Frizzi di diversi anni fà che si intitolava, guarda caso, “La botola”!



7. Pasquale ha scritto:

4 maggio 2015 alle 16:35

Io Come format lo trovo carino, e poi perché flop vediamo prima come vanno gli ascolti e poi parliamo di un ipotetico flop, e poi almeno deve fare 3.5 tinina hai ragione assomiglia alla botola il gioco della rai, pero questo gioco è della Spagna.



8. mimmo1978 ha scritto:

4 maggio 2015 alle 16:54

In quasi tutti i commenti si parla di flop,se. può essere di buon auspicio negli altri paesi è andato bene, tanto che in Spagna va in onda dal 2011. So che non è avanti un altro e non c’è Bonolis ma diamo tempo prima di parlare.



9. Taichi ha scritto:

4 maggio 2015 alle 17:15

tinina: il format esiste da anni, ancor prima de “la botola” di frizzi, quindi, guarda casa, è il programma “la botola” che si è ispirato a “caduta libera”, che poi quello di frizzi non era un game ma una specie di corrida dove si esibivano nelle loro specialità e il meno votato cadeva in piscina, se è durato una sola stagione significa che quella pseudo copia di questo format non è andata bene. Il gioco è carino e spero possa andare bene così da poter vedere un po di novità nel stantio preserale morto da anni dove si vedono solo eredità e avanti un altro (a parte reazione a catena solo 3 mesi l’anno) aria nuova finalmente



10. iki ha scritto:

5 maggio 2015 alle 01:56

In Spagna é un grande successo della rete Antena3 grazie anche alla bravura del conduttore Arturo Valls.
Spero possa ottenere successo anche qui in Italia anche se trovo Gerry davvero stanco come se avesse dato già tutto. Avrei preferito sperimentare qualcun altro, per esempio Alvin o Ezio Greggio. Serve un’alternativa ad AUA anzi io rispolvererei anche Passaparola.A Gerry consiglierei un tonight show alla Letterman in seconda serata su Canale5



11. Diegoz ha scritto:

5 maggio 2015 alle 09:20

da come descritto mi sembra una versione modificata de L’Eredità



12. pedro ha scritto:

5 maggio 2015 alle 18:11

Iki: Arturo Valls e’ il Bonolis spagnolo. Non c’e’ ombra di dubbio. Entrambi sono pazzi. Detto questo, a me questo quiz non piace. Troppo banale per i miei gusti.



13. Lina ha scritto:

25 giugno 2015 alle 19:11

Secondo me Jerry Scotti parla troppo, impedendo che il concorrente possa avere un minimo di concentrazione quando la risposta non è immediata e poi potrebbe anche fare a meno di chiedere sempre “se dovessi vincere una bella somma….?” Non credo che i telespettatori nutrano interesse in merito; piace giocare anche da casa, piace stare a vedere chi vince (semprechè qualcuno vinca) e punto. Preferisco un Bonolis che finge di non conoscere l’inglese piuttosto che Scotti il quale, inopportunamente, ripete la risposta sfoggiando la sua pronuncia.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.