25
aprile

VEDO NUDO: CIELO E’ ANCORA HOT. ECCO IL REPORTAGE SUI LOCALI A LUCI ROSSE

Vedo Nudo, Cielo

Niente di nuovo sotto il Cielo. Come direbbe Max Gazzé: ancora il solito sess0! Dopo averci raccontato i segreti dei genitali femminili, le perversioni sadomaso e gli amori clandestini dei preti, ora il canale 26 del digitale terrestre (126 di Sky) torna a scandagliare il mondo dell’er0tismo, che ormai sembra diventato il leitmotiv del palinsesto di seconda serata. Oggi – sabato 25 aprile – alle 23.00 parte Vedo Nudo, l’inedito ciclo di documentari dedicato al mondo dei sexy disco bar italiani. Una produzione piccante, curata dal regista Alberto D’Onofrio, già autore per Cielo dei documentari I mille volti dell’Eros.

Vedo Nudo – Su Cielo i sexy disco bar d’Italia

Nel corso di quattro appuntamenti, D’Onofrio condurrà un viaggio nel mondo dello spogliarello, visto non solo come momento di puro svago, ma anche come forma d’arte (!) realizzata da vere e proprie artiste dell’er0tismo. Al centro del reportage ci sarà la sensualità delle sexy star che si esibiscono nei principali strip club italiani, ma anche le fantasie dei clienti che frequentano questi locali. In particolare, il racconto inizierà dal sexy disco bar Excelsior di Firenze con la spogliarellista Justine, una polacca lanciata da Riccardo Schicchi e salita agli onori della cronaca per uno spogliarello improvvisato dentro lo stadio di Torino.

Vedo Nudo – Spogliarelliste e clienti nel reportage di Cielo

Tra i volti (e i corpi) del documentario, anche quelli di Brigitta B. (ex Brigitta Bulgari) e Veneziana Vittoria Risi, p0rn0star con un diploma all’accademia di belle arti e un passato come agente immobiliare. Vedo Nudo entrerà anche al Play Girls di Cremona, uno dei club di striptease più frequentati nel nord Italia, e racconterà il mondo del Burlesque. Tra le testimonianze dei clienti, emergeranno racconti di flirt e innamoramenti, ma anche figure surreali come quella di Nonno Lallo, 70enne diventato un autentico beniamino del pubblico.

Vedo Nudo – Cielo è sempre più hot (ma non è una novità)

L’eros torna protagonista sul canale 26 dtt. Per chi non lo avesse capito, sesso e volentieri su Cielo si parla proprio di quello. E così, l’ennesima inchiesta ‘a luci rosse’ sembra già un déjà vu prima ancora d’essere vista. Infatti, dopo aver scoperto Le case chiuse del Canton Ticino e aver conosciuto le abitudini sessuali indiane, senza dimenticare i reportage sulle dimensioni dei genitali, sul turismo sessuale, le rivelazioni di Vulva 3.0 (solo per citare alcune delle ultime produzioni trasmesse) e il film erotici anni 70 o a marchio Tinto Brass (trasmessi anche in prima serata), ora il telespettatore rischia di rimanere frastornato. Si sintonizza su Cielo e crede forse di aver beccato un nuovo canale monotematico per adulti.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Tinto Brass
La Passione secondo Tinto: Cielo festeggia gli 84 anni di Tinto Brass con un ciclo dedicato. Ecco i film in programma


Natale per 4
GUERRA DEL PANETTONE TRA CIELO E REAL TIME


Natale con Iginio Massari
I PIU’ GRANDI PASTICCERI DI RAI2 SBARCANO SU SKYUNO E CIELO. AL VIA NATALE CON IGINIO MASSARI


Paola Marella (2)
QUATTRO CASE: PAOLA MARELLA DEBUTTA IN PRIMA SERATA SU CIELO

3 Commenti dei lettori »

1. Seba7650 ha scritto:

25 aprile 2015 alle 13:41

Meglio le luci rosse palesi di Cielo che la p0rnografia delle reti Mediaset (vedi Studio Aperto, le trasmissioni di VideoNews & co)



2. nicola83 ha scritto:

25 aprile 2015 alle 15:13

Non ci vedo nulla di male. Il sesso fa ascolti, e Cielo ne ha bisogno.



3. fabio ha scritto:

26 aprile 2015 alle 14:02

“Cielo duro”



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.