12
marzo

GRAFFITI, 1 – 8 MARZO: MUORE MARCELLA DE PALMA, TUTTE PAZZE PER GRECIA COLMENARES, AL VIA TE LO DO IO IL BRASILE E RE PER UNA NOTTE

Marcella De Palma - Chi l'ha Visto?

Il viaggio nel passato del piccolo schermo prosegue anche questa settimana. Tra i fatti che caratterizzarono la tv tra il 1° e l’8 marzo, abbiamo voluto ricordare il debutto di Te lo do io il Brasile, con Beppe Grillo nel 1984, la partenza dello show Re per una Notte, con Gigi Sabani nel 1995, e l’arrivo di Giancarlo Magalli in Piazza Italia. Ma tra i Graffiti di questa settimana c’è spazio anche per le fans in delirio di Grecia Colmenares in visita in Italia, per lo sceneggiato Pronto Soccorso con Ferruccio Amendola, per la serie tv College, e per Marcella De Palma, giornalista Rai, scomparsa l’8 marzo del 2000.

1° marzo 1984: Te lo do io il Brasile con Beppe Grillo

A distanza di tre anni dal successo di Te la do io l’America (oltre 16 milioni di spettatori), giovedì 1° marzo 1984 debutta in prima serata sulla Rete1 (ora Rai1) Te lo do io il Brasile. Il programma, ideato e condotto da Beppe Grillo, vede il comico ligure impegnato tra monologhi e filmati legati agli aspetti più curiosi e insoliti del Brasile. Autori della trasmissione, oltre a Grillo, sono Antonio Ricci e Enzo Trapani. Quest’ultimo cura anche la regia. L’orchestra è diretta dal maestro Tony De Vita, mentre le coreografie sono di Franco Miseria. Nel corpo di ballo esordisce una giovanissima ed ancora sconosciuta Lorella Cuccarini. Alle 6 puntate prende parte inoltre la cantante e musicista Rita Lee.

2 marzo 1989: Tutti pazzi per Maria

Scene di delirio in pieno centro a Milano. Grecia Colmenares, la giovanissima attrice protagonista della telenovela argentina Maria, è arrivata in Italia per salutare il pubblico che la segue con devozione tutti giorni alle 14,30 su Odeon Tv (share stellare del 12%).

Da La Repubblica del 2 marzo 1989

Una folla in delirio si accalca disordinatamente sul marciapiede e invade la strada. Spingono, gridano, invocano Maria. Qualche mamma alza il figlioletto sopra la testa. I vigili cercano inutilmente di invitare alla calma, stanno già arrivando i carabinieri. Nella ressa qualcuno ci rimette la giacca, una ragazza si sente male, i bambini piagnucolano spaventati. Non è un raduno religioso, non siamo nel terzo mondo e non è apparsa la Madonna. Siamo nella civilissima Milano, finestra sull’ Europa, capitale morale. La gente che si agita e calpesta il prossimo per guadagnare qualche centimetro è assiepata nella centrale via San Marco, davanti a un portoncino dove mezz’ ora prima si è infilata, sfuggendo al travolgente entusiasmo dei suoi fans, una ragazza esile con i capelli lunghissimi e biondi e un viso, questo sì, da madonnina. La Maria implorata dai fedeli è la protagonista dell’omonima telenovela trasmessa in orario pomeridiano da Odeon tv. Dentro, la situazione è anche peggiore. L’ Agorà, il locale notturno affittato per l’incontro dell’attrice (il cui nome è Grecia Colmenares) con la stampa, è preso d’ assalto da un manipolo esagitato di donne pronte a tutto pur di strappare un’ autografo alla loro beniamina, toccarle i capelli, vederla da vicino. Il posto è troppo piccolo e troppo pieno di oggetti fragili. I bicchieri vanno in pezzi, i vetri rischiano di fare la stessa fine, dopo un po’ il pavimento è coperto di schegge e di fiori calpestati. Per arrivare al sancta sanctorum dove è rifugiata Maria, i giornalisti devono entrare da un locale attiguo, calarsi per una botola e percorrere i sotterranei. Roba da Dolce Vita. Eppure Grecia Colmenares non è la Loren, il suo visetto acqua e sapone è apparso da pochissimo tempo sui teleschermi italiani, e prima nessuno ne sapeva nulla (anche adesso, per la verità). Ma è già una star per il pubblico, prevalentemente femminile, che da due mesi segue ogni pomeriggio le sue intricate vicende. I centralini di Odeon sono tempestati di telefonate, di giorno e di notte: c’ è chi chiede di Maria, chi le manda i saluti, chi vuole darle un consiglio su come comportarsi. E così, quando l’ annuncio del suo arrivo a Milano è comparso in sovrimpressione sullo schermo ed è stato diffuso da alcune radio locali, la gente ha rincarato la dose. Molti chiedevano se c’ erano pullman o treni speciali, qualcuno s’ informava sul prezzo del biglietto. A incontrare Maria sono corse circa duecento persone. Chissà che cosa succederà a Napoli, dove stasera Maria ripeterà l’apparizione? Cinquemila posti a pagamento sono andati a ruba in pochi minuti. Per venerdì sera è prevista una tappa a Roma.

3 marzo 1985: Supersera su Rai2

Alla domenica in prima serata su Rai2 si ride e si scherza con SuperSera, varietà a firma di Dino Verde e Romolo Siena. Padrona di casa è l’attrice Alida Chelli. Al suo fianco Enzo Garinei, Elisabetta Virgili, Pietro De Vico, Gigi Reder, Bruno Martino, Vittorio Marsiglia. Nel cast anche Giorgio Ariani ed Enzo Garinei nei panni di Stanlio e Ollio. I due sono anche interpreti di Canarini di Rovo, parodia del celebre sceneggiato Uccelli di Rovo. La trasmissione, partita il 17 febbraio, va avanti per un totale di 9 appuntamenti. Tutte le puntate vennero registrate con largo anticipo nell’autunno del 1984 presso gli studi della Dear.

4 marzo 1990: al via lo sceneggiato Pronto Soccorso

Domenica 4 marzo 1990 alle 20.30 su Rai1 prende il via Pronto Soccorso, lo sceneggiato diretto da Francesco Massaro, e scritto da Ennio De Concini, che racconta le avventure quotidiane del dottor Aiace, il medico umano e disponibile del pronto soccorso di un grande ospedale romano, interpretato da Ferruccio Amendola. Nel cast anche Barbara De Rossi (Giovanna, la ragazza madre), Claudio Amendola (l’infermiere Augusto), Maria Fiore (la caposala) e Alberto Gimignani (il giovane assistente del dottor Aiace). Nelle sue 4 puntate, Pronto Soccorso racconta le storie all’interno dell’ospedale ma anche la vita privata dei suoi protagonisti: dagli amori alle delusioni, alle gelosie professionali. Il primo appuntamento conquista più di 8 milioni di spettatori. Nel 1992 verrà realizzata una seconda serie.

4 marzo 1991: Magalli si fa I Fatti Vostri

Lunedì 4 marzo 1991 Giancarlo Magalli subentra a Fabrizio Frizzi nella conduzione del fortunato programma del mezzogiorno di Rai2 I Fatti Vostri. Frizzi lascia momentaneamente la trasmissione per potersi dedicare al nuovo varietà di Rai1 Scommettiamo Che…?, in onda al sabato sera dal 6 aprile.

Da L’Unità del 4 marzo 1991

“Darò più spazio ai casi buffi, cercando sempre temi d’attualità” (G.Magalli)

5 marzo 1993: Castagna lascia la Rai

Venerdì 5 marzo 1993 Alberto Castagna saluta la Rai. Il giornalista e conduttore lascia la guida de I Fatti Vostri (a cui subentra da lunedì 8 marzo Frizzi), per passare con un contratto miliardario alle reti Fininvest. Un mese dopo Castagna ufficializza il passaggio alla tv commerciale. Il debutto sulle reti di Silvio Berlusconi avviene la sera di domenica 27 giugno, come ospite della prima puntata dello show Bellezze al bagno, in onda su Rete4.

Da La Repubblica del 4 maggio 1993

Castagna passa a Canale 5. Il conduttore di I fatti vostri, ex giornalista del Tg2, ha firmato ieri il contratto con la Fininvest dopo una trattativa che durava da alcune settimane. Il suo debutto è previsto per il prossimo autunno. Con ogni probabilità, gli verrà affidato un talk show quotidiano, in onda su Canale 5 a mezzogiorno. Dopo aver sostituito Fabrizio Frizzi a I fatti vostri – con grande successo d’ ascolto – Castagna non aveva nascosto che gli sarebbe piaciuto continuare a fare l’ intrattenitore e non solo il giornalista. In un primo momento, sembrava che avrebbe dovuto essere protagonista su Italia Uno. Non è stato reso noto il compenso che percepirà alla Fininvest: nelle settimane scorse, era circolata la voce che Berlusconi gli avesse offerto due miliardi. “Una cifra”, aveva commentato pochi giorni fa Giampaolo Sodano, direttore di RaiDue, la rete per la quale Castagna ha lavorato ultimamente, “che lusingherebbe chiunque. A mio giudizio, Castagna dovrebbe approfittare di questo momento d’oro della sua carriera professionale”. Una settimana fa, Castagna aveva perfezionato le sue dimissioni dal Tg2. “Si tratta di un accordo importante che consentirà di rafforzare ulteriormente la squadra Fininvest”, dice Giorgio Gori, direttore di Canale 5. “Sono sicuro che con noi Castagna si troverà bene e potrà felicemente proseguire un percorso professionale che già gli ha portato la simpatia del grande pubblico. A lui va il benvenuto dell’ azienda e degli artisti che con Canale 5 già collaborano.

6 marzo 1990: College su Italia1

Martedì 6 marzo 1990 alle 20,30 su Italia1 debutta College, serie televisiva in 14 episodi, diretta da Lorenzo Castellano e Federico Moccia, figli di Castellano e Pipolo, registi dell’omonimo film del 1984, al quale la serie si ispira. Protagonisti del telefilm sono l’ex Miss Italia Federica Moro, già interprete del film, e Keith Van Hoven. Tra gli altri attori presenti nel cast: George Hilton, nel ruolo del comandante dell’Accademia, e direttamente da I Ragazzi della 3^ C, Fabio Ferrari e Fabrizio Bracconeri, nei panni dei due cadetti. Il telefilm, prodotto da ReteItalia, è incentrato sulle vicende di un collegio femminile, situato nei pressi di un’Accademia navale nel cuore della Toscana. Tra cadetti e collegiali sboccia un interesse reciproco, che porta a romantici incontri e puntuali scontri.

7 marzo 1995: al via Re per una Notte

Collaudato con un riscontro positivo il 14 dicembre 1994, martedì 7 marzo alle 20.45, su Italia1 prende il via Re per una Notte, una gara tra dilettanti-fan di cantanti famosi che si sfidano imitando ciascuno i propri miti, venendo spesso incoraggiati dagli stessi personaggi famosi. Il vincitore viene scelto dal giudizio combinato di una giuria tecnica e dal televoto. Padrone di casa è Gigi Sabani, affiancato da Katia Noventa, Alberto Tovaglia e Marco Milano. Quest’ultimo nei panni del suo personaggio Mandi Mandi.

8 marzo 2000: muore Marcella De Palma

L’8 marzo 2000, muore a soli 43 anni la giornalista Rai Marcella De Palma, nota al pubblico televisivo per le sue inchieste a Mixer, e per la conduzione della trasmissione Chi l’ha Visto?.

Da Il Corriere della Sera del 9 marzo 2000

A dicembre aveva scoperto un tumore ai polmoni. Zaccaria e Celli: “Uno stile fatto di sobrietà” Addio De Palma, volto di “Chi l’ha visto?” E’ morta a 43 anni la giornalista che da due anni guidava la popolare rubrica di Raitre La conduttrice di “Chi l’ ha visto?” Marcella De Palma e’ morta ieri in un ospedale romano. Aveva 43 anni e soffriva di un tumore ai polmoni scoperto in dicembre. Quando il male le impedì di lavorare, la trasmissione rimase senza conduttore, “gestita” dalla redazione. Pugliese di origine, una figlia, era cresciuta alla “scuola” di Minoli a “Mixer” e dal ‘ 97 era passata alla notorietà conducendo la decima edizione di “Chi l’ ha visto?” su Raitre, al posto di Giovanna Milella. Aveva vinto premi (Telegatto nel ‘98 per la tivù utile) e aveva fatto l’ inviato di guerra. Era in Bosnia quando saltò il ponte di Mostar e restarono uccisi gli inviati Rai, in Somalia durante la sanguinosa guerra civile, in Cecenia durante il primo anno di guerra con la Russia, sulle pericolose vie della droga dall’ Iran alla Bolivia, dalla Malesia al Sudafrica. “Il suo giornalismo – ricorda Giovanni Minoli, che la considerava la migliore della sua squadra – era fatto di voglia di verita’, sensibilità , cuore. A lei mancava quel cinismo, che inevitabilmente coglie i giornalisti che ne hanno viste tante e non si stupiscono piu’ di niente”. Per il presidente della Rai, Zaccaria, e il direttore generale Celli, Marcella De Palma era “una delle grandi firme della Rai, col suo stile fatto di attenzione ai particolari e di sobrietà”. Anche il direttore di Raitre, Pinto, ricorda che “per lei il lavoro non finiva mai, non si spegneva con le luci della trasmissione perche’ sentiva il bisogno di continuare a raccontare le storie umane della nostra società”.

Ascolti tv Story – La top ten dei programmi più visti dal 2 all’8 marzo 1995

1 – La Piovra 7 – Fiction (seconda puntata) – Rai1 – 10.647.000 spettatori

2 – La Piovra 7 – Fiction (prima puntata) – Rai1 – 10.096.000 spettatori

3 – Lazio – Juventus – Calcio – Rai1 – 9.982.000 spettatori

4 – Il Fatto di Enzo Biagi – Informazioni – Rai1 – 9.201.000 spettatori

5 – Papaveri e Papere – Varietà – Rai1 – 8.723.000 spettatori

6 – La Stangata – Chi la fa l’aspetti – Varietà – Canale5 – 7.762.000 spettatori

7 – Striscia la Notizia – Tg Satirico – Canale5 – 7.657.000 spettatori

8 – Numero Uno – Varietà – Rai1 – 7.424.000 spettatori

9 – Mamma ho perso l’aereo – Film - Canale5 – 7.094.000 spettatori

10 – Novantesimo Minuto – Rubrica sportiva – Rai1 – 7.007.000 spettatori

Avete quesiti e curiosità legate alla tv del passato? Suggerimenti per la nostra rubrica Graffiti? Scriveteci a redazioneATdavidemaggio.it

Fonti: Archivio La Repubblica, Archivio Il Corriere della Sera, Archivio L’Unità, Archivio La Stampa, Teche Rai, Tv Radio Corriere, Tv Sorrisi e Canzoni.



Articoli che potrebbero interessarti


Adriana Volpe e Giancarlo Magalli, fatti vostri
I Fatti Vostri, Adriana Volpe: «Mi sono sentita verbalmente violentata». Ma Magalli incalza


FLAVIO INSINNA 2
Pagelle TV della Settimana (22-28/05/2017). Promosso Andreas Muller. Bocciati Fabiano e Insinna


Adriana Volpe, Giancarlo Magalli e Marcello Cirillo
I Fatti Vostri, Magalli pizzica i colleghi ‘epurati’: «Cirillo vive un momento di nervosismo». E su Adriana Volpe: «Basta che migri»


Adriana Volpe - Giancarlo Magalli - Marcello Cirillo
I Fatti Vostri: Marcello Cirillo e Adriana Volpe fuori dal cast tra le polemiche (con Magalli)

2 Commenti dei lettori »

1. Francesco Amico ha scritto:

13 marzo 2015 alle 02:19

Qui il mio cuore ci batte da una vita.. questa rubrica la seguo con piacere e questa cosa la devo fare, sennò starei male.. :-)

Lunedì 1 marzo 1993: in un’ottica di rinnovo dei palinsesti del canale, con l’obiettivo di arrivare al 13,5% di share sul totale giornaliero, lunedì 1 marzo 1993 parte il nuovo daytime di Retequattro: la prima della novità vede il ritorno di “Il pranzo è servito”, lo storico quiz del mezzogiorno ideato e condotto da Corrado che, dopo aver presidiato il preserale di Retequattro con il titolo “La Cena è servita”, fu spostato in quello che oggi si chiama “access prime time” ove raccolse appena il 4% di share. Nell’annunciare il ritorno dello storico quiz nell’ora di pranzo, in quella che sarebbe poi stata l’ultima edizione, i giornali lanciarono la notizia di un ritorno di Corrado alla conduzione (fu lo stesso Corrado a chiedere ed ottenere il ritorno all’ora di pranzo) ad affiancare il conduttore Davide Mengacci, ipotesi questa poi smentita dallo stesso Corrado, dicendo che era impegnato nella realizzazione della “Corrida”.
Il programma al ritorno si presentò abbastanza simile nelle scene e nelle ambientazioni alla precedente esperienza in preserale, salvo le opportune modifiche visto il ritorno al mezzogiorno, e la divisione in 2 parti: la prima dalle 12.40 alle 13.30 e la seconda alle 13.45 dopo il Tg4. La puntata fu seguita da 1.569.000 spettatori, con uno share del 9,49%; successivamente lo share si assestò su una percentuale tra il 6 e il 7%. Per questo motivo a partire dal 5 aprile 1993 il quiz venne anticipato alle 11.35, aumentando il suo ascolto (arrivando fino al 19% di share) e chiudendo sabato 26 giugno 1993.



2. erodiochannel ha scritto:

14 marzo 2015 alle 18:30

Il pranzo chiuso al 19%… ancora non ci credo!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.