17
febbraio

LE LEGGI DEL DESIDERIO: LA CONVULSA RICERCA DI UNA FELICITA’ INGANNEVOLE NEL NUOVO FILM DI SILVIO MUCCINO

Le Leggi del Desiderio (locandina)

Matilde, Ernesto e Luciana hanno inseguito per tutta la vita un desiderio, ma il beffardo destino ha ostacolato la folle corsa, fino all’incontro con il funambolico Giovanni Canton. Uno spregiudicato life coach, tre “figli della crisi” confusi e insoddisfatti delle loro vite, e l’inafferrabile desiderio di raggiungere i propri obiettivi, sono gli ingredienti de “Le leggi del desiderio”, terza pellicola diretta da Silvio Muccino e scritta a quattro mani con la sceneggiatrice Carla Vangelista, in uscita nelle sale dal 26 febbraio.

Le leggi del desiderio: la trama

Le leggi del desiderio” – una produzione Medusa Film realizzata da Marco Belardi per Lotus Production – è una commedia che vede come protagonista Giovanni Canton (Silvio Muccino), un carismatico trainer motivazionale intento a divulgare delle tecniche utili al raggiungimento di ciò che desideriamo, sia esso il piacere, il lusso, il potere, il successo o l’amore. Considerato dai suoi tanti fan una sorta di profeta – e da molti altri un cialtrone che si approfitta delle debolezze altrui – Canton decide di dimostrare la veridicità delle sue teorie organizzando un concorso per la selezione di tre persone, che verranno da lui portate in sei mesi al raggiungimento dei loro più sfrenati desideri. I fortunati prescelti sono Matilde, Ernesto e Luciana, e ognuno di loro incarna un desiderio mai realizzato. Matilde (Nicole Grimaudo) è un’eterna sognatrice, e il suo desiderio è realizzarsi in amore; timida, goffa e ipersensibile, è sempre a disposizione di tutti, ma soprattutto è alla mercé del suo amato Paolo (Luca Ward), un uomo sposato che non sarà mai suo. Ernesto (Maurizio Mattioli) è un sessantenne disoccupato alla disperata ricerca dell’affermazione professionale, mentre Luciana (Carla Signoris) è una moglie e madre devota, donna apparentemente perfetta nonché segretaria al Vaticano, che cova il desiderio inconfessabile di diventare famosa grazie ai romanzi hard che scrive. l’intenso rapporto che si stabilirà fra il life coach e il terzetto prescelto, produrrà effetti inaspettati nella vita di tutti loro, soprattutto in quella di Canton.

Il film, utilizzando spesso toni paradossali, racconta a suo modo l’Italia di oggi, e lo fa attraverso la controversa figura del “motivatore professionale”, che in un mondo in cui nessuno sa più come arrivare a fine mese o come realizzare i propri sogni, si propone come una sorta di messia che custodisce il segreto della felicità. Una felicità che – secondo le parole di Muccino – è irreale, poiché frutto di un modello imposto dal “sistema” in cui, paradossalmente, risiede proprio il motivo della nostra infelicità: il doversi adeguare agli standard di successo personale e professionale imposti dalla società, non fa altro che allontanarci da ciò che siamo davvero e che vogliamo veramente.

“Le leggi del desiderio” è una commedia romantica, dove il cuore e le emozioni vere alla fine soppiantano le pirotecniche acrobazie del personaggio di Giovanni Canton, interpretato dall’attore/regista Silvio Muccino che, per meglio veicolare la vivacità e il dinamismo gestuale dei life coach, ha preso lezioni di danza dal famoso coreografo Steve Lachance.

Accompagnato da una colonna sonora composta da brani jazz degli anni‘50-60 scelta in collaborazione con Peter Cincotti, “Le leggi del desiderio” vi aspetta sul grande schermo da giovedì 26 febbraio.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


American Sniper
Eroi senza tempo: Canale 5 punta sul cinema per difendersi da Montalbano


Lino Banfi, Enrico Tamburini
C’era una volta in Puglia: su Iris le più celebri pellicole di Lino Banfi introdotte e commentate dall’attore pugliese


sex and the city
SEX AND THE CITY: IL TERZO FILM È DAVVERO IN ARRIVO?


Braccialetti Rossi - Foto di Duccio Giordano
BRACCIALETTI ROSSI DIVENTERA’ UN FILM?

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.