28
gennaio

GRAFFITI, 22 – 28 GENNAIO: AL VIA IL FATTO DI ENZO BIAGI, VIANELLO E MONDAINI LASCIANO LA RAI, IL DEBUTTO AL TG5 DI LAMBERTO SPOSINI

Il Fatto di Enzo Biagi

Nuovo appuntamento con Graffiti. Il nostro spazio dedicato alla tv del passato ci porta questa settimana a parlare della sfortunata riedizione di Lascia o Raddoppia?, andata in onda nel preserale di Rai1 nel 1990, e del debutto italiano di Hunter, fortunatissima serie statunitense che per anni portò ottimi ascolti a Rai2. Tra i “graffiti” finiscono anche Enzo Biagi con Il Fatto, Vianello e Mondaini nel loro ultimo show targato Rai, le 500 puntate del quiz di Canale5 Tuttinfamiglia, il debutto al Tg5 di Lamberto Sposini e Cesara Buonamici, e un ricordo del grande Mario Riva.

22 Gennaio 1990: torna Lascia o Raddoppia?

Lunedì 22 gennaio 1990 debutta in versione quotidiana, dal lunedì al venerdì alle 18,40, Lascia o Raddoppia?. Si tratta della quarta versione dello storico quiz tenuto a battesimo da Mike Bongiorno, dopo le prime edizioni trasmesse dal 1955 al 1959, l’edizione del 1979, condotta dallo stesso Mike, e quella del 1989 affidata al trio Bruno Gambarotta, Lando Buzzanca e Johara. La nuova edizione vede come padrone di casa ancora una volta Gambarotta, affiancato questa volta da Giancarlo Magalli. Quest’ultimo in realtà conduce all’interno della trasmissione un quiz musicale con orchestra in studio, del tutto indipendente dal resto del gioco. Al fianco dei due conduttori si alternano a turno 14 ragazze finaliste dell’edizione 1989 di Miss Italia. In onda dagli studi Rai di Torino, il programma mette in palio ogni giorno un montepremi di 100 milioni di lire. Complice l’agguerrita concorrenza della serie tv di Rai2, de Il Gioco dei 9 di Canale5, e di C’eravamo tanto amati su Rete4, il programma non ottiene grossi consensi di pubblico, e viene chiuso definitivamente il 27 aprile 1990. Dal lunedì successivo lo spazio in palinsesto viene occupato da un doppio appuntamento con la soap Santa Barbara.

23 Gennaio 1989: Hunter debutta su Rai2

Novità nel preserale di Rai2, dal lunedì 23 gennaio 1989 le avventure del Commissario Koster lasciano lo spazio a Hunter, serie statunitense in onda sulla NBC dal 1984. Della serie con protagonista Fred Dryer e Stepfanie Kramer la Rai ha acquistato le prime 4 stagioni per un totale di 87 episodi: il primo è costituito dal pilot della serie e, vista la durata di 100 minuti, viene trasmesso eccezionalmente a partire dalle 17,50. L’appuntamento con gli altri episodi è invece alle 18,45. La serie ottiene un ottimo consenso di pubblico diventando negli anni un appuntamento fisso di Rai2, che non solo acquisterà anche le successive stagioni ma replicherà più volte tutti gli episodi.

23 Gennaio 1995: debutta su Rai1 Il Fatto di Enzo Biagi

Lunedì 23 gennaio 1995 su Rai1, alle 20.33, debutta Il Fatto, nuovo programma curato da Enzo Biagi. Si tratta di cinque minuti d’approfondimento nei quali il celebre giornalista utilizza il linguaggio dell’inchiesta, dell’intervista o del commento. Il quesito della prima puntata è Dove ha sbagliato Berlusconi?. Ospiti: Giorgio Bocca, Vittorio Feltri, Indro Montanelli. Il primo appuntamento porta a casa un ascolto di 7.953.000 spettatori, pari a uno share del 28,51%. La trasmissione va in onda per 7 anni, sino al mese di maggio 2002, quando il famoso “editto bulgaro” di Silvio Berlusconi porta non solo alla chiusura della trasmissione, ma anche all’allontanamento dalla Rai dello stesso Biagi.

24 Gennaio 1981: con Stasera niente di nuovo Vianello e Mondaini salutano la Rai

Sabato 24 gennaio 1981 va in onda in prima serata sulla Rete1 Stasera niente di nuovo, l’ultimo varietà televisivo realizzato per la Rai da Raimondo Vianello e Sandra Mondaini, che dalla stagione successiva passeranno alla Fininvest, diventando i volti di punta di Canale5. La trasmissione, in onda per un totale di 8 appuntamenti, vede nel cast anche Gianni Agus e la lanciatissima Heather Parisi. Quest’ultima è protagonista di numerosi sketch nei quali s’ironizza sulla presunta rivalità e differenza generazionale con la Mondaini. La Parisi, inoltre, canta e balla la sigla iniziale Ti Rockerò, che raggiunge nel giro di poche settimane i primi posti delle classifiche di vendita. La sigla finale, dal titolo Si chiama Zorro, è invece cantata dalla Mondaini (con la voce di Sbirulino), e ottiene ottimi consensi tra il pubblico dei più piccoli.

25 Gennaio 1986: Ti ricordi al Grand Hotel?

Sabato 25 gennaio 1986 in prima serata su Canale5 va in onda il primo di 3 appuntamenti con Ti ricordi al Grand Hotel?, un programma creato appositamente per rivedere gli sketch più divertenti dello show Grand Hotel, andato in onda sulla stessa rete sino al sabato precedente. In questo caso Gigi e Andrea, i truffaldini gestori dell’hotel, si ritrovano, proprio a causa della loro poco limpida condotta, in carcere, e da dietro le sbarre ricordano i bei momenti passati. Grand Hotel vedeva nel cast,  oltre ai due gestori, anche Anna Mazzamauro nei panni della centralinista, Franco Franchi e Ciccio Ingrassia in quelli degli addetti alla reception, ed ancora Paolo Villaggio, Carmen Russo, Massimo Ciavarro, Gegia, Mauro Di Francesco e Cristina Moffa. In ogni puntata, al cast fisso si aggiungevano gli interventi di numerosi ospiti come Alain Delon e i protagonisti del telefilm I Jefferson. La scenografia era a firma di Maurizio Catalano, le musiche del maestro Augusto Martelli, mentre le coreografie erano di Enzo Paolo Turchi. La sigla di testa La vita è un Grand Hotel veniva cantata da tutto il cast, mentre quella di coda, intitolata Si, aveva come unica protagonista Carmen Russo. La trasmissione, pur perdendo regolarmente il confronto con il seguitissimo Fantastico a firma di Pippo Baudo, riuscì nell’autunno del 1985 a portare a casa medie di circa 9 milioni di spettatori. Dopo appena un mese di pausa, nella primavera del 1986, venne realizzata una seconda edizione con un cast quasi integralmente rinnovato.

26 Gennaio 1913: nasce Mario Riva

Il 26 gennaio 1913 nasce a Roma, Mariuccio Bonavolontà in arte Mario Riva, uno dei pionieri della tv italiana. Riva inizia la sua carriera come attore al cinema e in diverse opere per la radio, ma la grande popolarità arriva nel 1957, quando insieme a Garinei e Giovannini idea e conduce per la tv il quiz Il Musichiere. La trasmissione in onda sino al 1960, per un totale di circa 90 puntate, ottiene un enorme successo, e tiene incollati ogni settimana circa 19 milioni di persone. Il 21 agosto 1960, all’apice del successo, durante la registrazione della serata finale del Festival del Musichiere, in onda dall’Arena di Verona, Riva cade rovinosamente dietro le quinte del palco, da un’altezza di oltre tre metri, riportando numerose e importanti fratture. Alcune complicazioni cardiache e polmonari lo portano pochi giorni dopo (il 1° settembre) alla morte, a soli 47 anni. Si narra che ai suoi funerali a Roma parteciparono oltre 250.000 persone.

Mario Riva dopo l'incidente

27 Gennaio 1992: Sposini e Buonamici debuttano alla conduzione del Tg5

Lunedì 27 gennaio 1992 cambio della guardia al neonato Tg5. Dopo due settimane il direttore Enrico Mentana lascia la conduzione dell’edizione delle 20,00 a Lamberto Sposini. L’edizione delle 13,00 passa invece a Cesara Buonamici, che sostituisce Cristina Parodi, a sua volta approdata alla conduzione dell’edizione della notte. Nei primi dieci giorni di vita l’ascolto del Tg5 è stato di 5.391.000 spettatori (21,47% di share) per l’edizione delle 20.00, di 2.575.000 spettatori (15,74% di share) per l’edizione delle 13.00, e di 1.547.000 spettatori (25,07% di share) per l’edizione delle 24.00, quest’ultima particolarmente avvantaggiata dal forte traino del Maurizio Costanzo Show.

28 Gennaio 1987: 500 puntate per Tuttinfamiglia

Mercoledì 28 gennaio 1987 Claudio Lippi festeggia le 500 puntate di Tuttinfamiglia. Il quiz di Canale5, va in onda dal 1984 alle 11.10 del mattino, prima di Bis con Mike Bongiorno, e Il Pranzo è servito con Corrado. Tratto dal format americano Family Feud, e curato da Fatma Ruffini, il quiz vede in ogni puntata due famiglie sfidarsi in diversi giochi prevalentemente legati a sondaggi e cultura generale. Dall’autunno dello stesso anno, dopo il passaggio in Rai di Lippi, il programma viene affidato a Lino Toffolo, che lo conduce per le ultime due stagioni sino al 1989.

Auditel Story – La top ten dei programmi più visti dal 19 al 25 gennaio 1995

1 – Champagne – Varietà – Canale5 – 9.820.000 spettatori

2 – Paperissima – Varietà – Canale5- 8.954.000 spettatori

3 – Le avventure di un uomo invisibile – Film – Rai1 – 8.256.000 spettatori

4 – Il Fatto – Informazione – Rai1 – 7.953.000 spettatori

5 – 90° minuto – Sport – Rai1 – 7.499.000 spettatori

6 – Striscia la notizia – Tg satirico – Canale5 – 7.124.000 spettatori

7 – Numero Uno – Varietà – Rai1 – 6.820.000 spettatori

8 – Il Prezzo della Vita – Film Tv – Rai2 – 6.687.000 spettatori

9 – Complotto di Famiglia (speciale in prime time) – Varietà - Canale5 – 6.493.000 spettatori

10 – Domenica In – Varietà – Rai1 – 6.445.000 spettatori

La copertina della settimana

Pippo Baudo e Barbara D'Urso - Tv Sorrisi e Canzoni

Avete quesiti e curiosità legate alla tv del passato? Suggerimenti per la nostra rubrica Graffiti? Scriveteci a redazioneATdavidemaggio.it

Fonti: Archivio La Repubblica, Archivio Il Corriere della Sera, Archivio L’Unità, Archivio La Stampa, Teche Rai, Tv Radio Corriere, Tv Sorrisi e Canzoni.



Articoli che potrebbero interessarti


Tg5
Disastro al Tg5: salta l’edizione delle 13.00. Beautiful parte prima


Tg5 - Clemente Mimun
TG5: Mediaset ha stoppato il progetto di trasferimento a Milano?


Papa Francesco
Papa Francesco, appello per i dipendenti Mediaset di Roma: «Auspico soluzione, non c’è solo il profitto» – Video


Tg5
Tg5: tre giorni di sciopero contro il possibile trasferimento a Milano

1 Commento dei lettori »

1. aleimpe ha scritto:

28 gennaio 2015 alle 16:55

Tra le 14 ragazze finaliste dell’edizione 1989 di Miss Italia c’erano Jacqueline Montanari (una igenista alla Nicole Minetti di quei tempi) che poi ha fatto la valletta in tv nei primi anni ‘90 e Daniele Formica poi attrice di fotoromanzi….



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.