15
gennaio

FESTIVAL DI SANREMO 2015: FINALMENTE UNA KERMESSE SENZA POLITICA?

Festival di Sanremo, Arisa, Conti, Marrone

Qualcuno lo ha già ribattezzato il Festival pop, la kermesse che romperà con il (recente) passato. E, a giudicare dalle premesse, le previsioni potrebbero avverarsi: quello presentato da Carlo Conti dal 10 al 14 febbraio prossimo sarà infatti un Sanremo all’insegna della musica e dell’intrattenimento. Uno show popolare. Non è certo un caso che i Big in gara siano passati da sedici a venti e che le giovani proposte siano state promosse in prime time, nella fascia tradizionalmente destinata all’anteprima. Una piccola rivoluzione dunque c’è già stata e, se tutto va bene, quest’anno all’Ariston potremmo anche vedere Al Bano e Romina di nuovo insieme.

Festival di Sanremo 2015: politica e polemiche all’Ariston

Sull’onda dei suoi recenti successi televisivi, sembra proprio che Conti abbia pensato ad un Festival dal carattere popolare, scanzonato, aggregativo. In questo senso, la grande assente nella 65esima edizione della kermesse potrebbe essere proprio la politica, che nelle passate rassegne si era volontariamente insinuata all’Ariston. Con la scusa della Bellezza, ad esempio, l’anno scorso Fabio Fazio aveva messo in piedi una kermesse culturalmente orientata, i cui ospiti sembravano usciti direttamente dal salottino buono di Che tempo che fa. E non dimentichiamo la tanto discussa protesta operaia in diretta o il fragoroso blitz di Beppe Grillo, apparso nella Città dei Fiori con il solo obiettivo di fare rumore. Anche nei Festival curati dal buon Gianni Morandi, però, non era mancata la politica: ricordate il polverone sollevato dall’ospite Adriano Celentano?

Con l’arrivo di Carlo Conti all’Ariston, la musica potrebbe cambiare. Del resto, il conduttore fiorentino ha sempre evitato i riferimenti politici nei suoi spettacoli e non si vede perché dovrebbe fare diversamente proprio ora, nella tanto attesa occasione d’oro della sua carriera. Dunque, spazio alla musica e via libera a quel tono nazional-popolare che forse gli snob vorrebbero togliere al Festival. Gli italiani gradirebbero assai una scelta di questo tipo: di certi temi sono già pieni i talk show, ormai spalmati a tutte le ore nei palinsesti televisivi.

Attenzione però, perché qualche colpo di scena potrebbe comunque esserci: accanto al conduttore, infatti, quest’anno vedremo anche personaggi potenzialmente esplosivi in materia di polemiche. A cominciare dalle ‘vallette’ Arisa ed Emma Marrone, che certo non le mandano a dire, e senza dimenticare la presenza tra i big in gara dei comici Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio, che già portarono scompiglio al Festival 2012 targato Morandi.

Poi ci sarà anche Platinette, per sua natura incline alla provocazione, e alla lista degli ospiti – ancora in gran parte da comporre – potrebbe aggiungersi qualche nome in grado di catalizzare l’attenzione sull’attualità. Del resto, ad ogni Sanremo che si rispetti non può mancare qualche voce fuori dal coro.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


C'è posta per te
2015 IN TV, UN ANNO DI SUCCESSI (PRIMA PARTE)


Marco Liorni, Paola Perego, Salvo Sottile (da Instagram)
PALINSESTI RAI AUTUNNO 2015. RAI 1 PEREGOCENTRICA: PAOLA A DOMENICA IN (CON SOTTILE), NE IL DONO (CON LIORNI) E IN COSI’ LONTANI COSI’ VICINI (CON ALBANO)


Carlo Conti
CARLO CONTI A DM: PER SANREMO AVEVO BUDGET ULTERIORE MA NON ERA NECESSARIO SPENDERLO. ORA TORNO A CASA CON L’EREDITA’ E POI… SI PUO’ FARE!


Arisa - Le Invasioni Barbariche
ARISA: “SANREMO UNA PARENTESI. IL REGGISENO? PENSAVO BASTASSERO I COPRICAPEZZOLI”. E ANNUNCIA UN IMPORTANTE PROGETTO CON DISNEY

16 Commenti dei lettori »

1. Marco89 ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 12:27

Concordo con l’articolo. Sanremo deve essere musica, gara e spensieratezza. Lasciamo perdere le polemiche politiche, nessuno le auspica ne le attende. Conti e’ la persona giusta ed ha formato il cast giusto con due vallette note e mediatiche. Emma la guarderanno tutti, per lodarla o criticarla. Gia’ si aspettano i vestiti. Sanremo torna ad essere Sanremo. Lasciamo pure che gli snob rosichino.



2. Matteo G. ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 12:42

Pienamente d’accordo con l’articolo. Via la spocchia e la politica da San Remo. San Remo senza polemiche non è San Remo, per questo apprezzo le scelte di rottura come Platinette e i Soliti Idioti. Se la polemica ci sarà, almeno sarà su temi decisamente diversi è più “importanti” della politica.



3. iki ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 12:49

A me sulla carta non piace proprio questo Sanremo anche se riconosco che ha il potenziale per aver successo.
La scelta poi di Emma e Arisa proprio zero.
Spero di ricredermi



4. Matteo G. ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 13:04

Iki. La scelta Arisa-Emma-Rocio non piace nemmeno a me, come avevo già detto. Per il resto è un ottimo festival. Non dirmi che rimpiangi i festival di Fazio.



5. Nina ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 13:07

Io non amo nulla di Emma, ma trovo che la scelta sia geniale.



6. federiko24 ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 13:44

Completamente d’accordo con l’articolo e -fino ad ora- con Conti. Tornerò a vederlo dopo lo Strazio di Fazio dell’anno scorso.



7. Marcourli ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 14:19

Non ho mai amato Sanremo, non mi appartiene ma certamente senza le paturnie sinistrosse può recuperare la sua funzione principale che è quella di diffondere canzoni, magari con un po’ più di allegria e senza noiosi pistolotti moralistici e sermoni snobistici.



8. fill ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 14:19

e’ il terzetto femminile che mi respinge, per il resto speriamo vivamente che sia una cosa piu’ leggera degli ultimi due anni, pieni di pipponi politici e scelte “impegnate”che ammorbano all’infinito…



9. fill ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 14:19

e’ il terzetto femminile che mi respinge, per il resto speriamo vivamente che sia una cosa piu’ leggera degli ultimi due anni, pieni di pipponi politici e scelte “impegnate”che ammorbano all’infinito…



10. andrea ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 14:26

Speriamo che Carlo Conti inviti,come ospite Cristina Chiabotto madrina del giro d’italia che parte proprio da Sanremo,sarebbe bello vedere musica e ciclismo al Teatro Ariston.
Secondo voi Carlo Conti potrebbe condurre anche il Festival nel 2016?



11. iki ha scritto:

15 gennaio 2015 alle 15:32

Matteo G.: io sono una persona che ho apprezzato qualsiasi edizione di Sanremo e sono dell’idea che ogni edizione debba essere diversa dall’altra.
Quindi tendenzialmente non ho schifato nessuna edizione,ma ho avuto delle preferenze.
Quelle di Fazio mi son piaciute molto e anche più di quelle di Morandi.
L’unica cosa che contesto a Conti è che si è riempito la bocca con frasi del tipo “riporto la musica al centro del festival” cosa che Fazio già ha fatto nelle ultime due edizioni(con 2 canzoni a testa)
Di questo festival mi piace l’ospitata degli Imagine Dragons e la gara giovani a inizio puntata.
Spero di ricredermi



12. Francesco ha scritto:

16 gennaio 2015 alle 16:35

Sembra davvero un Festival Antipolitica… Ma siamo sicuri? Mai dire mai… Con l’elezione del capo dello stato a fine gennaio/inizio febbraio… Chissà… Qual che comico ci sarà per scherzare sulla politica… Come ospiti mi piacerebbe vedere la cantante Adele non è mai stata al Festival!!



13. Francesco ha scritto:

16 gennaio 2015 alle 16:37

Ma Fiorello aveva detto che tornava all’Ariston se c’era Conti? (O sbaglio)



14. Francesco ha scritto:

16 gennaio 2015 alle 17:12

Tra i cantanti mai approdati a Sanremo anche Katy Perry e Mika…
Oppure sarebbe interessante avere anche attori mai stati…



15. federiko24 ha scritto:

16 gennaio 2015 alle 18:16

Ecco Adele sarebbe ottima. Anche una Shakira. Peccato che la prima non ha nulla da promuovere e la seconda partorirá proprio in quel periodo. Katy Perry come Adele e Mika ormai non ha piú un sapore internazionale e purtroppo da quando é a X Factor non é più un personaggio (perlomeno per me) irraggiungibile.
Io sparo alto e dico Madonna.



16. alex ha scritto:

17 gennaio 2015 alle 00:51

giusto che il festival si occupi principalmente di musica, ma essendo un evento, può essere normale che si parli di tutto..non vorrei che il fatto di non parlarne proprio sia in realtà un’arruffianata verso la politica e verso quegli italiani qualunquisti e ignoranti..quegli zoticoni ingioiellati che si vedono sempre all’ariston, con mogli impellicciate al seguito, tanto per intendersi..detto questo, ribadisco la bontà di affidarsi principalmente alla musica..però, se togliamo raf, malika e pochi altri, siamo sicuri che sarà un festival musicale? i soliti idioti e la tatangelo non sono esattamente elio e le storie tese e fiorella mannoia..



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.