8
gennaio

SOLO PER AMORE: LA NUOVA FICTION DI CANALE 5 HA DEL POTENZIALE, SEPPUR CON QUALCHE PECCA

Antonia Liskova

Dopo la lunga pausa natalizia Canale 5 riparte dalla fiction e cala l’asso Solo per amore, una produzione Endemol in dieci puntate per la regia di Raffaele Mertes e Daniele Falleri in cui il melò si mischia al noir, alla ricerca di un pubblico trasversale. La serie infatti strizza l’occhio agli appassionati delle soap, che qui di sicuro troveranno pane per i loro denti, senza però cadere, almeno non completamente, nei soliti cliché che di solito impediscono di spiccare un salto in avanti. La fiction ha ritmo e non annoia chi guarda, catturando l’attenzione ad ogni nuova scena con particolari che potrebbero svelare qualcosa di più sulla vicenda. La regia è fluida e ben articolata e anche questa fa la differenza, movimentando il tutto con passaggi rapidi e sequenze che mantengono alta la tensione.

La trama ha per protagonista Elena Ferrante (Antonia Liskova) alle prese con il rapimento del marito Pietro Mancini (Massimo Poggio). Indagherà sulla vicenda il vice questore Giordano Testa (Kaspar Kapparoni), che anni prima aveva liberato la donna a sua volta vittima di un sequestro, nel corso del quale aveva perso il figlio che stava aspettando. Si scopre che Pietro, nonostante sembrasse un marito sincero e un uomo limpido, in realtà nasconde tanti segreti, tra cui la sua frequentazione con Sandro Alfieri (Pietro Genuardi), noto malavitoso tornato da poco a Roma direttamente dal Sud America. Già nella prima puntata si apprende che Pietro è tenuto segregato da Gloria Keller (Valentina Cervi), sua ex fidanzata in cerca di vendetta che mira a togliergli ogni bene. La donna cerca infatti di acquistare le quote del lussuoso centro sportivo di cui i Mancini e i Ferrari sono proprietari seducendo il giovane fratello di Elena, Gabriele (Simon Grechi), già fidanzato con la ginecologa Irene (Camilla Filippi).

Il tema del rapimento non è certo una novità nel panorama della fiction italiana, se solo si pensa a Una grande famiglia o a Dov’è mia figlia, ricorrendo periodicamente anche negli intrecci di molte soap opera e telenovelas (a partire da Centovetrine fino a Il Segreto). Sicuramente si tratta di un argomento che fa presa e che permette agli sceneggiatori di disporre di ampia scelta sugli eventi che muovono le fila della narrazione. Tuttavia la prima puntata dimostra che gli elementi narrativi sono ben giocati, dividendosi tra i momenti di azione, quelli di indagine e quelli in cui la passione e i rapporti interpersonali tra i vari personaggi la fanno da padrona. Molto spazio infatti è lasciato a questi ultimi, per cui sin da subito si intuisce ad esempio che tra Elena e Giordano l’antico amore non si è mai definitivamente chiuso e il fatto di rivedersi per cercare Pietro prima o poi sarà motivo di un confronto e, chissà, di un riavvicinamento.

Se ammiccare alle soap per gli amanti del genere non è per nulla un difetto (per chi invece non lo ama forse lo sarà) a lasciare un po’ perplessi è la recitazione che, soprattutto in alcuni passaggi, manca di forza e risulta davvero poco credibile. Promossi gli interpreti principali – Liskova, Poggio, Kapparoni, Cervi – i personaggi di contorno mancano spesso di incisività e alcuni risultano fin troppo ingabbiati nei loro personaggi precedenti – come Pietro Genuardi, già volto di Centovetrine, che risulta ancora troppo “Ivanizzato” e fin qui proprio non funziona nei panni dell’esponente della mala cocainomane e dedito all’alcol.

Solo per amore si presenta, dunque, come un prodotto che vorrebbe (e potrebbe) far presa sul grande pubblico con una trama piena di misteri e amori tormentati, ma, almeno nel corso di questa prima puntata, non ha offerto nulla di nuovo, nessuna idea davvero in grado di “sfondare” e catturare l’attenzione. Questa probabilmente è stata anche la percezione del pubblico e, infatti, i dati auditel mostrano un seguito decisamente sotto le aspettative (qui gli ascolti). Cosa succederà con le prossime puntate?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Sacrificio d'Amore - Francesca Valtorta
Sacrificio d’Amore: Il Segreto è un capolavoro a confronto


Scomparsa - Vanessa Incontrada
Scomparsa: Rai 1 vince facile con la «solita» Vanessa Incontrada


La Strada di Casa - Alessio Boni
La Strada di Casa: Alessio Boni emoziona, la storia è forte e coinvolge


Rosy Abate - La Serie
Rosy Abate riporta in scena il meglio di Squadra Antimafia

5 Commenti dei lettori »

1. Marco89 ha scritto:

8 gennaio 2015 alle 17:20

Piu’ o meno quasi tutta la fiction italiana propone prodotti non nuovi al pubblico, quindi questo non la ritengo una colpa ficcante, idem per il cast, non da dieci e lode ma nella norma. A pesare purtroppo e’ il fatto che sia tutto troppo scontato: non solo la trama, ma le scene singole, i dialoghi. Per questo un regista a volte puo’ fare la differenza.
Spero in sviluppi piu’ sorprendenti nelle prossime puntate.



2. g ha scritto:

8 gennaio 2015 alle 18:10

secondo me tutti fate gli schizzinosi, secondo me se la facessero su rai 1 tutti direbbero che è una bellissima fiction fatta bene



3. g ha scritto:

8 gennaio 2015 alle 18:11

secondo me tutti fate gli schizzinosi, secondo me se la facessero su rai 1 tutti direbbero che è una bellissima fiction fatta bene



4. Michele87 ha scritto:

8 gennaio 2015 alle 20:06

Off topic, ma invece la dama velata invece quando parte?



5. nicola ha scritto:

28 febbraio 2015 alle 04:18

La recitazione è penosissima, la Liskova pare che sia posseduta, oltre che soggetta a fortissimi attacchi di iperventilazione, è veramente inguardabile.
La trama è una schifezza ritrita, ma in Italia è così, prendi una storia, cambi personaggi e location (se poi il cast è sempre quello…) e hai una nuova minchiata da trasmettere su Canale 5 o Rai 2.
Mi piacerebbe sapere quanto hanno speso per una roba del genere, certo, forse in Italia non abbiamo le risorse degli USA, ma Nolan con 6000 dollari c’ha fatto Following, non sarà un capolavoro, ma straccia ad occhi chiusi roba come questa. Rodriguez con 7000 ha realizzato El Mariachi e Carruth ha girato Primer. Non mancano i soldi, mancano le idee (e probabilmente pure le persone capaci).



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.