28
dicembre

MEGATSUNAMI: DIECI ANNI DOPO. IL DOC DI FOCUS SUL PIU’ DEVASTANTE DISASTRO NATURALE DELL’ERA MODERNA

Megatsunami - Focus

Megatsunami - Focus

Megatsunami: dieci anni dopo

A 10 anni dal disastroso tsunami dell’Oceano Indiano che il 26 dicembre 2004 ha spazzato via la vita di 228mila persone, Focus (dtt free canale 56 | Sky canale 418) ricorda la tragedia con lo speciale “Megatsunami: dieci anni dopo” (produzione Drive TV, 1×90’), in prima tv assoluta domenica 28 dicembre alle ore 22:05.

Lo tsunami asiatico è stato il disastro naturale più devastante dell’era moderna. Lo speciale di Focus ripercorre i momenti salienti di quelle giornate di emergenza, aprendo uno squarcio inedito su come il mondo ha gestito un evento di tali proporzioni. Gettando luce soprattutto sulle indagini forensi che sono seguite al disastro – condotte da una task force di specialisti di più di 30 paesi – per recuperare, identificare e riportare a casa le spoglie delle vittime.

Dopo le prime ore, quando i thailandesi iniziano ad accatastare i corpi delle vittime presso i cortili dei loro templi buddisti, appare chiaro che la situazione sarebbe degenerata. Dopo 60 ore mettono piede nel paese i corpi speciali dell’intelligence australiana guidata dall’agente federale Karl Kent, che aveva già lavorato in quel quadrante all’epoca delle bombe a Bali nel 2002. Per lui, avvisato dalle autorità locali che si trattava di gestire qualche centinaia di corpi non identificati, trovarsi in quel disastro fu uno shock.
In tutto il mondo nel frattempo, familiari di viaggiatori cercano angosciosamente notizie: il 27 dicembre in Gran Bretagna sono dispersi più di 22mila cittadini, in Germania 40mila, le autorità dei singoli paesi faticano a dare risposte e sono bersagliate dalla stampa per la loro tardiva presa di posizione. Il primo contingente inglese di soccorso verrà inviato solo il 29 dicembre, trovando già sul posto le squadre tedesche, olandesi, francesi e giapponesi.

Con il passare dei giorni, squadre DVI (Disaster Victim Identification) arrivano da tutto il mondo, mettendosi a disposizione di Karl Kent, nominato “Chief of Staff”, e del suo equivalente thailandese Generale Nopadol. Dopo 6 giorni non vi è più alcuna speranza di indentificare “visivamente” i cadaveri, nemmeno le razze o le etnie di appartenenza sono più distinguibili.

Nel frattempo, non si contano le migliaia di parenti che, non avendo più notizie dei loro cari, stanno accorrendo da tutto il mondo portando con loro foto, radiografie, certificati medici e ogni altra cartella clinica che possa aiutare per l’identificazione. Con il passare dei giorni sale a 400 il numero degli specialisti internazionali coinvolti, inclusi membri dell’Interpol. Viene creata una squadra incaricata di pulire, fotografare e identificare ogni singolo oggetto, gioiello, giocattolo, vestito, recuperato dai resti dello tsunami. Nelle settimane e nei mesi successivi vengono allestiti centri all’avanguardia per l’identificazione via DNA  e via impronte digitali, e per tutti la missione più importante è quella di dare un nome certo alle vittime per riportarle a casa, regalando un minimo di sollievo a coloro che sono rimasti vivi. A 2 anni dall’evento, più di 4000 corpi erano stati riportati a casa in 40 paesi diversi, anche se ancora oggi restano 338 corpi da identificare e 444 “dispersi” da rintracciare.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


discovery italia
Discovery, palinsesti 2017/2018: le novità di Real Time, DMAX, Focus, Giallo, Discovery Channel ed Eurosport


GIALLO
FOCUS E GIALLO ARRIVANO SU TIVUSAT


Mettiti a focus
FOCUS, PALINSESTO AUTUNNO 2015: SCONTRO FRA TITANI E MORNING GLORY. TORNA METTITI A FOCUS!


The Sixties
THE SIXTIES: FOCUS RACCONTA GLI ANNI 60 CON LA SERIE PRODOTTA DA TOM HANKS

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.