22
dicembre

REPORT, GUCCI SI DISSOCIA DALL’INCHIESTA DELLA GABANELLI. LEI REPLICA: ABBIAMO FATTO IL NOSTRO MESTIERE

Milena Gabanelli, Report

L’inchiesta era destinata a far discutere, e così è stato. Ieri sera, 21 dicembre, Report è tornato ad occuparsi dei marchi del lusso Made in Italy e ha fatto le pulci a Gucci. Dopo una puntata altrettanto rumorosa dedicata alla filiera di Moncler, il programma di Milena Gabanelli si è interessato al celebre marchio italiano di proprietà del gruppo francese Kering. Con l’ausilio di telecamere nascoste, e grazie alla denuncia di un artigiano, Report ha documentato alcune anomalie nella fase di assemblaggio delle borse.

Stando a quanto mostrato su Rai3, una parte dei prodotti di lusso verrebbe realizzata in Italia da operai cinesi pagati a cottimo. Da un lato, le immagini eloquenti carpite da Report, dall’altro i ‘report’ effettuati dagli ispettori del noto marchio, i quali – ha denunciato la Gabanelli – chiuderebbero un occhio su questo aspetto.

Gucci contro Report

All’indomani della messa in onda dell’inchiesta è arrivata, come prevedibile, la replica del marchio fiorentino:

Gucci si dissocia nel modo più assoluto dai contenuti e dalla forma del servizio mandato in onda domenica 21 dicembre da Report. Telecamere nascoste o utilizzate in maniera inappropriata, solo in aziende selezionate ad arte da Report (3 laboratori su 576) non sono testimonianza della realtà Gucci. Accordarsi a insaputa di Gucci con laboratori che utilizzano manodopera cinese a basso costo e non in regola è una truffa dalla quale Gucci si dissocia e che perseguirà in tutte le sedi…” si legge in un estratto della nota divulgata dall’azienda.

Report: Milena Gabanelli replica a Gucci

Pronta la contro-replica di Milena Gabanelli:

Più che dissociarsi Gucci dovrebbe ringraziarci, per aver documentato e denunciato quello che avrebbero dovuto fare i loro ispettori. È gravissima e lesiva della libertà di espressione e di denuncia la dichiarazione di Gucci – ‘accordarsi a insaputa di Gucci con laboratori che utilizzano manodopera cinese a basso costo e non in regola sabotando i sistemi di controllo in essere’ – è uno stravolgimento della realtà visto che Report non ha affatto “sabotato” ma “osservato” il metodo delle ispezioni “farsa”. Noi abbiamo fatto solo il nostro mestiere. La truffa semmai è ai danni degli artigiani, del Made in Italy, della legalità e dei clienti…”.

Una querelle destinata a proseguire, anche stavolta, per vie legali.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Sigfrido Ranucci.
Report: Sigfrido Ranucci è all’altezza, inchieste più popolari. Gabanelli ha fatto scuola


Milena Gabanelli
MILENA GABANELLI IN LACRIME PER L’ADDIO A REPORT: “VENT’ANNI INCREDIBILI, MA RESTO NEI PARAGGI” (VIDEO)


Sigfrido Ranucci
REPORT: SIGFRIDO RANUCCI SARÀ IL NUOVO CONDUTTORE


Milena Gabanelli, Tg1
MILENA GABANELLI LASCIA REPORT: L’ANNUNCIO IN DIRETTA (VIDEO). “MAGARI TORNO A FARE L’INVIATA”

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.