10
dicembre

LEO ZANI, DIRETTORE DI TELENORBA, A DM: DA CASA CARRISI A IL BIANCO E IL NERO, DA MASSERIE MISTERIOSE ALLA LIBRARY MEDIASET, VI PRESENTO LE NOVITA’ DEL GRUPPO

Leo Zani

Leo Zani, direttore di Telenorba (courtesy Emma Maugeri)

TeleNorba è sempre stata monitorata con attenzione, a causa delle origini di chi vi scrive. I recenti sviluppi, però, meritavano un approfondimento più organico: non poteva passare inosservato l’approdo della library Mediaset su una tv privata. Il nostro interesse non era malriposto: il Gruppo Norba ha messo in atto una profonda ristrutturazione delle attività televisive, affidando la direzione di rete (anzi, delle reti) a Leo Zani, ex braccio destro di Fatma Ruffini a Mediaset, ora in pianta stabile a Conversano. Proprio Leo ci racconta (e documenta con dei video) le novità di TeleNorba.

Tanto per iniziare, Leo, ti sei ambientato?

Mi sto adattando agli orari diversi della Puglia. Si chiude l’ufficio verso le 14 e si riapre alle 15.30, mentre a Milano mangi un panino e tiri dritto. Fai un po’ di fatica ma alla fine ce la fai.

Da quando sei in Puglia?

Ho accettato l’incarico il 23 di luglio e una settimana dopo, vista l’urgenza di mettere mano al gruppo, ero già a Bari.

Urgenza per?

La situazione di Telenorba si stava un po’ avvitando; Marco Montrone, figlio del famoso ingegnere Luca Montrone, artefice dell’impero di Telenorba, dopo aver rimesso in piedi RadioNorba e RadioNorba Tv con eccellenti ascolti ha messo mano alla televisione; ci siamo conosciuti e mi ha coinvolto in questo progetto.

Cosa porta un ex Mediaset ad approdare ad una realtà come quella di Telenorba?

E’ veramente un cambio di paradigma. Esco dopo vent’anni da Mediaset, dove ero diventato l’uomo di Fatma Ruffini: dirigevo la struttura sitcom. Nel momento in cui hanno chiuso la struttura di Fatma – la direzione programmi – non avevo voglia di “riciclarmi” in altro e così ho preferito tornare alla mia professione di autore. Dopo una ricca transazione (ride, ndDM), ho fatto prima l’autore per Cielo che Gol con la Ventura, successivamente ho ricominciato su Italia 1 con la Casa degli Assi, su Italia 2 con l’Itunes Festival e mi sono inventato Urban Wild. La cosa interessante è che uscire da Mediaset bene, ti permette di lavorare ancora molto bene a Mediaset. Poi, mentre facevo i miei programmini, Gennaro Nunziante mi dice che a Telenorba c’era bisogno di una consulenza; incontro così Marco Montrone e dopo un mese di chiacchiera mi dice “a sto punto, vieni a farla tu sta tv“. E gli rispondo: “figurati se mi trasferisco a Conversano“. Invece una settimana dopo ero lì.

In questi casi, senza volerti fare i conti in tasca, la pecunia fa la differenza…

Vengo pagato esattamente quanto venivo pagato a Mediaset. Ma la cosa affascinante è ridisegnare un gruppo storico come Telenorba. Sono arrivato in un momento in cui il gruppo si era un po’ seduto sugli allori. Il palinsesto aveva e ha un fortissimo appeal sulle news: hanno un telegiornale che spacca, oltre a un canale all news fortissimo, ma il palinsesto che seguiva non era all’altezza delle news. C’erano telenovelas, televendite e vecchi film anni 70 che, per carità, realizzavano buoni ascolti ma facevano leva principalmente su un pubblico in là con gli anni e che cerchiamo di scolarizzare un po’.

E adesso?

E adesso ho disegnato quattro mezzi televisivi uno diverso dall’altro. Telenorba che, più che generalista, è diventata una televisione veramente familiare. Poi ho spostato su Tele2 (ex Telenorba 8 che è tornata a chiamarsi con il nome originario) il vecchio pubblico di Telenorba con quella programmazione fatta di novelas, pellicole anni 70 e film scollacciati che fanno un botto d’ascolto… Telenorba è diventata una televisione che puoi tener accessa dalla mattina sino a tarda sera senza sentire il bisogno di cambiare canale. Hai un flusso di programmazione molto bello. Mi sono molto appoggiato alla library Mediaset che conoscevo come le mie tasche e mi sono rimesso a produrre. Abbiamo applicato le ricette nazionali al territorio.

Ovvero?

Nel corso di due convention pazzesche che abbiamo fatto qui con forza vendite e investitori, ho fatto proiettare una famosa clip virale di qualche anno fa con navi della marina americana che andavano a sbattere contro un faro. Ciò che volevo sintetizzare è che attorno a noi c’è la tempesta perfetta (crisi economica, battaglia per LCN, grandi network che tentano di entrare anche nei più piccoli mercati) ma noi siamo il faro che illumina il territorio. E infatti tutte le produzioni che abbiamo messo in piedi sono di una qualità pazzesca…

Per esempio?

Beh, la prima cosa sana e sensata è un docu reality su Casa Carrisi. Albano è molto legato alla famiglia Montrone e ha accettato di fare una cosa che non ha prezzo. Non potevo offrirgli dei soldi perchè avrei dovuto mettere sul piatto milioni di euro; e invece, entusiasta dell’idea di raccontare come vivono a Cellino San Marco, come fanno il vino, come fanno l’olio, come tengono i cavalli, come crescono i loro figli, come tengono il ristorante, l’albergo e così via… ha detto “OK”. Così ho lasciato un paio di mesi a girare Eddi Berni e abbiamo fatto 40 puntate da 24′. Un successo clamoroso.

E’ esportabile…

Eh, appunto. L’ho fatto perchè sto cercando di convincere qui i nostri amici a diventare produttori di contenuti. Casa Carrisi al prossimo MipCom lo vendo a 60 paesi.

La Russia sarà in prima fila…

Kazakistan, Argentina, Estonia… Albano è impressionante.

Altre produzioni?

Masserie Misteriose. Mi hanno portato questo pilota dei ragazzi. Si chiamava Paranormal Investigation. Il titolo, in una realtà come Puglia, Molise, Basilicata non funzionava ma il programma era bellissimo. Quindi… boom! Abbiamo messo in piedi 10 puntate e c’è la gara per chi si accaparra le sponsorizzazioni del programma.

In che consiste?

Molto semplice. Si va in queste case disabitate o ancora abitate nelle quali ci sono i fantasmi.

Fa molto Italia 1…

Eh si, per questo ti parlavo di televisione familiare. Abbiamo Albano che fa molto Rai 1, Masserie Misteriose che fa molto Italia 1; poi c’è Il Bianco e il Nero, una roba pazzesca nella quale un ragazzo, Enrico Deaglio, va in giro ‘alla Pif’ ma con uno stile tutto suo per mostrare cosa funziona e cosa no di questo territorio. Con una grafica pazzesca, tra l’altro. Va in onda tutti i giorni dopo il tg, per dieci minuti, e si porta dietro una fetta di pubblico imbarazzante. C’è anche un programma di cronaca nera bellissimo, Indago, fatto da Giovanna Bruno, penna di punta del tg.

I risultati che dicono?

Non siamo in Auditel per un mese poichè abbiamo cambiato i nomi delle emittenti e ci siamo concessi questo lusso per 30 giorni. Abbiamo un riscontro pazzesco sulle nostre produzioni. Ma per cambiare il pubblico delle telenovelas e dei film anni 70 ci vuole un po’ di tempo. E a livello di budget possiamo spendere un sesto di quello che spendono le reti nazionali.

Non è poco!

Non è poco, ma per un distributore internazionale lo è. Vorrei riuscire a mettere insieme un pacchetto di 4/5 programmi. Ci stiamo lavorando. Così come stiamo lavorando alla parte web. La sintesi è che questo è un dinosauro che si è seduto. Vorrei che si guardasse a TeleNorba con orgoglio, come un canale che va bene per tutti durante tutta la giornata. D’altronde i gusti sono cambiati. Mia nonna, ad esempio, guardava Ma Come Ti Vesti?! Adesso, ad esempio, stiamo realizzando con l’aeronautica un docu reality per tutti i ragazzi che sognano di fare i top gun. Il Capo di Stato Maggiore era entusiasta.

Lato fiction?

Abbiamo fatto un investimento enorme acquistando la library Mediaset. Abbiamo Caterina e le Sue Figlie, la saga di Ultimo, Elisa di Rivombrosa, Il Mammo, le produzioni con Emilio Solfrizzi che ha iniziato la sua carriera proprio a TeleNorba. Mediaset ci ha dato una mano su tutto. Da qui al prossimo ottobre ho 650 ore di palinsesto Mediaset, replicabile per altrettante ore. Sto cercando di fare la televisione del territorio ma con una qualità pazzesca.

Se potessi titolare quest’intervista, come titoleresti?

Con il claim della campagna che stiamo facendo: qui, di nuovo, c’è TeleNorba. Ma la cosa di cui sono più orgoglioso è che questo gruppo ha quattro realtà televisive: la radiovisione con RadioNorba24, il TgNorba24, TeleNorba e Tele2. Quattro mezzi totalmente differenti con quattro profili di pubblico totalmente differenti che lavorano insieme. La concessionaria era entusiasta. Pensa che a volte abbiamo ritardi di 10 minuti per affollamento pubblicitario. C’è un bel fermento e ho trovato un terreno fertilissimo. Tra l’altro le nostre produzioni sono realizzate quasi totalmente con personale interno.

E quando la mattina esci di casa e ti ritrovi a Conversano, che effetto fa?

Straniante. Prima uscivo di casa ed ero nel caos totale di Milano; adesso sono nel pieno centro storico di Conversano, esco di casa e sono tra tante case bianche con i bambini che giocano per strada.

Non è un toccasana per la tranquillità?

Si. Poi quando entri a lavorare la perdi però (ride, ndDM).

Ti puoi consolare perchè TeleNorba ha una signora sede.

Esatto. Infatti invito sempre tutti qui e facciamo la nostra ‘porca figura’.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Gianni Morandi, L'Isola di Pietro
Gianni Morandi a DM: «L’Isola di Pietro è una storia che mi sento addosso. Baglioni a Sanremo? Una grande scelta» – Video


Selvaggia Lucarelli
Selvaggia Lucarelli a DM: in TV farei subito «Le Vite degli Altri». In passato un sacco di cazzate e brutta televisione perchè pensavo di non meritare di meglio


Daniela Ferolla
Daniela Ferolla a DM: «Il vero lusso è il ritorno alla terra. Basta ridicolizzare le Miss, ci vuole rispetto per il talento della bellezza»


Mtv Super Shore, Ferre, Victor, Potro, Isaac, Igor
I ragazzi di Mtv Super Shore 3 a DM: «Che bordello questo reality! La donna più adulta con cui sono stato? L’hanno seppellita ieri» – Video

12 Commenti dei lettori »

1. aleimpe ha scritto:

10 dicembre 2014 alle 17:30

Altre emittenti locali possono acquistare library Mediaset ?



2. Tania ha scritto:

10 dicembre 2014 alle 17:40

Aaaah sei pugliese come me



3. nicola83 ha scritto:

10 dicembre 2014 alle 17:43

Questo tipo mi piace. Lavora con entusiasmo e si sente che crede in quello che fa. Poi lasciare Mediaset sarà stato sicuramente un bel rischio, per cui davvero onore al merito…



4. robi ha scritto:

10 dicembre 2014 alle 18:20

Un giornalista poco fa su Fly Tv 218 ha annunciato che ci sarà uno Zelig del Sud su Telenorba….



5. nas ha scritto:

10 dicembre 2014 alle 19:39

grazie, avevo bisogno di ridere.



6. Rox ha scritto:

10 dicembre 2014 alle 20:22

“Pazzesco” è stato già detto?



7. il MIO REALITY ha scritto:

11 dicembre 2014 alle 01:21

tutto pazzesco grandioso e smisurato.



8. Michele86 ha scritto:

21 dicembre 2014 alle 23:25

darà una scossa in positivo a telenorba. L’ambiente è ambizioso e forte. se non sapete Telenorba è l’emittente privata leader in italia. Sono sicuro che farà grandissime cose



9. claudio ha scritto:

10 gennaio 2015 alle 22:48

Zani sta facendo un lavoro impressionante con il Gruppo Norba, che sta diventando una realtà paurosa anche a livello nazionale, qualora decidesse di affacciarsi nel panorama digitale in tutta Italia. Poi Zani ha ragione pure su Mondrone Jr: ha rilanciato RADIONORBA in maniera straordinaria. Mondrone è colui che, negli ultimi anni, ha fatto un giga-prodotto come il Battiti Live (mi sta tanto a cuore!), trasformandolo da “tour” regionale a vero evento televisivo. Cinquantamila persone in piazza, qualche anno fa in una tappa di Matera si sfiorò il milione di telespettatori. Nel 2013 in syndication nazionale in tutta Italia. Che aggiungere? Complimenti per quanto fatto e quanto state facendo tuttora! Occhio, perché ad occhio questa sta diventando una “Top Network”. E TGNorba24 è una bomba, l’ho visto replicato in diretta da Videolina, qui in Sardegna, ed è un “piccolo” Sky TG24…



10. Mela ha scritto:

16 gennaio 2015 alle 10:16

Il ragazzo che va in giro alla “Pif”, produttore de Il Bianco E Il Nero si chiama Enrico FORNARO… da dove nasce Deaglio??? 😂😂😂



11. michele ha scritto:

6 marzo 2016 alle 21:50

Secondo me da fan di questo canale il problema di questa emittente locale riguarda innanzitutto gli Spot pubblicitari, infatti
Lo spot rappresenta un messaggio della durata media di 30 secondi inteso a promuovere la vendita o il noleggio di un prodotto o di un servizio, a sostenere una causa o un’idea o a generare qualche altro effetto nei confronti dell’inserzionista. La durata può essere anche inferiore a quella media, e solitamente viene utilizzata in un secondo blocco di passaggi da utilizzarsi in un periodo temporale successivo a quello della messa in onda integrale (cioè, quando il messaggio è divenuto familiare). La tecnica narrativa utilizzata è spesso quella del racconto, realizzato sia con tecnica elettronica che cinematografica, e i protagonisti possono essere attori noti e non noti(che spesso divengono famosi proprio grazie alla pubblicità creando un proprio star-system). Esistono piccole imprese di produzione, a cui si rivolgono le agenzie di pubblicità, che sono specializzate nella realizzazione di questo tipo di prodotto. Per concludere ci sono le
Televendite che riguardano un’offerta diretta al pubblico per l’acquisto, la vendita o il noleggio di prodotti o la fornitura di servizi, in cui vengono indicati i prezzi ed il recapito postale o telefonico a cui rivolgersi. Si tratta di contratti negoziati da un’impresa diversa dalla concessionaria sulla base di offerte effettuate direttamente al pubblico tramite il mezzo televisivo. Come per le telepromozioni, tali trasmissioni devono essere chiaramente riconoscibili, in uno spazio slegato da ogni altro contenuto editoriale, definite da una sigla di apertura e di chiusura, con una durata complessiva non inferiore ai 3 minuti, e con l’inserimento della scritta “televendita” per tutta la durata della stessa. Lo spazio giornaliero che può essere destinato alla televendita non deve superare il 5% della quota giornaliera (20%) destinata alla pubblicità.



12. michele ha scritto:

6 marzo 2016 alle 21:56

Comunque la programmazione va benissimo purché si avvicini sempre più a quella trasmessa dalla Mediaset. Anche se sopra ho spiegato quello che dovrebbe essere secondo me, questo canale a partire dalla pubblicità, rimane il fatto che si può trarre spunto dai canali che fanno meglio questo genere di lavoro come la Mediaset oppure la RAI. Speriamo migliori sempre più questa emittente.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.