31
dicembre

SADDAM, IL VIDEO INTEGRALE dell’ESECUZIONE

Saddam Hussein - impiccagione

Un evento mediatico come l’impiccagione di Saddam Hussein non poteva essere ignorato da questo blog.

Tralasciando qualsiasi considerazione sulla condivisione o meno della pena di morte, Vi riporto il video integrale dell’esecuzione perchè convinto, da una parte, della profonda curiosità dei cittadini di un paese che non prevede ”punizioni” come quella inflitta al dittatore iracheno, dall’altra per l’indubbio effetto che la popolarità del giustiziato suscita negli animi degli abitanti del pianeta.

ATTENZIONE : il video contiene immagini esplicite. Se ne sconsiglia la visione ad un pubblico non adulto e facilmente impressionabile. Clicca qui

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Gianni Morandi, L'Isola di Pietro
Gianni Morandi a DM: «L’Isola di Pietro è una storia che mi sento addosso. Baglioni a Sanremo? Una grande scelta» – Video


I TheShow con il nostro Marco Leardi
DavideMaggio.it nella Social House dei TheShow. «Qui è molto più faticoso che a Pechino Express» – Video


Pino Daniele
Pino Daniele – Il Tempo Resterà: l’omaggio di Rai 3 al compianto artista napoletano


Chi l'ha visto, omicidio Noemi
«Chi l’ha visto?» e il reality del dolore. Omicidio Noemi, i genitori del fidanzato scoprono in tv che il figlio ha confessato

18 Commenti dei lettori »

1. metroguida ha scritto:

31 dicembre 2006 alle 18:15

Personalmente non sono daccordo nel riproporre il video dellesecuzione. Mi perdonerai (spero) ma credo che sia solamente un pessimo attira-audience nel tuo blog per quelli in cerca di emozioni forti, morbosità e perdita della vergogna.Buon nuovo anno



2. Davide Maggio ha scritto:

31 dicembre 2006 alle 18:19

@ metroguida : no no. Se avessi voluto attirare visitatori in questo blog avrei sfruttato tante altre situazioni. Cosa che, invece, non ho fatto. A me non interessa avere il visitatore "di passaggio". Mi piace che il lettore venga qui per trovare ciò che cerca e, di conseguenza, affezionarsi. Daltronde Tu ne sei lesempio :-) E comunque fuor di dubbio che è necessario "essere sulla notizia", quanto meno per un blog come questo.Buon anno anche a Te.



3. metroguida ha scritto:

31 dicembre 2006 alle 18:33

Davide: "Essere sulla notizia" non credo valga anche per questo caso. Tu hai proposto la visione di fatto scabroso e privo di senso intellettuale. Spesso queste clip soddisfano solo la curiosità morbosa della massa. Il tuo blog (che peraltro a me piace molto) parla di televisione e tutto ciò che ne consegue. Qualè il nesso con Saddam e la sua impiccagione?



4. Roberto ha scritto:

31 dicembre 2006 alle 22:26

aimè devo esprimere il mio dissenso non sul fatto che dado abbia pubblicato il video, ma il video stesso. Non posso esimermi dal dissentie e trovare assolutamente disdicevole la visione di una morte "in diretta". senza dubbio siamo arrivati alla frutta. cosa potrà più smuovere le nostre coscienze se oramai anche la morte (che era la cosa che lessere umano probabilemente temeva di più) è stata spettacolarizzata?



5. luca ha scritto:

1 gennaio 2007 alle 05:29

RISPONDO AL LETTORE CHE NN TROVA IL NESSO TRA IL VIDEO DELLA MORTE DI SADDAM E LA TV…… SCUSA MA…. SBAGLIO O TUTTE LE RETI TV NN FANNO ALTRO CHE PARLARNE???? E ALLORA PERCHE NN DOVREBBE FARLO DAVIDE ??? ….



6. metroguida ha scritto:

1 gennaio 2007 alle 11:53

luca: prima di tutto usare lo stampatello su internet significa urlare e questo è sinonimo di maleducazione. Secondo, visto che hai letto il mio commento potevi anche dire il mio nome anzichè apostrofarmi con il "lettore". Terzo, Davide è un blog sulla televisione e non una televisione. Per il resto bisogna aspettare la risposta del titolare di questo posto.A presto



7. Kendall ha scritto:

1 gennaio 2007 alle 12:09

Perchè non vi limitate ad ignorare il video ??Sinceramente anche a me ha dato fastidio pero di certo non vado contro alla scelta di Davide,il blog è suo ed è libero di fare qualsiasi scelta ,non possono essere tutte condivise ma infondo rimane sempre un ottimo blog.Raga tralasciamo la Tv,qui è un avvenimento Storico che rientrà di diritto sui libri di Storia.e comunque Buon Anno a tutti



8. charls72 ha scritto:

1 gennaio 2007 alle 19:32

ciao a tutti, sinceramente ritengo vergognoso uccidere le persone, non mostrare luccisione! il resto è ipocrisia, è comodo lasciare che certe cose vengano fatte e poi chidere gli occhi per non vederle! bravo davide facciamo vedere a tutti quanto siamo civili…



9. Gianni ha scritto:

2 gennaio 2007 alle 09:36

BEN GLI STA!



10. Mary ha scritto:

2 gennaio 2007 alle 16:09

Non volevo commentare. Poi ho deciso di farlo, anche se sono già pentita di aver letto certi commenti da guerrafondai. Comunque non guarderò né il video, né le immagini di un uomo che sta per essere impiccato. Credo fermamente nei principi di diritto civile, ma direi anche umano, che furono segnate dal nostro Cesare Beccaria. Credo nel sentimento di "pietas" dei nostri latini progenitori e credo nei principi cristiani, anche se prima vengono le ragioni laiche. Quindi non solo sono contro la pena di morte, ma nel fare il possibile per affermare la sacralità della vita. Detto questo: avete trovato un capro espiatorio, per quanto carnefice fosse, e lo avete sostituito a tanti altri carnefici che sono rimasti in vita…



11. France ha scritto:

2 gennaio 2007 alle 18:00

Totalmente daccordo con Mary.



12. laura ha scritto:

2 gennaio 2007 alle 21:29

se lè meritata….



13. Flavio Al ha scritto:

3 gennaio 2007 alle 01:24

Cari tutti,grazie al blog di Davide sono riuscito a vedere per intero il video dellesecuzione di Saddam. Mi permetto di condividere con voi alcuni pensieri che mi passano per la testa: si può sicuramente dire che lesecuzione è stata latto finale di una giustizia sommaria. Il processo non ha avuto la minima parvenza di serietà oltre che fondatezza giudiziaria. Laver condannato Saddam per avere gasato 150 persone allinizio degli anni 90 ha avuto la stessa serietà che aver condannato Al Capone poichè evadeva le tasse. Dal punto di vista politico la valenza dellevento è epocale: la politica estero-petrolifera degli Usa ha avuto quanto voleva, lasse islamico sciita ha avuto il suo martire ed ora vedremo le conseguenze che ne sfocieranno. Ma di Bin Laden nessuno parla più dalla Casa Bianca? Probabilmente sta bene dove sta; uneventuale cattura andrebbe a perturbare un già fragilissimo equilibrio medio-orientale. Personalmente non voglio credere che la



14. Sandro ha scritto:

3 gennaio 2007 alle 09:01

Buongiorno a tutti. Non commento di solito fatti di attualità in pubblico, ma in questo caso mi sembra doveroso.Innanzitutto, onore a chi ha avuto il coraggio di mostrare un fatto appartenente alla vita nostra, che ci piaccia o no, in modo integrale, a supporto della mia personale teoria che vede le persone capaci di intendere e volere e pertanto giudicare senza censure ipocrite. Siamo liberi di vedere e altrettanto liberi di nascondere il volto nella sabbia, ma questo fatto è successo e non possiamo dimenticarlo o fare finta di niente. La durezza delle immagini non ha fatto altro che accrescere la mia convinzione che dare la morte ad un individuo sia un metodo barbaro di vendicarsi indegno della società civile, per quanto criminale sia stato loperato del condannato in questo caso ma non solo. Si potrebbe anche dire che se lè meritata per la spietatezza del dittatore in passato, ma proprio per questo un paese civile aveva lobbligo di lasciargli il tempo, fino alla



15. Reda ha scritto:

3 gennaio 2007 alle 20:27

Lo trovo di pessimo gusto..



16. ANTONIO ha scritto:

4 maggio 2007 alle 12:31

peccato non averlo fatto soffrire ,meritava molto di più.



17. ANTONIO ha scritto:

4 maggio 2007 alle 12:34

meritava molto di più.peccato non averlo fatto soffrire. saluti antonio ,



18. valeria ha scritto:

4 maggio 2007 alle 15:14

questa è la punizione che si merita



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.