3
dicembre

LA FORTUNA FA 90: AGON CHANNEL INIZIA COL PASSATO E ‘RICICCIA’ UN GAME TESTATO DALLA ZANICCHI NEL 2007

La Fortuna fa 90 - Agon Channel

La Fortuna fa 90 - Agon Channel

Agon Channel ha iniziato le sue trasmissioni al canale 33. Tante le novità annunciate, a cominciare dall’entrata in scuderia di personaggi del calibro di Simona Ventura, Pupo e di Antonio Caprarica, chiamato per dar forma al telegiornale di rete. Le promesse sono quelle di una rete tutta nuova, che chiuda con lo stile della tv generalista per dare corpo a un palinsesto fresco e giovanile. Tutto questo, nelle intenzioni.

La fortuna fa 90: un format già sperimentato da Rete 4

Tra i programmi iniziati questa settimana, infatti, spicca il game La fortuna fa 90. La trasmissione, condotta da Sonila Meço, ha un regolamento molto semplice: tre i concorrenti in gioco, chiamati a dedurre quale numero si cela dietro 12 immagini, in base ad abbinamenti logici. Vince il concorrente che per primo riesce (se riesce) ad accumulare 90 punti. Il vincitore porta quindi a casa una Fiat 500.

Il format è, però, tutt’altro che una novità. Nel 2007, come DM vi annunciò in anteprima (mostrando anche uno spezzone), fu realizzata una puntata zero dello stesso programma (è rimasta immutata anche la grafica) da Rete 4, con la conduzione di Iva Zanicchi. Le regole del gioco, in effetti, richiamano la storica Ok, il prezzo è giusto! di cui proprio l’aquila di Ligonchio era stata la più celebre padrona di casa: anche qui ci sono abbinamenti numerici, anche qui il ritmo è molto lasco, pensato apposta per una trasmissione tranquilla da mandare in onda in daytime. Il test non ha evidentemente suscitato entusiasmo nei vertici del Biscione, a differenza di quanto accaduto con Becchetti che ha prontamente pensato al “ripescaggio” – a sette anni di distanza – per la sua Agon Channel.

La Fortuna fa 90: quando il deja vù regna sovrano

Un parvenza di novità c’è. La fortuna fa 90 prodotta da Agon Channel introduce infatti la figura della saputella, ovvero una specie di professoressa (che incespica con l’italiano), che aiuta i concorrenti dando loro la possibilità di scegliere il numero più utile al fine di raggiungere i 90 punti. Ma al di là del paragone con il prototipo del 2007, la nuova trasmissione emana una costante sensazione di ritorno al passato, più che di novità.

Saranno i tempi particolarmente lenti o lo studio agghindato in stile Ruota della fortuna, ma tutto quello che traspare è un costante richiamo agli anni 80/90 e alle prime trasmissione della tv commerciale, quando il game show non era ancora riuscito ad appropriarsi della giusta velocità e si perdeva molto in chiacchiere inutili con i concorrenti, soprattutto per riempire format troppo semplici dal punto di vista del gioco.

Vero è che siamo in un periodo in cui si tende sempre più spesso a riciclare il passato, ma che questa cifra stilistica arrivi proprio da un neonato canale digitale è una vera sorpresa. Sicuramente sarà difficile per Agon ritagliarsi uno spazio nell’odierna offerta televisiva, l’augurio è che i loro sforzi cerchino di andare in nuove e inesplorate direzioni, piuttosto che affidarsi a stilemi ormai in disuso da tempo.



Articoli che potrebbero interessarti


Agon_IL CONTRATTO_ Sabrina Ferilli @fotoPorcarelli
AGON CHANNEL: ECCO TUTTI I PROGRAMMI. FERILLI OSPITA VELTRONI. PUPO DA’ SPAZIO A SOLANGE E RUTA


La Fortuna fa 90 @ Davide Maggio .it
SU RETE4 LA FORTUNA HA FATTO 90. UNA SOLA VOLTA, con IVA ZANICCHI. GUARDATELA!


Iva Zanicchi @ Davide Maggio .it
LA FORTUNA FA 90


Iva Zanicchi - Terza puntata Selfie 2
Selfie 2: lite tra Iva Zanicchi e Tina Cipollari, che abbandona lo studio. Anticipazioni e foto della terza puntata

4 Commenti dei lettori »

1. Ba Lordo ha scritto:

3 dicembre 2014 alle 16:21

Agon Channel ha i giorni contati. Il programma del mattino “iPrimi” ha una conduzione (femminile, perchè il ragazzo non è malvagio) imbarazzante; La Fortuna Fa 90 è quello che avete detto, un riciclone mal realizzato condotto da una Signora albanese con il tipico accento che si sente una gran diva; A Fior di Pelle, una roba paradossale; il game show di Pupo inutilmente prolisso, con un montepremi praticamente impossibile da vincere; MyBodyguard con la Corvaglia, una produzione involontariamente comica. Cose che la peggior tv locale realizzerebbe con più cura.
Il Tg di Caprarica poi… è un tg o il bollettino di un’agenzia di stampa? E la scenografia virtuale? Ma che è….
Sono curioso di vedere che farà la Costamagna.
Sei mesi e il canale è spento. Simona Ventura, viste le prime trasmissioni, se la sarà già data a gambe….



2. antoniovarese ha scritto:

3 dicembre 2014 alle 16:45

Io devo ammettere che questo quiz non mi spiace anzi lo trovo carino e la presentatrice molto capace



3. Maurizio ha scritto:

3 dicembre 2014 alle 20:40

Ma porca l’oca!!! Siamo pieni di canali che propinano solo televendite, vedi Canale Italia, la9 e tanti altri! Per una volta che arriva una rete con delle nuove produzioni tutti a dargli addosso! Per carità anch’io pensavo meglio- soprattutto il tg- però il game di pupo non è da buttar via! E poi diamogli il tempo di sperimentare , (son partiti da 3 giorni) vedranno come sistemare il palinsesto o siete tutti grandi geni della tv? Anche la7 all’inizio era tutt’altra cosa.



4. lordchaotic ha scritto:

4 dicembre 2014 alle 02:18

A me non dispiacciono i programmi. La fortuna fa 90 è carino e trovo la conduttrice molto molto brava… meglio di tante conduttrici italiane!!!
Il gioco di pupo è carino e quello sul body panting è simpatico. scrivere le domande sul corpo e il montepremi è un qualcosa di nuovo.. poi noto che le ragazze non sono così spogliate come in altre trasmissioni. il programma sui Bodyguard non è troppo un granché ma è qualcosa di nuovo. Mi lascia un po’ così il tg. Questa durata flash e lo studio virtuale non mi convincono, però mi piace il direttore. ottima scelta



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.