3
novembre

UNA PALLOTTOLA NEL CUORE: IL MARESCIALLO ROCCA E’ DIVENTATO GIORNALISTA

Una pallottola nel cuore

Il ritorno di Gigi Proietti nella fiction italiana è stato premiato dal pubblico: l’attore ha vestito lunedì scorso per la prima volta i panni di Bruno Palmieri, cronista di nera allergico alla pensione. Davanti al video c’erano oltre sei milioni di telespettatori che gli hanno fatto segnare il 23.28% di share. Un risultato prevedibile, visto l’amore che lega gli italiani al Maresciallo Rocca, che in questo nuovo progetto c’è. Eccome se c’è.

Una Pallottola nel cuore: ben sfruttata l’eredità del Maresciallo Rocca

Il personaggio a cui oggi dà vita Proietti in Una Pallottola nel cuore non è un carabiniere ma con le forze armate collabora; come Rocca indaga, riapre vecchi casi, ascolta testimoni, può contare sulla stima di tutti ed ha alle spalle un passato difficile che lo rende autorevole senza togliergli la semplicità e la simpatia che lo contraddistinguono. Così come Rocca aveva poi il suo brigadiere Cacciapuoti con cui confidarsi e confrontarsi, così Palmieri può contare sul giudice Sereni, con il quale va a pescare. Ed entrambi, guarda caso, hanno il volto di Sergio Fiorentini.

Se a ciò si aggiungono altri attori già “passati” per le storie del Maresciallo – vedi Ruben Rigillo che lì era un sottoposto di Proietti e qui è suo figlio – il sapore delle due fiction diventa decisamente simile. E questo dà ad Una Pallottola nel cuore quell’aria rassicurante e un pizzico nostalgica che, unita alla messa in scena del mondo del giornalismo - uno dei pochi a non essere ancora stato sviscerato dalla serialità italiana – ne fanno un prodotto interessante e gradevole. A seguire le anticipazioni degli ultimi due film tv di Una Pallottola nel cuore, in onda domenica 9 e lunedì 10 novembre 2014 su Rai 1.

Una Pallottola nel cuore – Il passato che ritorna – Anticipazioni del 9 novembre 2014

Donata Farinelli, titolare di una famosa agenzia matrimoniale, esce dal coma dopo quattro anni. Per il suo tentato omicidio, è stata condannata Lea Baldini, che aveva un movente plausibile ed era stata sorpresa accanto al corpo esanime. Bruno Palmieri, che già all’epoca aveva seguito la torbida faccenda, riesce ad avvicinare Italo, il marito di Lea, convinto che sia stato il marito di Donata a cercare di ucciderla. Bruno, indagando tra i clienti dell’agenzia matrimoniale, s’imbatte in una sorprendente verità e provoca l’assassino che, infatti, uscirà allo scoperto…

Una Pallottola nel cuore – Il vero e il falso – Anticipazioni del 10 novembre 2014

Roberto Grassi rimane vittima dell’incendio del suo laboratorio di restauro. Maddalena, mentre cerca materiale per il suo primo articolo, riconosce Violante: lei, il suo fidanzato Luca, morto di overdose, Roberto e un’altra ragazza di cui si sono perse le tracce erano studenti all’Accademia di Belle Arti e amici inseparabili… Le analisi della scientifica confermano che l’incendio potrebbe essere stato doloso e Bruno scopre che Luca dipingeva falsi d’autore: il mistero si infittisce, ma nel passato delle persone coinvolte Bruno trova la chiave per svelare il segreto del tragico destino dei tre giovani…



Articoli che potrebbero interessarti


MasterChef 6 - Gabriele
MASTERCHEF 6 SALE IN ALTO ADIGE PER IL QUARTO APPUNTAMENTO. ELIMINATI VITTORIA ED ALAIN


The Last Ship anticipazioni
THE LAST SHIP: ANTICIPAZIONI VENERDI 26 SETTEMBRE 2014


Rosy Abate La Serie - Paola Michelini
Rosy Abate – La Serie: anticipazioni terza puntata di domenica 26 novembre 2017


Le Tre Rose di Eva 4 - Anna Safroncik e Roberto Farnesi
Le Tre Rose di Eva 4: anticipazioni terza puntata di giovedì 16 novembre 2017

1 Commento dei lettori »

1. ciak ha scritto:

4 novembre 2014 alle 13:19

un ottimo cast… un capoteatrante “unico” una storia di fondo “sfiziosa”, storie “standard” ma di “effetto. Risultato? sempre vincente…la qualità paga sempre!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.