15
ottobre

STORIE MALEDETTE: FRANCA LEOSINI RACCONTA I CRIMINI E COMBATTE QUELLI CONTRO LA NOSTRA LINGUA, SEMPRE PIU’ BISTRATTATA IN TV

FRANCA LEOSINI STORIE MALEDETTE ALBERTO MANZI

Esterna, RVM, tronista; sono soltanto tre dei nuovi vocaboli della lingua italiani, entrati con prepotenza nei modi di dire, e non solo, di italica fattura. Colpevole dei nuovi ingressi, superflueo dirlo, la televisione.

E se la tv crea, la stessa tv distrugge, linguisticamente parlando. Il logorio costante e crudele della nostra bellissima lingua si consuma tanto nei reality quanto nei salotti del tubo catodico, in cui la dizione è un optional e la grammatica soltanto un lontano ricordo. Capita, infatti, che a Uomini e Donne ci si prodighi molto spesso in disquisizioni filosofiche sulle arti amatorie ma si ignori del tutto l’esistenza e l’uso del congiuntivo, che trova spazio soltanto nei pochi e misurati interventi della conduttrice. Perchè, come se servissero scusanti, l’indicativo è pronto all’uso, comodo e senza troppi “fronzoli“. E il fan club del modo indicativo, che nemmeno a dirlo raccoglie i detrattori del tanto temuto congiuntivo, vanta fra le sue fila gran parte dei prezzemolini tv, concorrenti dei reality e quella gggente vera che non ha bisogno di copione, perchè in tv ci è andata per essere nient’altro che se stessa. E la spontaneità è una delle prime tesi tirate in ballo da chi non possiede enormi doti oratorie: da Federico Mastrostefano alla nuova tronista Monica, la musica è sempre la stessa, “non saprò parlare ma almeno sono una persona vera“. E tanto basta.

D’altra parte a rappresentare la bellezza delle donne italiane quest’anno è stata chiamata Maria Perrusi, eletta miss del bel paese ma a quanto pare non del suo idioma; ancor prima di ricevere la corona, la statuaria Maria ha chiesto a tutti di non “essere scherzata” per la sua altezza, che a suo dire è rea di averla messa diverse volte “in disagio“.  Stessa storia fra i banchi di Amici: se Alessandra Amoroso si dimostra dalle pagine di Vanity Fair piuttosto ignorantella su politica e costume, non sono da meno i suoi predecessori del talent di Canale 5, più volte colti in fallo dalla severa Mari, costretta, fra un errore di dizione e un altro, a rabbrividire per eventuali crimini grammaticali commessi nei confronti dei nostri verbi. E allora lode al ritorno in tv della teatralissima  Franca Leosini, che su Raitre è tornata a raccontare le sue Storie Maledette ogni sabato alle 23:45.

I racconti della Leosini, così come le sue domande, sono come una continua sfida al baratro in cui sembra cadere inesorabilmente l’Italiano del piccolo schermo. A sentire la professionalissima giornalista, sembra quasi che la consecutio temporum, il congiuntivo e le irregolarità più ostiche vantate dalla nostra grammatica riescano a prendere una boccata d’aria fresca. E allora viene spontaneo tifare per Franca Leosini, che non svolge soltanto il compito di informare, ma anche quello di ricordare ai telespettatori che la sintassi è viva, anche se versa in grave condizioni.

E pensare che la televisione italiana si è, giustamente, presa il merito di aver insegnato a leggere e a scrivere milioni di spettatori grazie alle storiche lezioni di Alberto Manzi in “Non è mai Troppo Tardi“.  E senza tirare in ballo il placito capuano, ma citando semplicemente chi l’italiano lo ha diffuso proprio attraverso il piccolo schermo, vogliamo lanciare l’appello per la salvaguardia della dignità della nostra lingua. Quel titolo diceva già tutto: non è mai troppo tardi!



Articoli che potrebbero interessarti


Roberta Bruzzone
Storie Maledette, Roberta Bruzzone vs Franca Leosini: «Non è aggiornata, errori durante la trasmissione». La giornalista replica


Storie Maledette - Franca Leosini
Storie Maledette: dagli «ardori lombari» ai «crateri di cellulite». Ecco le frasi cult della Leosini sul caso Scazzi


Franca Leosini
Franca Leosini a DM: «Ho studiato 10 mila pagine di processo per intervistare Sabrina e Cosima Misseri. Detesto la parola ‘femminicidio’»


Claudio Baglioni
I 10 programmi più attesi del 2018

16 Commenti dei lettori »

1. Peppe ha scritto:

15 ottobre 2009 alle 18:46

Mi piace tantissimo la LEOSINI e mi è piaciuta tantissimo allo show della CORTELLESI quando ha dimostrato di fronte alla sua IMITAZIONE di avere anche tanta ironia. Peccato che per lei non ci sia spazio in prima serata!!!!



2. BIG SISTER ha scritto:

15 ottobre 2009 alle 18:52

anche a me piace peppe!!!!!!!!!!! povero congiuntivo, è vero di questo basso credo che scomparirà, infatti su facebook ho condiviso un gruppo in cui si chiede di preservarlo! :D cavolo, non lo usa più nessuno!!!!!!!!



3. Davide Maggio ha scritto:

15 ottobre 2009 alle 19:06

@ Peppe: beh, non credo sia un personaggio da prima serata. E’ perfetta, secondo me, in seconda serata.



4. Rotolando verso Sud ha scritto:

15 ottobre 2009 alle 19:09

E’ un’icona la Leosini. Per quanto riguarda Uomini & Donne e vari salotti in cui l’italiano latita direi che questa cosa derivi soprattutto dalla poca cultura dei partecipanti. Dove sono le ragazza laureate? Non certo a corteggiare i tronisti.



5. Peppe ha scritto:

15 ottobre 2009 alle 19:11

Davide, non dico STORIE MALEDETTE, ma OMBRE SUL GIALLO andava in prima serata ed era adattissimo!!!!! Ecco, le sue interviste unite al TALK CON GLI OSPITI avevano reso quelle storie da prima serata, a mio avviso!



6. BIG SISTER ha scritto:

15 ottobre 2009 alle 19:13

no no meglio storie maledette, concordo con davide, in ombre sul giallo non mi sembrava così appassionata come nelle interviste dove lei è proprio una che domina, trasuda passione……… l’imitazione della cortellesi era stpenda secondo me!!!!!!!!!!



7. luigino ha scritto:

15 ottobre 2009 alle 19:43

eh ma in italiano nonè solo il congiuntivo a pagarne le conseguenza. anche il povero passato remoto ormai è diventao un rarità, specie in televisione. per esempio nelle interviste viene usato il passato e trapassato prossimo anche per vicende accadute tanti anni fa… fortuna che dalle mie parti il corretto uso dei verbi sopravvive tra la popolazione. Comunque trovo sempre interessanti le storie raccontate nel suo programma.



8. Peppe ha scritto:

15 ottobre 2009 alle 20:27

E’ vero luigino, il passato remoto di alcuni verbi NON LO CONOSCE NESSUNO! Tristezza! Dalle tua parti sopravvive in che senso? :D Tu di dove sei? :D



9. Markos ha scritto:

15 ottobre 2009 alle 21:44

Che bell’articolo! Biagio ti condivido in pieno!!

Tra l’altro il sabato appena posso vedo Storie Maledette, che mi affascina molto.



10. Biagio Chianese ha scritto:

15 ottobre 2009 alle 23:52

Grazie Markos! ; )



11. roberto ha scritto:

16 ottobre 2009 alle 08:45

Miss Italia disse subito di avr studiato recitazione!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!



12. roberto ha scritto:

16 ottobre 2009 alle 08:46

PASSATO REMOTO
Sapete cosa ti dicono a Milano se lo usi?
Che parli come un terrone!!!



13. ester ha scritto:

16 ottobre 2009 alle 09:42

bravo Biagio, un articolo che coglie in pieno la triste realtà del linguaggio televisivo e non solo
La sig.ra Leosini è la dimostrazione che cultura, intelligenza e professionalità sono doti che pochissimi personaggi televisivi possiedono
Pesone come lei, Augias, Minoli e aggiungo anche Baudo danno lustro alla nostra tv e una boccata d’ossigeno per noi, poveri utenti, sommersi da pattume di linguaggio e immagine
Solo rai2 propone pochi minuti la domenica mattina alla lingua italiana
Mi piacerebbe che tali rubriche fossero più presenti nella nostra televisione



14. roberto ha scritto:

16 ottobre 2009 alle 09:44

E, tanto per cambiare, li propone in versione pagliacciata, con sirena da ambulanza ed infermierine sexy…



15. Elisa ha scritto:

16 ottobre 2009 alle 11:31

Big Sister, anch’io sono iscritta a quel gruppo su f.b.!! :D

Adoro la Leosini e le sue trasmissioni… :) E sono completamente d’accordo con il commento di Ester, peccato che personaggi così che sono un vanto per la nostra TV sono sempre più messi da parte… :/



16. giovanni ha scritto:

25 ottobre 2009 alle 01:21

Mi spiace ma la Leosini non mi piace per niente, ho visto solo l’intervista a Nazareno Caporali accusato di aver ucciso la moglie e mi è bastata! Quanti gesti inutili, si vedeva distante un miglio che la Leosini era di parte, contro la persona che stava interrogando, che poi l’accusato abbia ucciso la moglie veramente o meno non centra, come giornalista dovrebbe rimanere obiettiva; lancia delle frecciatine e poi passa alla domanda successiva senza lasciare replica; di tanto in tanto dice frasi del tipo”questa lo dice lei”, “questa è una sua affermazione” e non dà fiducia all’interrogato e allora perchè fare domande a se a priori non ci crede? stai a casa che è meglio, quello che delude e che il pubblico si faccia incantare da un pò di gesti e inutili giri di parole, sostanza zero; è la classica persona che si fa vedere forte e sicura di sè, ma che non sarà mai vera finchè non si toglierà quelle ridicole maschere



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.