22
ottobre

MALTRATTAMENTO ANIMALI: DENUNCIATO ANCHE AFFARI TUOI

Affari tuoi (da lastampa.it)

Dopo Luciana Littizzetto (per maggiori info clicca qui), anche la trasmissione Affari tuoi è stata denunciata per maltrattamento animali. Come riporta Askanews, è la Lega Anti Vivisezione a rivolgersi alla Procura di Roma dopo l’utilizzo di un gufo reale incatenato nella trasmissione di Rai 1 condotta da Flavio Insinna.

Lav vs il gufo ad Affari Tuoi: le dichiarazioni

Secondo l’associazione, che ne chiede anche l’affidamento a un centro di recupero, l’animale è “ridotto a oggetto, privato delle sue primarie necessità etologiche, sottoposto a innaturali e potenti luci e rumori“.

È incredibile che si metta alla berlina un essere vivente, con un messaggio ridicolizzante, innanzitutto per chi lo propone, in barba alle normative di tutela di una specie, peraltro particolarmente protetta - afferma la Lav - il presidente Rai Anna Maria Tarantola e il direttore di RaiUno Giancarlo Leone blocchino subito questa partecipazione da parte di un privato sul quale chiediamo l’apertura di un’inchiesta del Corpo Forestale dello Stato, e permettano a veterinari indipendenti, non pagati dalla Rai, di tutelare davvero l’animale e porlo in salvo“.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


affari tuoi ultima puntata
Affari Tuoi “prende il volo” nell’ultima puntata


Affari Tuoi
AFFARI TUOI: LA NUOVA EDIZIONE RIPARTE ‘IN COPPIA’. TRA LE NOVITÀ IL PACCO ‘BRIVIDO’


Flavio Insinna
FLAVIO INSINNA A DM: “NON RIFARO’ BOSS IN INCOGNITO. CHI E’ ANTONIO RICCI? NON SO DI CHI TU STIA PARLANDO”


Affari Tuoi
LOTTERIA ITALIA: FLAVIO INSINNA ‘SCIPPA’ AD ANTONELLA CLERICI LO SPECIALE DEL 6 GENNAIO 2016

9 Commenti dei lettori »

1. MisterGrr ha scritto:

22 ottobre 2014 alle 16:42

Io li ho denunciati alla lega italiana protezione cervelli perché lo rinchiudono con catene strette per non usarlo, tipo in sti casi.

La gente sta veramente male



2. iki ha scritto:

22 ottobre 2014 alle 18:12

Siamo alla follia!



3. F@bry ha scritto:

22 ottobre 2014 alle 18:21

Ma gli animalisti non dovrebbero essere contro il “Circo” invece di farlo con queste pagliacciate? -.-



4. Luca ha scritto:

22 ottobre 2014 alle 18:42

allora dovrebbero denunciare anche striscia per i cani? assurdo



5. Groove ha scritto:

22 ottobre 2014 alle 19:42

Stanno esagerando, ho visto anche io il Gufo, la denuncia mi sembra veramente eccessiva e fuori luogo.



6. Giovanni ha scritto:

22 ottobre 2014 alle 20:02

Si ma qui stiamo esagerando! Quelli che maltrattano gli animali fanno ben ben ben peggio! Posso dire che ’sti animalisti hanno rotto le palle? Non hanno proprio un caz*o da fare nella vita?



7. fill ha scritto:

22 ottobre 2014 alle 20:18

ho letto che la littizzetto e’ indagata per aver portato in puntata (credo lo scorso dicembre) un maialino nero per commentare un fatto politico ora non ricordo bene… ma dico indagata?
ma animalisti cari, fatevi i … vostri!
lo avete visto o no che era su una bella cariola rosa e che nessuno lo ha toccato? e questo gufo quale sopruso puo’ mai aver subito?
va bene tutelare gli animali e spesso vi battete x giuste cause, ma datevi tregua e non esagerate.
io per esempio metterei al gabbio i padroni che truccano e parruccano i cani alle mostre, quelli si che sono da denuncia.



8. Matteo G. ha scritto:

22 ottobre 2014 alle 20:31

Basta!! Qua si rasenta la follia! Sti animalari del cavolo hanno rotto



9. marcko ha scritto:

22 ottobre 2014 alle 20:36

animali domestici tipo cani sono un conto, rapaci e animali selvatici un altro..
premetto che non ho visto il video,
ma non credo che un gufo reale stia tanto bene in una trasmissione tipo affari tuoi, con tanta gente, forti luci e musiche improvvise sparate a palla.

è vero, gli animalisti avrebbero anke altro di piu’ importante a cui pensare, ma cio’ non vuol dire che vada bene lasciar correre questi episodi, tanto piu’ se sono gratutiti e inutili come questo.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.