14
ottobre

UN MEDICO IN FAMIGLIA: IL SUCCESSO PASSA PER UN BUONISMO CHE FA SPERARE, MA CHE SOMIGLIA ALL’IMPOSSIBILE.

UN MEDICO IN FAMIGLIA RAGIONI DI UN SUCCESSO

Il medico di Raiuno ne ha passate di ogni; decimo anno di messa in onda, qualche ritorno nel cast, la (semi)perdita del nonno più amato di tutti gli italiani e gli eventuali spostamenti in palinsesto.

Eppure, nonostante tutti i cambiamenti che si sono abbattuti come cicloni in questi anni sulla fiction di Nonno Libero (Lino Banfi), Un Medico in famiglia resta un prodotto godibilissimo e di successo. Gli elementi atti a garantirne la popolarità sono i più disparati, dalla commedia che culmina in evidenti picchi comici, alle storie d’amore che garantiscono alle spettatrici più sensibili l’immancabile lacrimuccia. E così, se anche di base la famiglia Martini resta quella felice e contenta di sempre, modello Mulino Bianco, in cui tutti i problemi si risolvono con un sorriso e tanta buona volontà, siamo pronti a perdonare il buonismo eccessivo ed edulcorato a tutti i costi.

Perchè in fondo il mondo perfetto di Poggio Fiorito non è altro che il mondo delle favole, con il suo relativo immaginario infantile, che prima ancora di apparirci come surreale ci sembra anche molto rassicurante. Rassicurano il mondo di plastica costruito come nel più finto degli spot pubblicitari, con i suoi viali tranquilli e la sua clinica pulita e super funzionante; rassicurano i buoni sentimenti, quelli delle storie d’amore pulite e trasparenti, in cui la fiducia si mescola con l’onestà, in un walzer di storie da sogno che, manco a dirlo, non conoscono crisi degne di questo nome; rassicura il fatto di veder crescere i personaggi, accompagnandoli in un viaggio che ha aiutato a fidelizzare il pubblico. Ma il paradosso profuma di impossibile, e alcuni tratti della serie riescono a peccare di fantascienza anche in un quadro di generale artificiosità.

In primis il personaggio di Ciccio, attualmente alle prese con una cotta per una ragazza incontrata al maneggio. Messe da parte le scarsi doti recitative di Michael Cadeddu, che vengono sottolineate continuamente dal paragone con altri attori della serie, decisamente più dotati, ci è apparsa quantomeno strana la situazione nella quale è stato posto nei primi episodi di questa sesta stagione. Il ragazzo, infatti, appena ventenne, è destinato alla gestione di un agriturismo in Puglia, sta per andare incontro ad un improbabile matrimonio (con Miranda, che lo mollerà sull’altare), e cade dunque in una crisi che sembra piuttosto adolescenziale. Come dire? Un universitario adultizzato con i sentimenti di un teenager. Stridente miscuglio, alquanto destabilizzante.

E poi c’è la scomparsa di Emilio, il medico protagonista della scorsa stagione, interpretato da David Sebasti e caduto nell’elenco dei dimenticati con tutta la famiglia indiana che era stata al centro delle vicende di Poggio Fiorito nella quinta stagione, desaparecida senza troppe spiegazioni e senza che nessuno ne faccia mai parola; d’altraparte Alice, protagonista femminile degli esordi della fiction interpretata da Claudia Pandolfi, quasi non viene più considerata da nessuno dei personaggi. Per non parlare degli improbabili, e francamente un pò ridicoli sogni, in cui Cettina appare come una sirena, dopo essere scomparsa in un naufragio, o della ancor più strana e improvvisa entrata in scena di Ave, madre di Guido Zanin intepretata dalla brava Emanuela Grimalda, che, per non farsi mancare niente, in questa stessa serie aveva già vestito i panni di Milena, una vecchia fiamma di Torello.

Insomma, se da un lato il Medico in Famiglia piace perchè in grado di dare l’illusione di un mondo in cui il bene trionfa e i mulini bianchi non sono soltanto quelli in cui si lavora il grano nelle pubblicità, dall’altra ha sicuramente la pecca di esagerare. Perchè tutto sommato il bello, con relativa bontà, calma e serenità, quando è portato all’esasperazione stanca e troppe volte infastidisce. In vista di una nuova stagione, sempre più probabile dati gli ascolti generosi di quest’annata, consigliamo agli sceneggiatori di ritoccare il tutto, magari mettendoci un pizzico di sadismo. Perchè umanizzare la realtà della famiglia Martini, facendola piombare anche in una bella crisi dalle tinte drammatiche, potrebbe avvicinare ancora di più il pubblico. E perchè no, divertirlo.



Articoli che potrebbero interessarti


medico-in-famiglia-7
UN MEDICO IN FAMIGLIA: E’ ARRIVATA LA CRISI DEL SETTIMO ANNO?


Un Medico in Famiglia 7, il cast
UN MEDICO IN FAMIGLIA 7 AL VIA DOMANI SERA SU RAI 1. GRANDI ASSENTI LINO BANFI E PIETRO SERMONTI


UN MEDICO IN FAMIGLIA 6 ultimi episodi: "Ci vorrebbe un amico", "Fuga d'amore"
UN MEDICO IN FAMIGLIA 6, STASERA GLI ULTIMI EPISODI: CRONACA DI UN SUCCESSO ANNUNCIATO E TRASVERSALE


unmedicoinfamiglia6_fsd42da
UN MEDICO IN FAMIGLIA 6: TORNA LELE, NONNO LIBERO ANNUNCIA L’ADDIO E CETTINA SCOMPARE IN UN NAUFRAGIO

12 Commenti dei lettori »

1. Mattia Buonocore ha scritto:

14 ottobre 2009 alle 17:07

Fosse per me un medico in famiglia sparirebbe dalla faccia della televisione :D. Capisco il successo e purtroppo me ne dolgo…



2. Andrea ha scritto:

14 ottobre 2009 alle 17:19

beh se cosi sta avendo ascolti vuol dire ke le persone lo vogliono cosi …xkè cambiare ! saluti !



3. Peppe ha scritto:

14 ottobre 2009 alle 17:23

Ci piace così, stucchevole e zuccheroso. CERTO CHE A VOLTE E’ ASSURDO! Sono davvero la famiglia del mulino bianco, TROPPO MULINO BIANCO! Per quanto riguarda CICCIO, è vero, recita di un maaaaaaaaaale! Ieri quando ha ricevuto la telefonata che gli diceva che MARIA aveva partorito ha recitato così male che era IMBARAZZANTE!



4. BIG SISTER ha scritto:

14 ottobre 2009 alle 17:24

l’importante è sapere che una vita così non esiste……… però ogni tanto sognare fa bene!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! :)



5. MIKII ha scritto:

14 ottobre 2009 alle 17:34

Ma mi spiegate anche il ruolo di rosanna banfi???

l’anno scorso era una scrittrice di successo, mentre adesso è ritornata a fare l’infermiera…..qualcuno mi sà spiegare il xk o quanto meno cosa le è successo???????????????????????????????????’



6. Peppe ha scritto:

14 ottobre 2009 alle 17:41

MIKII quello è stato spiegato….. infatti anche in questa serie lei ha parlato del fatto di essere stata una scrittrice di successo poi per amore del suo lavoro è tornata in ospedale!!!!!!! come dice BIAGIO in questo pezzo, è un pò fantascientifico ma il MEDICO IN FAMIGLIA è così, non facciamoci troppe domande! hahahahahahha! :D



7. Pietro ha scritto:

14 ottobre 2009 alle 19:43

Al contrario della scorsa stagione che non mi era piaciuta un granchè (apparte il cambiamento di Maria), questa mi piace assai. E devo spezzare una lancia in favore di Ave, la madre di Guido. Ogni volta che la vedo mi fa una tenerezza assurda e l’attrice è proprio brava, come se vivesse lei quegli stati d’animo terrificanti di una madre rigettata.



8. Peppe ha scritto:

14 ottobre 2009 alle 19:55

Infatti PIETRO concordo, bravissima l’attrice che interpreta AVE, anche se il suo personaggio è forse un pò troppo CARICATURALE, ma come chiunque in quella fiction!



9. des ha scritto:

14 ottobre 2009 alle 20:30

beh si era già capito che all’autore di questo post il medico nn piaceva.. io nn lo trovo fantascientifico come dite, anzi!!!! anzora con queste definizioni da mulino bianco… !!chissà perchè i sesaroni v piacciono e un medico no



10. Cenzo ha scritto:

14 ottobre 2009 alle 21:36

Oddio Ciccio, è così da sempre…… Voleva sposarsi già nella quinta serie, ora ci ha provato seriamente….. Sembra così strano che un neolaureato voglia sposarsi e aprire un agriturismo? L’abbandono sull’altare, invece lo trovo un pò forzato, ma è da film…….

Su Emilio e gli indiani, è vero ci poteva quantomeno stare una premessa…… Ma si capisce che si sono trasferiti! Ma non fanno parte della famiglia Martini, perchè citarli spesso?

Su Alice è stata più citata in questa serie, che in tutte le precedenti messe assieme!!! State attenti!!!!!

Su Cettina è vero, potevano trovà una scusa migliore, per farla apparì col contagoccie.. è una nota stonata.. perchè potevano giustificà in tanti modi…..Vedremo se la scusa del ritorno sarà migliore!

Su Ave, pensavo peggio, invece è una storia affascinante e purtroppo sempre più d’attualità…..

Sarà una famiglia un pò mulino bianco, ma la loro dose di sfortuna, c’è l’hanno anche loro…



11. GIULIA ha scritto:

14 ottobre 2009 alle 22:23

UN MEDICO IN FAMIGLIA è BELLIXMIO



12. sara ha scritto:

25 novembre 2009 alle 21:33

|| caiaol



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.