26
agosto

ICE BUCKET CHALLENGE – LUCIANA LITTIZZETTO: NON SONO TIRCHIA. PENSAVO SI ADERISSE CON 100 EURO

#IceBucketChallenge - Luciana Littizzetto con i 100 euro

Impegnata in questi giorni sul set della nuova stagione di Fuoriclasse, Luciana Littizzetto rivela di essere stata sommersa di telefonate a causa del suo “povero” Ice Bucket Challenge. Prima di ricevere l’ormai famigerata secchiata d’acqua, nel video (eccolo) la futura giurata di Italia’s got talent mostra i 100 euro che donerà a favore della ricerca sulla Sla (qui 10 imperdibili ice bucket challenge vip). Il mondo social, da Twitter a Facebook, è insorto additandola come una tirchia. E lei, attraverso Repubblica, ha deciso di dire la sua.

Ice Bucket Challenge – Luciana Littizzetto: pensavo si aderisse con 100 euro, sono stata ingenua

Luciana Littizzetto, che nella “catena” benefica è stata nominata da Fabio Fazio (e lei a sua volta volta ha nominato Claudio Bisio e la Gialappa’s), si giustifica spiegando che 100 euro pensava fosse la cifra necessaria per partecipare alla raccolta.

“Mi dispiace tanto. Ora qualcuno nei commenti scrive che sono tirchia, che mi sono sprecata, e altre cattiverie. Retropensieri malevoli. Simbolicamente quei cento euro per me hanno un senso, pensavo si aderisse al gioco con quella cifra e mostrarli, semplicemente, significava dire: donateli anche voi. Sono stata ingenua, è una colpa? [...] e mi vergogno a dire che ho sbagliato… Va bene, ho sbagliato. Potrei permettermi molto di più e farò di più, questo è certo. Ma è un  problema mio, non deve interessare nessun altro”.

Una giustificazione che non la “assolve” appieno: più che ingenuità, forse c’è stata superficialità. Da quando c’è un tetto massimo per la beneficenza? Dopo il “pentimento”, Luciana passa all’attacco e si scaglia contro le reazioni eccessive del web – che per una volta non ha preso le sue difese – dinnanzi alla sua (presunta) tircheria.

Ice Bucket Challenge – Littizzetto: questa violenza sul web mi lascia senza parole

“Non sono né su Facebook e né su Twitter. Le reazioni mi sembrano violente, e cado dal pero. Perché le persone devono sempre pensare male? Ma le pare che sbandiero in giro la beneficenza che faccio o i soldi che do? [...] Faccio tante cose per il prossimo senza pubblicizzarle, mi sembra più giusto così. Si può fare del bene in tanti modi. Per le buone cause va bene tutto. Solo che questa violenza sul web mi lascia senza parole. Perché le cose fatte a fin di bene devono avere un risvolto a fin di male?”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Instagram Luciana Littizzetto
Luciana Littizzetto attacca Paramount Channel per la pubblicità di Happy Days pensata per le donne


Ballando con le stelle - cast completo 2017
Ballando con le Stelle 2017 VS C’è Posta per Te: riuscirà il colpaccio alla Carlucci? De Filippi punta su Littizzetto, Ventura e Bradley Cooper


Luciana Littizzetto
Luciana Littizzetto a DM: “Non ho mai firmato esclusive nella mia carriera. Uno show tutto mio? Sto bene dove sto”


Italia's got talent 2017 (cast) - 2
Italia’s Got Talent 2017: Golden Buzzer per Lodovica Comello. Ospiti Fabio Fazio e Beppe Fiorello

13 Commenti dei lettori »

1. pig ha scritto:

26 agosto 2014 alle 13:08

Va bene, la perdoniamo :)

Che è stata ingenua è sicuro, però è anche vero che in America questa moda è partita per donare 100 dollari ciascuno. Pure Obama ha dichiarato che dava 100 dollari senza però fare la doccia



2. maxsa ha scritto:

26 agosto 2014 alle 13:19

Poi tutti vi siete soffermati sulle banconote e nessuno sul “dedicato a Silvia” (una sua amica malata): se dà 100 euro al mese da anni deve venire a raccontarlo a noi? -.-



3. iki ha scritto:

26 agosto 2014 alle 13:32

Accanimento ingiusto a mio parere contro la Littizzetto.
È stata davvero molto carina con la dedica all’amica.
Brava Luciana



4. Irene ha scritto:

26 agosto 2014 alle 13:42

Vi sbagliate: le regole originarie prevedevano un importo di 100$ (qui €). Persino Obama ha donato quella cifra, che ovviamente è SIMBOLICA.
Quindi la Littizzetto, a differenza di tutti gli altri, è l’unica ad essersi informata davvero sulle regole. Peccato che poi pochi le abbiano seguite, essendosi diffuso il ‘gioco’ a macchia d’olio anche oltreoceano. E quindi ora lei deve scusarsi, dopo essere stata offesa da cattiverie senza senso…che bel paese, dove la gente trova solo il male nel bene..



5. Luca11 ha scritto:

26 agosto 2014 alle 14:42

Ricalco i commenti precedenti.. Assurdo che debba scusarsi l’unica persona che si sia informata e che non abbia fatto questo “gioco” per pubblicità o moda.. Tutti quelli che hanno scritto probabilmente non se ne fregano nulla della Sla e hanno vissuto questa iniziativa come la moda del momento.. Chissà se hanno donato anche un solo euro alla causa..
Brava Luciana, hai tutta la mia stima e il mio rispetto..



6. giacomo bartoluccio ha scritto:

26 agosto 2014 alle 15:24

siamo alla caccia alle streghe. Il brutto del web e dei social forum.
Ma parliamo di quei vip che hanno partecipato per dire io c’ero ed apparire e poi non hanno versato nulla ? Secondo me sono tanti



7. fill ha scritto:

26 agosto 2014 alle 16:11

la tettona volgarotta frusciante quanto ha donato? o meglio quanto le ritorna in apparenza a lei e molti altri che hanno aderito a questa c..zata?
non si fa prima a mettere mano al portafoglio senza passare x inutili e fastidiosi esibizionismi? senza contare che i soldi x la ricerca sulle malattie dovrebbero venir fuori senza i piccoli o grandi sacrifici della gente, magari da “megalauti” compensi x artisti, calciatori…politici ecc ecc…



8. Nina ha scritto:

26 agosto 2014 alle 16:30

Peggio la toppa del buco!



9. max79 ha scritto:

26 agosto 2014 alle 17:22

secondo me il gioco è donare 100 euro e li ha donati, magari i suoi 100.000 euro l’anno li dona x altro. Non è che adesso con tutto il rispetto per la Sla ci dobbiamo scordare che di malattie ne esistono a migliaiam lei per quanto riguarda la sla e il gioco ha fatto la sua parte, poi l’altra beneficenza che fa se la fa da privata.
Aggiungo che sarebbe brutto vedere vip che ti sventolano 2.000 euro, invece i 100 ci rendono tutti uguali, tutti ci facciamo la doccia e diamo 100 euro.



10. Nina ha scritto:

26 agosto 2014 alle 17:35

Io sono stupita dello stupore che manifestano i wips quando vengono presi di mira dal web “Ohhhh quanta violenza signora mia”, ma vi svegliate solo adesso perchè è capitato a voi? Ipocriti.



11. Mattia Buonocore ha scritto:

26 agosto 2014 alle 17:43

Siccome non esiste solo la Sla, lei può anche decidere di donare 100 euro alla causa perchè ne sostiene tantissime. Meglio una che donna 100 euro a 20 cause, piuttosto che 5.000 euro ad una causa. Penso comunque a cosa avrebbe detto a Che Tempo Che Fa a proposito, non so, di qualche ministro col braccino corto quando si tratta di beneficenza.



12. Ba Lordo ha scritto:

27 agosto 2014 alle 07:33

Alcuni anni fa lavoravo in un esercizio commerciale di un aeroporto. Luciana e il suo compagno vennero da me per usufruire di un servizio. Ero visibilmente stanco, eravamo vicini all’ora di chiusura ed evidentemente si vedeva che non ero particolarmente in forma, ma facevo regolarmente il mio lavoro. Mentre compilavo la modulistica necessaria per completare l’operazione Luciana si è allontanata, lasciando nel punto vendita il compagno. Al suo ritorno aveva con se una bibita in lattina per me, me la diede dicendo “cosi si tira un po su se ha ancora tante ore da passare qui dentro”. Non c’entra nulla con la tirchieria presunta, i cento euro ecc.. è vero, ma quel gesto inaspettato e spontaneo mi ha sempre lasciato un bel ricordo della Signora Littizzetto.



13. Michele87 ha scritto:

27 agosto 2014 alle 12:51

La Littizzetto ha scoperto che sul web ci può essere una violenza smisurata….. Qualcuno l’ha avvertita che adesso l’acqua può essere portata a temperature alte?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.