25
luglio

BSKYB COMPRA SKY ITALIA PER 2,6 MILIARDI DI EURO. NASCE LA PRIMA PAY TV MULTINAZIONALE EUROPEA

Rupert Murdoch

(ANSA, 25 luglio 2014) BSkyB ha raggiunto un accordo con la Fox per acquistarne il suo 100% in Sky Italia e il 57,4% in Sky Deutschland. La controllata italiana di Murdoch viene valutata 2,45 miliardi di sterline, pari a circa 3 miliardi di euro. Lo comunica BSkyB annunciando così la nascita della prima pay tv multinazionale europea.

BSkyB compra Sky Italia: i dettagli dell’operazione

Per l’acquisizione delle attività di Sky in Italia BSkyB riconoscerà più nel dettaglio alla Fox 2,07 miliardi di sterline (2,06 miliardi di euro) girandole anche la sua quota del 21% di National Geographic Channel, valutata 382 milioni di sterline (482 milioni di euro). Il prezzo in contanti per l’acquisizione della quota in Sky Deutschland è invece di 2,9 miliardi di sterline (3,6 miliardi di euro), valutando la società quotata alla Borsa di Francoforte 6,75 euro per azione. BSkyB lancerà quindi un’offerta incondizionata sulle quote restanti della società.

Nel caso di un’integrale adesione all’Opa, l’intero riassetto può comportare per BSkyB un esborso totale in contanti fino a 7 miliardi di sterline, pari a 8,84 miliardi di euro. BSky afferma di attendersi a regime sinergie per 200 milioni di sterline (252 milioni di euro) l’anno, per la fine del secondo bilancio di esercizio dal completamento del riassetto, con ulteriori sinergie possibili successivamente.

BSkyB compra Sky Italia: i benefici

I benefici più significativi, spiega, saranno possibili nel Regno Unito e in Italia. Oltre che nell’acquisizione dei diritti televisivi sui programmi, sono attesi risparmi anche nella produzione di eventi live, nei sistemi It di back office, nelle commesse, e col tempo nello sviluppo dei programmi e dei set top box. L’effetto sui costi stimato da tali sinergie dal management della società è nell’ordine dei 150 milioni di sterline (189 milioni di euro). BSkyB ha anche annunciato oggi i risultati del bilancio di esercizio concluso a fine giugno. Il gruppo ha segnato ricavi per 7.611 milioni di sterline, con una crescita del 6,5%, un margine operativo lordo di 1.667 milioni (-1,5%) e un utile operativo di 1.260 milioni (-5,3%). Invariato a 60 pence l’utile per azione ‘adjusted’, con un 7% di crescita nel dividendo, fissato a 32 pence per azione.

La 21st Century Fox è integralmente controllata da Rupert Murdoch. Il magnate australiano possiede poi tramite Fox il controllo del 39% di BSkyB. Il gruppo britannico aveva già annunciato un paio di mesi fa di avere all’esame un riassetto in Europa. Negli ultimi giorni erano emerse però indiscrezioni di un’accelerazione, mirata a fornire al tycoon i mezzi per alzare la maxi offerta da 80 miliardi di dollari su Time Warner, per la quale ha già ricevuto un rifiuto.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes


Articoli che potrebbero interessarti

Non ci sono articoli correlati

4 Commenti dei lettori »

1. luca ha scritto:

25 luglio 2014 alle 17:37

ma quindi con questa unione con bskyb noi vedremo i canali americani e tedeschi ?



2. iki ha scritto:

25 luglio 2014 alle 17:58

Murdoch ha capito che il suo grande impero News Corporation è iniziato ad essere scalfito.
Io mi auguro che non lieviti il prezzo dell’abbonamento



3. griser ha scritto:

25 luglio 2014 alle 19:04

Bello ora possiamo vedere le stesse cose dei tedeschi e degli inglesi. Quindi la champions ancora sarà necessario Premium? Credo proprio di no dato che Sky Germania ne aveva i diritti



4. Mattia Buonocore ha scritto:

25 luglio 2014 alle 19:08

@griser no. Sky Germania ha i diritti per la Germania, non per l’Italia.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.