18
luglio

STREGATI DALLA LUNA: RAI SCUOLA RIVIVE L’IMPRESA SPAZIALE IN DIRETTA

Uomo sulla luna, 1969

L’emozione del primo uomo sulla Luna vissuta in diretta, minuto per minuto. Ma quarantacinque anni dopo, come se il tempo si fosse fermato là, all’annuncio strillato al microfono da Tito Stagno: “ha toccato!”. Nell’anniversario esatto della storica impresa, Rai Scuola ripercorre e racconta la notte più lunga della televisione italiana, quella che accompagnò i telespettatori nello spazio. Dalle ore 21 di domenica 20 luglio, e fino alle 9 del giorno successivo, il canale 146 del dtt mostrerà senza sosta le immagini d’epoca nel corso dello speciale Stregati dalla Luna.

Stregati dalla Luna: su Rai Scuola le immagini inedite dello sbarco sulla Luna

Oggi come quarantacinque anni fa, il servizio pubblico racconterà la conquista della luna con approfondimenti, ospiti ed immagini di repertorio, con l’orologio sincronizzato al secondo con quella indimenticabile notte del 1969 (la successione e l’orario degli avvenimenti saranno rigidamente rispettati). A condurre la maratona lunare sarà Luigi Bignami, autore del programma assieme a Renzo Salvi e al regista Dario Barezzi. Nel corso del programma verranno proposti anche documenti inediti, come le immagini dell’allunaggio rielaborate dalla Nasa in alta risoluzione, che, a differenza di 45 anni fa, sono a colori e con il sonoro originale tradotto in italiano. Un modo per attualizzare il ricordo di quell’impresa e per renderlo accessibile alle nuove generazioni.

Stregati dalla Luna: gli ospiti dello speciale di Rai Scuola

Tra gli ospiti in istudio ci saranno gli scienziati dell’Università di Pavia Chiara Domeneghetti e Cesare Perotti, che hanno analizzato frammenti di superficie lunare, e il direttore del Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano, Fiorenzo Galli, che mostrerà per la prima volta la tuta che i russi avrebbero utilizzato se fossero arrivati per primi sulla Luna. Il fotografo Edo Prando, invece, spiegherà come vennero scattate le fotografie dello sbarco, smontando la teoria complottista sull’allunaggio, secondo cui l’impresa sarebbe stata una messa in scena.

Lo speciale Stregati dalla luna sarà arricchito da racconti inediti, come quello di Tito Stagno, che condusse la diretta di quella lunga notte del ‘69.

“Per l’occasione la Rai aveva allestito un grande studio normalmente usato per il varietà, con 150 ospiti e schermi giganti dove seguire le immagini che arrivavano dallo spazio e i collegamenti da Houston con Ruggero Orlando.  Per i break, in cui non ci sarebbero stati contatti con l’Apollo 11 perché gli astronauti dormivano o erano troppo impegnati per dialogare con la Terra, ci eravamo preparati: il regista Mario Conti e Aldo Falivena, il responsabile del programma, riuscirono a riempirli con film di fantascienza, commedie quasi improvvisate e addirittura sfilate di moda. Ne ricordo una con un’indossatrice dal nome Luna”

ha testimoniato il conduttore nello speciale di Rai Scuola. Anche il direttore del Corriere della Sera, Ferruccio De Bortoli, i giornalisti Umberto Brindani, Andrea Monti e il conduttore di Caterpillar Massimo Cirri daranno il loro personale ricordo sulla notte della storica impresa.

L’appuntamento con Stregati dalla Luna è alle ore 21 di domenica 20 luglio e fino alle 9 del giorno successivo su Rai Scuola.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Rai Edu
RAI EDU (RAI STORIA E RAI SCUOLA), PALINSESTI AUTUNNO 2013


Questa è la mia vita
QUESTA E’ LA MIA VITA: I PROTAGONISTI DEL GRANDE TEATRO ITALIANO SI RACCONTANO IN TV


Philae sulka cometa
IL GIORNO DELLA COMETA: LO SBARCO DI UNA SONDA SU UNA COMETA, IN DIRETTA SU RAI SCUOLA


rai_scuola
RAI SCUOLA DIVENTA RAI QUARK. SI TENTA LA SFIDA A FOCUS?

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.