21
giugno

GRAFFITI: SETTIMANA DAL 17 AL 23 GIUGNO. LA RUOTA MUNDIAL, DOMENICA5 CON LICIA COLO’, FESTIVALBAU, ANNA CIRO E COMPAGNIA…

Renzo Arbore

Nuovo appuntamento con Graffiti, la nostra rubrica dedicata al passato della tv, che in questa settimana non può non parlare dei Mondiali di Calcio, ricordando la Festa Azzurra organizzata da Renzo Arbore al Madison Square Garden di New York in diretta su Rai1 nel 1994, gli ascolti di quel mondiale americano, e il debutto de La Ruota Mundial, versione speciale della più nota Ruota della Fortuna. Tra le curiosità presenti nella settimana che va dal 17 al 23 giugno, anche l’ingiustamente dimenticata serie tv per ragazzi Anna, Ciro e compagnia, in onda su Tv2 nel 1982, una Domenica 5 dei primi anni ’90, un’improbabile FestivalBau, che scatenò polemiche tra Rai e Fininvest nel 1995, ed una trasmissione decisamente all’avanguardia come Tiro Incrociato, in onda sul canale Nazionale nel lontano 1954.

17 giugno 1966: Canzoni targate Milano

Venerdì 17 giugno 1966 sul Secondo Programma (Rai2) alle 22,00, va in onda lo spettacolo musicale Canzoni targate Milano. La trasmissione, ideata e diretta da Enzo Trapani, è girata interamente in esterni, ed è realizzata nei luoghi più significativi di Milano. Da Piazza del Duomo a San Siro, da Via Montenapoleone alla Stazione Centrale. Conduttrice della trasmissione è Ingrid Schoeller, che nel suo itinerario incontrerà dodici cantanti italiani e stranieri. Tra questi figurano Isabella Jannetti, che canta Vivrei di Pane, i Marcellos Ferial, impegnati in una particolare versione della ballata di Tom Dollar, ed ancora Mark Arjean, Mario Zelinotti, Little Tony, Sacha Distel, Anna e Angela Mazzanti, Tony Cucchiara, Vasso Ovale, Enrico Macias, e Nini Rosso.

18 giugno 1994: La Ruota Mundial

Estate di lavoro per l’infaticabile Mike Bongiorno che, in occasione dei mondiali di calcio Usa 94, propone da sabato 18 giugno La Ruota Mundial, una speciale versione in prima serata de La Ruota della Fortuna. La trasmissione, in onda per 5 sabati, dalle 20.40 alle 21.40, ha come concorrenti soltanto personaggi del mondo calcistico. I tre concorrenti della prima puntata sono Fabio Fazio, Maurizio Mosca e Suor Paola. Quest’ultima si porterà a casa la vittoria. Nelle puntate successive partecipano, tra gli altri, Candido Cannavò, Franco Causio, Idris, Roberto Bettega, Giampiero Boniperti e Carolina Morace. Al fianco di Mike troviamo ancora una volta Paola Barale, per l’occasione vestita con un abbigliamento sportivo composto di short bianchi e maglietta azzurra, e l’animatore Damiano Gagliani, nelle vesti di arbitro. Il programma ottiene buoni consensi, portando a casa, contro le partite trasmesse dalla Rai, una media di oltre 3 milioni.

19 giugno 1994: Festa Azzurra con Renzo Arbore

Domenica 19 giugno 1994 alle 20,40 su Rai1 va in onda Festa Azzurra, una serata speciale in diretta dal Madison Square Garden di New York. Lo spettacolo, realizzato in onore della nostra Nazionale di calcio impegnata nei Mondiali Usa ’94 e presente alla serata, vede come padrone di casa Renzo Arbore. Al suo fianco l’immancabile Orchestra Italiana e numerosi ospiti. Tra questi Gigi Proietti, Ornella Muti, Lucio Dalla, Ray Charles e Grace Jones. La regia è affidata a Pino Leoni.

20 giugno 1995: FestivalBau con Banfi e Fenech

Martedì 20 giugno 1995 Lino Banfi e Edwige Fenech, in diretta dal Roof del Teatro Ariston di Sanremo, conducono in prima serata su Rai1 il FestivalBau, un concorso internazionale di bellezza canina. In gara 56 cani di varie razze, vincitori di concorsi internazionali, giudicati da una giuria composta da giudici dell’ente cinofilo Enci e dai telespettatori a casa con il televoto. Al vincitore sarà consegnata una statuetta raffigurante il”Telecane dell’anno”. Nella trasmissione è previsto anche l’angolo Cercasi padrone, nel quale un centralone telefonico con numero verde consentirà al pubblico da casa di contribuire all’adozione a distanza dei cani ospitati nei vari canini. Il programma, a firma di Castellano e Pipolo, dà vita all’ennesima polemica tra Rai e Mediaset, come riportato dal quotidiano La Stampa del 16 giugno 1995.

Tra la Rai e la Fininvest è guerra pure sui cani. Dopo moda, miss, barzellette e «piazze», Rai e Fininvest si contendono i cani. A Gigi Reggi, capostruttura varietà e speciali della Fininvest, non è andato giù l’annuncio di Brando Giordani, direttore di Raiuno, dell’imminente serata FestivalBau, dedicata ai cani.

“Vorrei far notare la scarsa originalità dimostrata dalla Rai. Da due stagioni con Stelle a 4 zampe, Canale 5 trasmette una gara di bellezza canina. Questo Festival Bau da Sanremo il 20 giugno è esattamente la stessa cosa. E anche noi facevamo una specie di gara per adottare i cani abbandonati. Non vorrei che pure su questo arrivasse l’inflazione che ha già colpito altri temi. Dai cani poi passeremo ai gatti… E pensare che è la Fininvest di solito ad essere accusata di copiare la Rai.”

A Reggi risponde Mario Maffucci, allora capostruttura di Raiuno:

“Siamo liberi di occuparci di cani e di gatti. Se abbiamo copiato, la Fininvest lo dica dopo averci visto. Reggi è attualmente diviso tra Bravissima e Moda Montecarlo, trasmissioni che ci sembrano vagamente ricordare famosi programmi Rai…Possiamo garantire che, d’accordo con Piero Angela, studieremo il Gran Festival degli Ippopotami, Giraffe e Topi Campagnoli in coproduzione con la Walt Disney, perché, come è noto, a Raiuno pensiamo sempre in grande.”

21 giugno 1982: Anna, Ciro e compagnia

Tutti i lunedì alle 18,05, nella fascia oraria dedicata ai ragazzi, va in onda su Tv2 (Rai2) la serie tv Anna, Ciro e compagnia. Il telefilm in 13 episodi è ideato e diretto da Mario Caiano, affiancato nella stesura della sceneggiatura da Marcello Argilli. La storia ha per protagonisti tre pre-adolescenti romani, che in ogni episodio si trovano alle prese con piccoli e grandi problemi quotidiani legati alla loro età. Rispetto ad altre produzioni per ragazzi, lo stile di Anna, Ciro e compagnia è molto più realista. Cariddi Nardulli e i fratelli Francesco e Giuseppe Pezzulli, i 3 giovani attori protagonisti, sono, infatti, ripresi spesso in ambienti esterni, e lasciati recitare in modo molto spontaneo. Nel cast, nel ruolo della zia dell’orfanella Anna, troviamo Milena Vukotic. Curiosità: la serie fu venduta in diversi paesi europei, ottenendo un buon successo.

22 giugno 1954: Tiro Incrociato

Una nota personalità legata al mondo dell’arte, dello spettacolo, dello sport, della politica e dell’industria, viene sottoposta ad una serie di domande formulate da 4 nomi del giornalismo italiano. E’ questo l’ingrediente principale di Tiro Incrociato, l’appuntamento di seconda serata del martedì del canale Nazionale. Il programma, della durata di circa mezz’ora, in onda dalle 22.40, offre interviste fuori dal convenzionale, grazie a domande schiette e per l’epoca decisamente spregiudicate. Una formula innovativa, copiata in seguito da tantissime altre trasmissioni.

23 giugno 1991: Domenica 5 con Licia Colò e Antonella Vianini

Domenica 23 giugno 1991, dopo 13 puntate, termina Domenica 5, il contenitore del mattino festivo di Canale5 condotto da Licia Colò e Antonella Vianini. La trasmissione, in onda per due ore a partire dalla 9.15, alterna rubriche di salute e benessere a spazi amarcord, interviste in studio e collegamenti in giro per l’Italia. Visto il successo, il programma sarà riconfermato la stagione successiva con la conduzione della sola Vianini, passando però dalla domenica al sabato, con il conseguente nuovo titolo Sabato 5.

Auditel Story – La top ten degli ascolti della settimana dal 18 al 23 giugno 1994

Italia – Norvegia – Mondiali di calcio Usa ’94 – Rai1 – 22.421.000 spettatori

Italia – Eire – Mondiali di calcio Usa ’94 – Rai1 – 20.073.000 spettatori

Brasile – Russia – Mondiali di calcio Usa ’94 – Rai1 – 9.745.000 spettatori

Germania – Spagna – Mondiali di calcio Usa ’94 – Rai1 – 9.189.000 spettatori

Serata Mondiale – Show + Sport –  Rai1 – 8.275.000 spettatori

Serata Mondiale – Show + Sport – Rai – 7.805.000 spettatori

Norvegia – Messico – Mondiali di calcio Usa ’94 – Rai2 – 6.516.000 spettatori

Romania – Svizzera – Mondiali di calcio Usa ’94 – Rai3 – 6.181.000 spettatori

Argentina – Grecia – Mondiali di calcio Usa ’94 – Rai2 – 5.766.000 spettatori

Stranamore – Show – Canale5 – 5.675.000 spettatori

La copertina della settimana

Pippo Baudo, Mike Bongiorno, Enzo Tortora - Mondiali '82

Avete quesiti e curiosità legate alla tv del passato? Suggerimenti per la nostra rubrica Graffiti? Scriveteci a redazioneATdavidemaggio.it

Fonti: Archivio La Repubblica, Archivio Il Corriere della Sera, Archivio L’Unità, Archivio La Stampa, Teche Rai, Tv Radio Corriere, Tv Sorrisi e Canzoni.



Articoli che potrebbero interessarti


Stefania Sandrelli
Graffiti Speciale «Miss Italia»: aneddoti, curiosità, e scandali del celebre concorso di bellezza/1


Messico 86
GRAFFITI: SETTIMANA DAL 24 AL 30 GIUGNO. IL TRAPPOLONE, ZIG ZAG, A PRANZO CON WILMA, PADRE MARIANO, E… L’ANTENATO DI LUCIGNOLO


Mike
GRAFFITI: SETTIMANA DAL 10 AL 16 GIUGNO. IL MALORE DI MODUGNO, IL DEBUTTO AI FORNELLI DELLA CLERICI, LE SCOLLATURE DELLA CORI


Bellucci
GRAFFITI: SETTIMANA DAL 26 MAGGIO AL 1° GIUGNO. NASCE PORTOBELLO, IL DEBUTTO D’ATTRICE DI MONICA BELLUCCI, AMBRA VS DALLA CHIESA, POKER DI MAGGIO CON LA CIUFFINI

4 Commenti dei lettori »

1. nico93 ha scritto:

21 giugno 2014 alle 16:04

Non sapevo che il titolo “Domenica 5″ era stato usato anche per la mattina….



2. Michele87 ha scritto:

21 giugno 2014 alle 16:36

Insomma la Mediaset degli ultimi anni non è originale nemmeno nello scegliere i titoli dei propri programmi (il riciclato Domenica 5)….

Ah gli sceneggiati per ragazzi, i bei tempi quando per la Rai esistevano anche i giovani e non solo le donne dai 65 anni in sù…



3. aleimpe ha scritto:

21 giugno 2014 alle 18:42

Domenica 5 del 1991 era una quasi diretta ?



4. zil ha scritto:

22 giugno 2014 alle 08:14

Ottimo dossier sulle serie tv all’interno del nuovo numero di Focus: personaggi, costruzione trama, organizzazione e soprattutto che zone del nostro cervello stimolano…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.