18
giugno

FURORE 2 CI SARA’?

Furore - Francesco Testi e Massimiliano Morra

Ultimi sgoccioli di speranza e tumulti per Canale 5, che con questa sera saluta uno dei suoi maggiori successi seriali della stagione televisiva 2013/2014, Furore – Il Vento della Speranza. Sei puntate ambientate nell’Italia settentrionale degli anni ‘50, con il razzismo di classe ed il problema dell’immigrazione dal sud a fare da sfondo alle turbolente vicissitudini amorose (e non solo) dei fratelli Vito e Saruzzo Licata, rispettivamente interpretati dai due belli e impossibili Francesco Testi e Massimiliano Morra.

Furore: un successo targato Ares

In realtà una storia corale, con più protagonisti e più linee narrative all’interno che ha appassionato il pubblico dell’ammiraglia Mediaset nonché gli stessi attori, entusiasti del prodotto e forse già pronti a prendere parte ad un’eventuale seconda stagione. Di sicuro è pronto Tullio Solenghi, che con Furore è tornato ancora una volta alla fiction e che ha dichiarato di auspicare un nuovo capitolo delle vicende ambientate nella sua (cioè in quella del sindaco Belgrano, da lui interpretato) Lido Ligure.

Ma ci sarà davvero Furore 2? L’ufficialità ancora non c’è ma i buoni ascolti, uniti alla giusta tendenza al repeat dei successi targati Ares Film fanno propendere per un sì. Teodosio Losito (qui la sua polemica a mezzo stampa con il critico televisivo Aldo Grasso), lo sceneggiatore capo, non si è mai tirato indietro dinanzi alla possibilità di dare nuovo inchiostro alla sua penna e nuova linfa ai suoi personaggi, a volte anche a distanza di anni. Basti pensare che dopo oltre un decennio di stop sta lavorando alla nuova stagione de Il bello delle donne dove ritroveremo la furoriana Giuliana De Sio. E quindi?

Furore 2: una nuova saga per Mediaset?

Furore – Il Vento della speranza potrebbe andare ad aggiungersi alla lunga lista di saghe Canale 5 targate Ares – una su tutte L’Onore e il rispetto, presto in arrivo con la quarta stagione – dando vita se vogliamo ad un nuovo filone, quello più vicino al sociale e alla storia del nostro paese. Percorso già iniziato con Pupetta, Rodolfo Valentino e Baciamo le mani – Palermo New York 1958 che, però, difficilmente vedrà un seguito.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Una Vita
Una Vita: Cayetana pensa al suicidio – Anticipazioni


Ridiculousness Italia 2017
Ridiculousness Italia: Il Pagante inaugura la seconda stagione


Parla con Lei - Seconda stagione
Parla con Lei: al via su Fox Life, la seconda stagione apre alle coppie gay


Legends of Tomorrow
Legends of Tomorrow: nuovi viaggi nel tempo su Premium Action

2 Commenti dei lettori »

1. Marco89 ha scritto:

18 giugno 2014 alle 23:07

Scoppiettante la puntata di stasera. La trama devo dire più insolita rispetto alle altre fiction Ares, le linee di racconto sono state varie ed articolate ed è mancato, fortunatamente, un protagonista assoluto. I personaggi li ho trovati ben proposti e tutti piuttosto complessi, nessun ruolo buttato là.
Furore secondo me è stata un prodotto ben realizzato e anche ben recitato, Losito si conferma uno dei migliori. Sono molto dispiaciuto per la morte del personaggio della De Sio, davvero triste la sua storia, mi ha lasciato davvero l’amaro in bocca.

I presupposti per una seconda stagione ci sono, credo proprio si farà anche se proporre l’ultima puntata proprio durante una partita importante dei Mondiali, non è stato il massimo. Il bilancio è positivo, nessuno si aspettava certi numeri, ma Ares non si smentisce.



2. marcer ha scritto:

19 giugno 2014 alle 10:57

Mi auguro veramente di sì, dato che non è la solita minestra trita e ritrita con le solite facce e la solita trama! Mi ha veramente tenuta incollata al video e ho già acquistato i DVD!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.